erbe aromatiche e officinali. indice introduzione basilico erba cipollina menta prezzemolo galleria...

Download Erbe Aromatiche e Officinali. indice Introduzione Basilico Erba Cipollina Menta Prezzemolo Galleria immagini Glossario Riferimenti WEB

Post on 02-May-2015

213 views

Category:

Documents

1 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Erbe Aromatiche e Officinali
  • Slide 2
  • indice Introduzione Basilico Erba Cipollina Menta Prezzemolo Galleria immagini Glossario Riferimenti WEB
  • Slide 3
  • Introduzione - segue > introduzione Questo lavoro rivolto ad una classe quarta e quinta di un Istituto Tecnico Agrario dove, nellambito delle materie di modulo e progetto colture florovivaistiche, abbiamo realizzato un ipertesto da presentare nellambito delle manifestazioni che la scuola organizza. Gli allievi hanno scelto le piante aromatiche officinali perch la richiesta di questi prodotti da parte dell industria farmaceutica, alimentare, cosmetica, erboristica in continuo aumento. Nel nostro paese la coltivazione di queste piante risente della concorrenza dei paesi dellEuropa dellEst. Discussione allievi: In classe si discusso con gli allievi quali dovessero essere le piante da inserire nellipertesto, la discussione mirato la scelta sulle piante pi utilizzate in erboristeria e in cucina. Molti allievi hanno trovato troppo limitata la ricerca in internet perci si sono recati anche alla biblioteca delluniversit: La classificazione botanica stata uno dei temi pi discussi in classe determinando le modalit di realizzazione delle schede botaniche. Per le immagini da inserire, i ragazzi hanno preferito cercare foto anticate anzich stampe fotografiche. La discussione in classe ha riguardato anche gli aspetti agronomici, fitoiatrici, ed economici dellargomento. Si discusso sullutilizzo di queste piante in aziende ad indirizzo biologico in quanto luso indiscriminato di antiparassitari incide sulla qualit dei principi attivi. Verr fatta unanalisi dei costi di produzione, lipertesto potr essere ampliato durante i due anni scolastici inserendo altre 35 piante aromatiche officinali. Gli allievi lavoreranno in gruppi di tre-quattro, ad ogni gruppo verranno assegnate cinque piante scelte. Materiali: Si cercher il materiale necessario su libri, riviste e internet.
  • Slide 4
  • Introduzione - inizio < Competenze acquisite: Le competenze acquisite sullargomento botanico riguardano la conoscenza e lutilizzo di chiavi di classificazione e della classificazione binomia. Gli allievi impareranno a descrivere un vegetale da un punto di vista morfologico. Dal punto di vista chimico gli alunni impareranno a conoscere le molecole che sono contenute nelle piante, il loro utilizzo e le loro propriet. Gli aspetti agronomici ed economici verranno ampliati successivamente durante il progetto di quinta. Lesperienza stata positiva, i ragazzi hanno lavorato con impegno e si deciso di sviluppare il progetto di quinta su argomenti che riguarderanno queste piante, in questo modo si potranno riutilizzare le schede gi preparate. Dal punto di vista informatico, gli allievi hanno imparato a strutturare un documento come ipertesto. Hanno imparato lutilizzo dei collegamenti ipertestuali relativi a segnalibri del documento stesso e a indirizzi internet. Durante la navigazione in internet, iniziata per la ricerca, si sono apprese le tecniche per la cattura dal web di testo e di immagini e la loro collocazione allinterno del lavoro in preparazione. Particolare attenzione stata prestata nelle gestione delle immagini, il loro ridimensionamento e le possibili modalit di ancoraggio al testo. Nella ricerca sul web, per lacquisizione di materiale, si sono utilizzati strumenti mai esplorati precedentemente quali gruppi di discussione e programmi di file-sharing. Le schede verranno utilizzate anche per una classe terza nel corso di Biologia applicata. Linsegnante, quando spiegher la classificazione binomia di Linneo, utilizzer alcune slide del presente documento per lattivit didattica. Riflessioni: Lesperienza di questo laboratorio stata fortemente positiva, gli allievi hanno partecipato con attenzione e forte motivazione alla realizzazione delle schede e alla preparazione dellipertesto. Si pensato di utilizzare le schede per una futura pubblicazione quando il documento sar integrato dalle altre 35 schede previste.
  • Slide 5
  • Basilico 1/3 Basilico Divisione: ANGIOSPERMAE Classe: DICOTILEDONIDICOTILEDONI Ordine: TUBIFLORAE Famiglia: Labiatae (Lamiaceae) Nome scientifico: Ocimum Basilicum L. Nome comune: Basilico Descrizione: E' una pianta erbacea annuale, usata in genere per insaporire minestre, salse, soprattutto di pomodoro, per insalate e liquori. Originaria dell'Asia tropicale e dell'Africa, la pianta fu importata dai Romani. Per la sua origine tropicale sempre coltivata e non si naturalizza mai. E perenne nelle regioni sub- tropicali. Esistono numerose specie e variet di basilico, tuttavia le pi coltivate sono quelle per la produzione del pesto genovese, di cui il basilico l'ingrediente principale. Tutte le variet si coltivano facilmente, anche in piccoli vasi. Il nome deriva dal greco Basiliks, che significa regale, ad indicare che questa era gi considerata nellantichit come la regina delle erbe. vedi immagine
