abbigliamento e società. abbigliamento femminile palla stola tunica

Download Abbigliamento e Società. Abbigliamento femminile Palla Stola Tunica

If you can't read please download the document

Post on 03-May-2015

223 views

Category:

Documents

3 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Abbigliamento e Societ
  • Slide 2
  • Abbigliamento femminile Palla Stola Tunica
  • Slide 3
  • Matrone di rango Parigi, Louvre
  • Slide 4
  • Vibia Sabina con chitone (=tunica) e himation (=palla/ mantello) da Villa Adriana ? gi a Boston, Museum of Fine Arts
  • Slide 5
  • Abbigliamento maschile TogaTunica PallioPaenula ClamideSagum LacernaLaena DalmaticaCaracalla Bracaeperizoma
  • Slide 6
  • Toga Virgilio, Eneide, I 282 (aspera Iuno fovebit)Romanos rerum dominos gentemque togatam Restrictaet repubblicana Fusaet imperiale Contabulatabasso impero Trabeariservata a dei, re e infine ai cavalieri Purasenza ornamenti Candidariservata agli aspiranti alle cariche pubbliche Praetextamagistrati e ragazzi Pictatrionfatore Pullariservata al lutto
  • Slide 7
  • Toga restricta Firenze, Museo archeologico
  • Slide 8
  • Toga fusa Sarcofago di Acilia Roma, Museo Nazionale Romano
  • Slide 9
  • Toga contabulata Busto di Filippo lArabo (copia) Mosca, Museo Puskin
  • Slide 10
  • Tunica Gellio, Notti attiche, VI 12, 1-7 In Roma e in tutto il Lazio era contrario al decoro che gli uomini indossassero tuniche allungate oltre il polso fino allinizio delle mani o addirittura fin quasi alle dita. Tali tuniche i nostri le chiamarono, con parola greca, chirodytae, e ritennero che solo alle donne convenisse una veste abbondantemente lunga e larga, per celare braccia e gambe agli sguardi. Gli uomini romani in un primo tempo andavano senza tunica, avvolti solo nella toga; in seguito usarono tuniche strette e corte che finivano prima dell'omero, del tipo che i Greci chiamano esomide Secondo quest'uso antico vestiva Publio Africano, figlio di Paolo, uomo fornito di tutte le buone qualit,e d'ogni virt, il quale a Publio Sulpicio Galo, individuo effeminato, tra i moltissimi altri rimproveri portava anche questo, a titolo di vergogna: di usare tuniche che gli coprivano per intero le mani.
  • Slide 11
  • Bambini aristocratici Germanico a 5 anni Roma, Ara Pacis Processione meridionale
  • Slide 12
  • Lucio Cesare a 3 anni Roma, Ara Pacis Processione settentrionale
  • Slide 13
  • Piccolo Lord schiavetto New York, Metropolitan Museum
  • Slide 14
  • Un elegantone di IV secolo Roma, Musei Capitolini
  • Slide 15
  • Ricami e applicazioni Tuniche e clamidi decorate con orbiculi Piazza Armerina, Villa del Casale
  • Slide 16
  • orbiculus New York, The Brooklyn Museum da Antinoe (Egitto) V sec. d.C. Torino. Museo Egizio
  • Slide 17
  • Abiti da lavoro Roma, Museo Nazionale Romano
  • Slide 18
  • Padroni e schiavi Tunisi, Museo del Bardo
  • Slide 19
  • Vestire alla greca Svetonio, Vita di Nerone, 51 Nel culto della persona e nel vestire fu cos sciatto che aveva i capelli sempre tagliati a scaletta e, dopo il viaggio in Grecia, anche cadenti gi sulla nuca; inoltre usciva in pubblico quasi sempre senza cintura e scalzo, in veste da camera (synthesis) e con un fazzoletto al collo.
  • Slide 20
  • Pallio Istanbul, Museo archeologico Da Cizico
  • Slide 21
  • Clamide Istanbul, Museo Archeologico da Afrodisia
