guida turistica di formia

16
PROVINCIA di LATINA COMUNE di FORMIA CITTÀ di CICERONE Città di Cicerone. Cicero’s city. guida turistica. touristic guide. Latina Italia formia

Upload: formiavacanze

Post on 05-Jul-2015

171 views

Category:

Travel


4 download

DESCRIPTION

Guida turistica della città di Formia

TRANSCRIPT

Page 1: Guida Turistica di Formia

PROVINCIAdi LATINA

COMUNE di FORMIA

CITTÀdi CICERONE

Città di Cicerone. Cicero’s city.

guida turistica.touristic guide.

Latina Italia

formia

Page 2: Guida Turistica di Formia
Page 3: Guida Turistica di Formia

territorio.

FORMIA dista 80 km da Napoli e 120 Km da Roma. Affacciata sul golfo di Gaeta e circondata dai monti Aurunci, conta poco più di 37.000 abitanti ed è raggiungibile rapidamente grazie a una efficiente rete stradale e ferroviaria.Nel 1944, durante la seconda guerra mondiale, la città subì gravi danni, ma grazie a recenti opere di restauro il suo notevole patrimonio artistico è arrivato sino a noi riuscendo ancora a emozionare.

FORMIA is about 80 kilometres from Naples and 120 kilometres from Rome. Overlooking the Gulf of Gaeta, Formia is surrounded by Aurunci Mountains. It has almost 37,000 inhabitants and is easily accessible by an efficient road and railway system.The town was heavily damaged during the Second World War, in 1944. Yet recent restoration works allow the appreciation of a remarkable artistic heritage, which stirs up the emotions.

Scheda tecnica

Technical card

Regione:

Provincia:

Superficie:

Latitudine:

Longitudine:

Nome abitanti:

Numero Abitanti:

Borghi e frazioni:

Lazio

Latina

73,53kmq

41° 15’ 22” N

13° 36’ 21” E

Formiani

37.483

Maranola,

Trivio, Castellonorato, Penitro,

Santa Croce, Gianola

Lazio

Latina

73,53kmq

41° 15’ 22” N

13° 36’ 21” E

Formiani

37.483

Maranola,

Trivio, Castellonorato, Penitro,

Santa Croce, Gianola

Region:

Province:

Surface:

Latitude:

Longitude:

Population name:

Population number:

Villages and suburbs:

pagina 03

territory.

foto

TERRACINAFORMIA

Page 4: Guida Turistica di Formia

Formia è una delle più antiche città del sud pontino. Il suo nome deriva dal greco hormiai (approdo) in quanto, secondo la leggenda, era uno dei luoghi dove approdarono le navi di Ulisse. In seguito, solo la sua imbarcazione riuscì a salpare nuovamente, a causa della presenza dei Lestrigoni, antichi giganti cannibali.Formia conserva numerose e notevoli testimonianze del suo passato dall’età romana all’età medievale.In epoca romanaè stata una località turistica molto apprezzata, come testimoniano i resti di numerose ville. Il più illustre ospite della città, proprietario di una villa, il Formianum, fu Marco Tullio Cicerone. Dal Formianum,seguiva i fatti politici di Roma al tempo della guerra civile,

Formia is one of the oldest towns of the South Pontine Area. Its name derives from the Greek hormiai (landing place) which, according to the legend, was one of the places where Ulysses’ ships docked and set sail with the presence of Lestrigoni (ancient cannibal giants) on board. Formia keeps several and remarkable testimonies of its past and it has been appreciated as tourist destination from the Roman to Middle Ages, as the ruins of many villas testify. The most famous guest of the town was Marcus Tullius Cicero. He was the owner of a villa called Formianum. During the Civil War, supervised the political actions of Rome from the Formianum. Cicero was later joined by his wife Terenzia

pagina 04

storia, arte e culturahistory, art and culture

Page 5: Guida Turistica di Formia

(Chiesa di S.Erasmo via degli Olivetani Tel. e fax 0771.700287 Visite:Estate: domenica, dalle 18:00 alle 20:00 tutti gli altri giorni su richiestaInverno: domenica, dalle 17:00 alle19:00 tutti gli altri giorni su richiesta)Porticciolo Caposeleannesso al complesso residenziale storicamente attribuito a Cicerone.È costituito da terrazze con giardini e da due ninfei degradanti sul mare.Teatro Romanodel I sec. a.C. sorge nel borgo di Castellone. La leggenda vuole che, il 2 giugno del 303 d.C., durante le feroci persecuzioni cristiane, in questo luogo sia stato perpetrato il martirio, del vescovo di Antiochia (e poi Santo Erasmo di Formia), il cui culto risulta ancora così forte nella città.

lì lo raggiunsero la moglie Terenzia e la figlia Tulliola,che secondo la tradizione è sepolta sul pendio di fronte la tomba del padre; lì, Cicerone venne raggiunto e assassinato dai sicari di Marco Antonio nel 43 a.C.