  • Slide 6
  • Basilico 2/3 Morfologia della pianta: Fusto: eretto, ramificato in alto, cresce a cespugli frondosi alti 40 - 50 cm Foglie: di colore verde brillante e piuttosto carnose, sono ovali con i margini dentellati; la superficie glabra e lucida, talvolta bollosa. Fiori: piccoli, profumati con i boccioli biancastri, in mazzi circolari di sei, posti al di sopra di una coppia di piccole foglie; la corolla di colore biancastro o azzurrognola; fioriscono a tarda estate. Frutti: i semi sono lunghi 1 mm, di colore marrone scuro, contenuti a gruppi di quattro nelle corolle dei fiori. Droghe: foglie fresche Principi attivi: Tra i suoi principali composti presente un olio essenziale che contiene anche della canfora.olio essenziale Importanza farmaceutica e cosmetica: BELLEZZA: Linfuso fresco di foglie e fiori di basilico ottimo per un bagno ristoratore.Linfuso
  • Slide 7
  • Basilico 3/3 SALUTE: propriet: antispasmodiche, aromatiche, antinfiammatorie.antispasmodiche usato nella pratica erboristica per stimolare i processi digestivi e per attenuare i crampi allo stomaco sottoforma di decotto. Se lasciato a macerare nel vino per qualche ora, risulta un ottimo tonico. Altra propriet particolare del basilico quella di tenere lontane le mosche: per questo motivo si usa collocare i vasi di questa pianta sui davanzali delle finestre. Il basilico utilizzato anche per la cura contro linsonnia e il mal di testa di origine nervosa. Esplica unazione calmante, stimolante soprattutto per le digestioni lente. Sotto forma di tisana particolarmente indicato per fare risciacqui ai soggetti che soffrono di afta della bocca. Qualcuno lo suggerisce contro la caduta dei capelli. Lolio essenziale di basilico alleggerisce la fatica mentale.olio essenziale Impiego in cucina: Indispensabile nei piatti mediterranei. Si addice molto bene a pomodori, zucche, zucchini, fagioli, funghi, insalate di riso; il suo aroma abbastanza forte da competere con laglio e insieme formano la classica salsa genovese al pesto. La foglia fresca ha un profumo dolce,ottimo per esaltare il sapore dei pomodori freschi e dellolio doliva. La cottura ne esalta il gusto forte; il basilico largamente usato anche nella preparazione di conserve e liquori.
  • Slide 8
  • Erba Cipollina 1/2 Erba Cipollina Divisione: ANGIOSPERMAE Classe: MONOCOTILEDONIMONOCOTILEDONI Ordine: LILIIFLORAE Famiglia: Liliaceae Nome scientifico: Allium schoenoprasum L. Nome comune: Erba cipollina Descrizione: Il paese d'origine dell'erba cipollina sembra essere la Cina, ove quest'erba, che predilige come substrato un terreno fresco e ricco, era apprezzata gi quattromila anni or sono. E una bulbosa rustica che forma cespi molto fitti, alti anche una trentina di centimetri. vedi immagine
  • Slide 9
  • erba cipollina 2/2 Morfologia della pianta : Foglie: Le foglie di queste piante sono fini, cilindriche, erette, di un bel colore glauco. Fiori: A fine primavera o in estate appaiono i piccoli e graziosi fiori sferici, comunemente di un bel color malva, pi raramente bianco-rosati. Per avere steli pi aromatici e non esaurire le piante consigliabile recidere per i fiori non appena sono sbocciati; in ogni caso ne appariranno altri dopo poche settimane. Frutti: Dopo limpollinazione si forma una capsula. Droghe: Le foglie. Principi attivi: Tra gli oli essenziali dellerba cipollina citiamo: allicina, zolfo, vitamine del gruppo B. Importanza farmaceutica e cosmetica: Per quanto riguarda la salute, la pianta favorisce la digestione e inoltre l'alito non dar problemi. Ha propriet antiscorbutiche, antisettiche, callifughe, ipoglicemizzanti, cardiotoniche, cicatrizzanti. Un pugno di erba cipollina tritata e lasciata macerare 24 ore in un bicchiere grande di latte un rimedio efficace per attenuare le manifestazioni di ubriachezza ; va bevuta in 3 riprese nellarco della giornata. Un uso abbondante come condimento aromatico dei cibi consigliato a chi soffre di gonfiori e di gas intestinali. Impiego in cucina: Chi gradisce il sapore della cipolla, ma non la digerisce quando la aggiunge cruda alle insalate, pu sostituirla con qualche foglia di erba cipollina ben affettata. Laroma dell erba cipollina cruda si pu unire al burro o allolio o ancora sul pane tostato o raffermo: tipica bruschetta toscana o laziale. Insaporisce bistecche ai ferri, polpette, carni bollite, ripieni, zuppa di cipolle e pesce.
  • Slide 10
  • Menta 1/3 Menta Divisione: ANGIOSPERMAE Classe: DICOTILEDONIDICOTILEDONI Ordine: TUBIFLORAE Famiglia: Labiatae (Lamiaceae) Nome scientifico: Mentha piperita L. Nome comune: Menta Descrizione: Esistono pi di 600 variet di questa erbacea perenne rustica, vigorosa a tal punto che si incrocia spontaneamente e d vita a sempre nuove variet. La vitalit della menta tal