  • Slide 22
  • Treviri, Rheinisches Landesmuseum Vestire alla tedesca
  • Slide 23
  • Magonza, Mittelrheinisches Landesmuseum Belgrado, Narodni Muzej
  • Slide 24
  • Paenula Adventus di Domiziano dal Palazzo della Cancelleria Roma, Musei Vaticani
  • Slide 25
  • Sagum e bracae Roma, Colonna Traiana
  • Slide 26
  • Aspetti politici dellabbigliamento Plutarco, Questioni Romane, 49. Era usanza, come ha riferito Catone, che chi si presentava candidato a una carica lo facesse in toga senza la tunica. Perch? Forse per evitare che esercitassero corruzione portando denaro nelle pieghe del vestito. O piuttosto giudicavano chi era degno di avere una carica non dalle condizioni di nascita n dalla ricchezza n dalla reputazione ma dalle ferite e dalle cicatrici. Dunque allo scopo che queste fossero visibili a chi incontravano, per annunciare la propria candidatura si presentavano senza tunica. Oppure, come si conciliavano il favore popolare con saluti, sollecitazioni, inchini, cos pure umiliandosi con lo scarso abbigliamento.
  • Slide 27
  • Toga candida Cesare Maccari (1840 - 1919) Cicerone pronuncia il discorso in toga candida Roma, Palazzo Madama
  • Slide 28
  • Il clavus Striscia di porpora cucita sui vestiti a contraddistinguere gli ordines Laticlavus Angusticlavus
  • Slide 29
  • Toga praetexta POMPEI, Casa dei Vettii
  • Slide 30
  • Toga picta e tunica palmata Roma, Villa Albani da Vulci, Tomba Franois
  • Slide 31
  • Denario di Augusto, 19 18 a.C., Colonia Patricia. D/ CAESARI / AVGVSTO. Quadriga trionfale tirata da quattro cavalli. V/ S P Q R PARENT / CONS SVO. Toga picta su Tunica palmata tra due aquile legionarie e corona dalloro con medaglione.
  • Slide 32
  • Anelli e ordine equestre PLINIO, Storia naturale, XXXIII, 29-32 Gli anelli hanno distinto il secondo ordine dalla plebe, una volta che cominciarono a essere diffusi, cos come la tunica (laticlavia) distingueva il senato da coloro che portavano gli anelli.... Gli anelli hanno davvero introdotto un terzo ordine, intermedio fra la plebe e il senato, e il titolo che prima conferivano i cavalli da guerra ora lo assegnano quei simboli di ricchezza. Questo accaduto da non molto tempo. Quando il divo Augusto riorganizz le decurie, la maggior parte dei giudici portava l'anello di ferro, ed essi non erano chiamati cavalieri, ma giudici. Il titolo di cavalieri era riservato agli squadroni i cui cavalli erano forniti dallo stato.
  • Slide 33
  • Sotto il consolato di Gaio Asinio Pollione e di Gaio Antistio Vetere [23 d. C.], nellanno 775 dalla fondazione di Roma [22d.C.], fu fissata una norma sul diritto di portare anelli. E, ci che stupisce, la riorganizzazione avvenne per una ragione quasi futile, quando Gaio Sulpicio Galba, un giovanotto che andava a caccia di una reputazione presso l'imperatore istituendo ammende per i gestori di taverne, si lament in senato che gli osti fossero comunemente protetti dai loro anelli. In seguito a ci fu stabilito che nessuno avesse il diritto di portare l'anello se non era libero di nascita lui stesso cos come suo padre e suo nonno paterno, se non aveva un censo di 400.000 sesterzi e, in base alla legge Giulia sui teatri 3, non aveva diritto di sedere nelle prime quattordici file. Da allora in poi si cominci ad ambire in massa a questo distintivo