Da visitareMuseo Archeologico Nazionalequi sono conservatenumerose testimonianze di epoca romana nell’ala del settecentesco palazzo municipale nota come Stalloni dei Borboni (Palazzo Comunale via Vitruvio tel. 0771.770382 Visite: Tutti i giorni dalle 09:00 alle 19:00).Museo Archeologico della Chiesa di S.Erasmo, situato in un vasto ambiente ipogeo rinvenuto sotto il piano del pavimento della chiesa.

pagina 05

storia, arte e cultura. history, art and culture.

Marco Tullio CiceroneArpino 106 a.C. - Formia 43 a.C.Sulla base di quanto riportato dallo stesso Cicerone in diversi epigrammi la permanenza nel Formianum era rivolta all’otium, inteso come uno stile di vita dedito alle attività intellettuali, ricreative e ristoratrici che si contrapponevano al fare del negotium. Ed è proprio nel Formianum che il 7 dicembre del 43 a.C. l’imperatore trovò la morte per mano dei sicari del triunviro Marco Antonio che, grazie all’aiuto di un liberto di nome Filologo, lo raggiunsero e lo decapitarono. Il corpo fu mutilato; le mani (forse solo la destra) e la testa furono esposte a Roma, in senato, e appese ai rostri dai quali i senatori pronunciavano le orazioni.

Marcus Tullius CiceroArpino 106 BC - Formia 43 BCAccording to the contents of his several epigraphs, Cicero states that his stay in the Formianum was at the otium (leisure). In contrast to the negotium, the lifestyle here was predominantly replenishing, with recreational and intellectual activities. It was precisely in the Formianum, on 7th December in 43 BC, that Mark Antony’s hired killers assassinated the Emperor. Mark Antony and a freed slave, named Filologo, then beheaded Cicero. His body was maimed, his hands (maybe only the right one) and his head were showcased in the Senate of Rome.

and his daughter Tulliola, who, according to the tradition, is buried on the slope in front of her father’s tomb. In 43 BC, Mark Antony’s hired assassins murdered Cicero.To visitNational Archaeological Museum where numerous Roman Age testimonies are preserved at the, which is placed in a wing of the eighteenth-century Town Hall known as “Stalloni dei Borboni” (Town Hall via Vitruvio. Phone: 0771. 770382 Visits: every day from 9 am to 7 pm).Archaeological Museum of St. Erasmus Church, which is situated in a large underground room, under the church’s floor (St . Erasmus Church via degli Olivetani Phone: 0771.700287 Visits: Summer; on Sunday from 6

pm to 8 pm all others days on request. Winter; on Sunday from 5 pm to 7 pm, all other days on request ).Porticciolo CaposelePorticciolo Caposele is a residential complex and historically attached to Cicero. It is made up by terraced gardens and two nymphets overlooking the sea.Roman TheatreThe Roman Theatre from the first century BC stands in the suburb of Castellone. According to the legend, in this place, on 2nd June 303 AD, during the terrible Christian persecution, the Bishop of Antioch suffered martyrdom and later alsoSt. Erasmus from Formia, whose cult is still so important for the town.

Page 6: Guida Turistica di Formia

Tomba di CiceroneIl monumento funerario è un sepolcro colombario di età augustea, a pianta centrale e cilindro cementizio. La tomba turriforme, alta 24 metri, è costituita da un basamento tronco piramidale quadrato di metri 17 di lato e alto metri 9, in blocchi di calcare. Racchiude un'alta cella circolare intervallata da sei nicchie in opus-testaceum ed è coperta da una volta anulare impostata al centro su un pilastro a sezione circolare di elementi lapidei.La torre cementizia circolare, un tempo rivestita in marmo, ha come unica funzione quella di innalzare alla massima visibilità il sepolcro.Visite prenotabili al Museo Archeologico Nazionale0771.770382.

Tomb of CiceroThe monumental tomb of Cicero is of the Augustan age.It’s 24 metres high and 17 metres long, and is composed of a square pyramidal base with limestone blocks of nine metres.It is made up of a high circular cell, divided into six niches of opus-testaceum. It is covered by an arch set on the center of a circular pillar of stone elements.Improving the monument’s visibility, which was of marble, is a cylindrical cement barrel.Information for booking visits to the National Archaeological Museum: 0771.770382

pagina 06

storia, arte e cultura. history, art and culture.

Cisternone romanoè una antichissima cisterna datata I sec. a.C. L’imponente struttura ipogea è ubicata nel centro storico di Castellone.Criptoporticibasis villae di una residenza romana del I sec. a.C., sorgono sotto la villa comunale. Sono strutturati in diversi ambienti utilizzati come magazzini connessi con l’antistante peschiera che fungeva da vivaio ittico.Villa di Mamurracostruita nel I sec. a.C. da Lucio Mamurra, cavaliere romano nativo di Formia. Vi si possono ammirare il ninfeo denominato Tempio di Giano, le imponenti tracce delle terme e delle terrazze sul mare, le cisterne e la peschiera di epoca romana. Informazioni Parco Regionale Riviera d’Ulisse 0771.743070

In epoca medievaleFormia fu spesso depredatae i suoi abitanti fuggirono dividendosi in due nuclei che poi diventarono sobborghi di Gaeta: la zona marittima Mola di Gaeta e quella collinare Castellone.Per secoli i due rioni furono separati da giardini di agrumeti e soltanto nel 1863 i borghi furono riuniti col nome di Formia.

Da visitareBorgo di Castelloneè una suggestiva fusione di strutture romane e medievali, sorto per contrastare le invasioni via mare. Sull’antico ingresso si erge la torre che conserva stratificazioni di tre diverse epoche.Chiesa di Sant’Erasmosorge su un’antica necropoli paleocristiana che comprende

Roman CisternThe Roman Cistern is an ancient cistern dated from the first century BC.The massive underground structure is situated in the historical centre of Castellone.CryptoporticusBasis villae is a Roman residence from the first century BC, rising under the municipal villa. They are placed in several rooms which are used as warehouses and they are situated in front of the fish pond, which was a fish farm.Villa MamurraLucio Mamurra, a Roman knight who was born in Formia, built Villa Mamurra during the first century BC . We can admire the nymphaeum called “Temple of Janus”, the imposing ruins of the Roman thermae and the terraces overlooking the sea, the cisterns and the Roman fish pond. Information at: Regional Park of the Ulysses Riviera, 0771. 743070 ).

In Middle Age Formia was often plundered and its inhabitants escaped forming two separate groups that later became the suburbs of Gaeta:the seaside Mola of Gaeta and the hilly area of Castellone.For centuries, citrus plantations separated the districts, and it was only in 1863 when they joined under the name of Formia.The suburb of CastelloneThe suburb of Castellone is a suggestive fusion of Roman and medieval structures, built to oppose the invasions by sea. The Tower at the ancient entrance still preserves the historical phases of three different ages.Church of St. Erasmus The Church of St. Erasmus stands on an ancient early Christian necropolis and within lies a tomb identified as the martyr grave.

Page 7: Guida Turistica di Formia

pagina 07

storia, arte e cultura. history, art and culture.

la tomba identificata con il sepolcro del martire.Chiesa di Sant’Anna edificata attorno al X sec. ospita nell’abside l’affresco a tempera raffigurante la natività della Vergine risalente al XVI sec.Chiesa di San Roccoche conserva una preziosa pala d’altare della metà del 1500, firmata da Girolamo Stabile, rappresentante la sacra immagine della Vergine col bambino, tra i santi Rocco e Sebastiano.Borgo di Molasi presenta, come un sistema di mura difensive concepite come un ingresso alla fortezza gaetana, da cui il nome conferitogli di Mola di Gaeta. A testimonianza del sistema di fortificazione voluto dall’imperatore Carlo II d’Angiò, resta la torre di Mola, mastio cilindrico (XIII sec.), pregevole

St. Anne ChurchSt. Anne Church was built about the tenth century andin its apse is preserved a distemper fresco from the sixteenth century representing the Virgin Nativity.St. Rocco ChurchInside St. Rocco Church is a precious alter-piece from the middle of 1500, signed by the artist Girolamo Stabile.It represents the sacred image of the Virgin and the Infant Jesus with the saints Rocco and Sebastian.Suburb of MolaThe suburb of Mola was built as a complex for defense to the fortress of Gaeta, and thus the name Mola of Gaeta. The Tower of Mola is the testimony of the fortification system desired by the Emperor Charles II d’Angiò.It is a cylindrical tower (thirteenth century), and is a great example of Angevin military architecture.

To visitVillage of MaranolaSituated in the village of Maranola is the Annunziata Church and the St. Mary and Martyres Church inwhich is preserved beautiful baroque altars and a terracotta crib dated 1700. There is also the Church of St. Luke the Evangelist with a medieval crypt which has a wall painting dedicated to the religious cult of the Madonna of Milk. On Mount Altino we can find the monument to the Redeemer and the Monastery of St. Michael Archangel whose place was obtained directly from the rock wall faced to the West.Village of TrivioIn the village of Trivio there is the Church of St. Andrew the Apostle.Village of CastellonoratoIt was founded by Count Onorato I Caetani for military reasons (Casrtum Honorati). From the village we can have a magnificent view on the entire coast.

esempio di architettura militare angioina.Borgo di Maranola con le chiese dell’Annunziata, di Santa Maria ad Martyres, che custodisce splendidi altari barocchi e un presepe di terracotta del 1700, e di San Luca Evangelista con una cripta medievale che conserva una pittura parietale dedicata al culto della Madonna del Latte. Sul monte Altino si trova il monumento al Redentore e l’Eremo di San Michele Arcangelo il cui ambiente fu ricavato direttamente dalla parete rocciosa esposta a occidente.Borgo di Triviopiacevole sito con la chiesa di S. Andrea apostoloBorgo di Castellonoratofondato dal conte Onorato I Caetani per motivi militari (Castrum Honorati). Dal borgo si gode una magnifica vista sull’intero golfo.

Cisternone RomanoI sec. a.C.Il Cisternone Romano è la più grande cisterna romana visitabile (dopo quella di Istanbul). È scandita da file di pilastri che suddividono l’ambiente in 4 navate coperte da volte a pseudo crociera ed è alimentata dalle sorgenti della zona collinare di Santa Maria la Noce per garantire il rifornimento idrico a tutta l'antica città romana. Le caratteristiche tecniche dell'opera sono imponenti: una superficie di circa 1100 mq, un volume di circa 7000 mc, un lunghezza massima di circa 63 m e una larghezza massima di 24m.Per informazioni e visite 0771.778440

Roman CisternFirst century BCThe Roman Cistern is the largest of its kind after the Roman cistern of Istanbul. It’s made up by a stream of pillars, which divide the interior into four naves covered by cross vaults. The Cistern is filled by the springs of the hilly area of “Santa Maria la Noce”, that assured the water supply to the whole of the ancient Roman City. The technical features of the cistern are impressive: nearly 1100 square metres surface-area, approxmatelly 7000 cubic metres in volume, 63 metres in length and it’s 24 metres wide.Information and visits : 0771. 778440

Page 8: Guida Turistica di Formia

Il vasto territorio di Formia permette di partire dalla costa e arrivare, tra alte pareti rocciose sulla vetta del monte Petrella e scoprirsi a soli 6 km in linea d’aria dal mare. Un’esperienza unica che il visitatore può sperimentare lasciandosi alle spalle le spiagge del litorale per addentrarsi verso il Parco Naturale dei Monti Aurunci. Formia è anche questo.La porta di accesso al Parco Naturale dei Monti Aurunciè il borgo medioevale di Maranola. Nel parco il Club Alpino Italiano (CAI) propone diversi sentieri, segnalati con le tipiche bandierine bianco-rosse riportate su alberi o su rocce, che consentono di scoprire le bellezze paesaggistiche e naturalistiche di questi monti. Percorrendo i monti Aurunci, la prima sensazione è quella di un massiccio montuoso

Formia has a vast territory, stretching from the coast across high rocky walls.It is possible to arrive at the top of Mount Petrella, which is only six kilometres from the sea. It’s a wonderful experience for the visitor to sense coastline penetrating the Natural Park of Aurunci Mountains. Formia is also this.The medieval village of Maranola is the gate of the Natural Park of Aurunci Mountains. The Italian Alpine Club (CAI ) suggests several trails within the Park, which allows to discover the natural and landscape beauties of these mountains. They’re marked with the typical red and white flags placed on the trees or on the rocks.Crossing the Aurunci Mountains, the first sensation

pagina 08

natura e ambiente.nature and anbient.

Page 9: Guida Turistica di Formia

pagina 09

natura e ambiente. nature and ambient.

brullo e coperto di macchia mediterranea, con le ginestre, l’albero di giuda, i fiori di mirto, le erbe aromatiche della valeriana e della salvia che ben presto lasciano spazio ai lecceti di monte Ruazzo, ai faggeti del Petrella, ai prati e ai pascoli del più verde e fresco versante nord-orientaledove fiorisce anche la rosa pendulina e la viola pseudogracilis.Spesso di notte si incontranoanimali come la faina, la volpe e il misterioso gatto selvatico e non sono rari avvistamenti di tassi, cinghiali e lepri.Negli ultimi anni si è registrato il ritorno, nel suo antico habitat, di alcuni esemplari di lupo, affascinante animaleda tempo scomparso daqueste zone.

Al Parco dei Monti Aurunci si aggiunge, nel territorio del comune di Formia, un’ulteriore area protetta situata lungo la costa, sul promontorio di Gianola: il Parco Regionale della Riviera d’Ulisse.All’interno di questo parco, un’Oasi Blu preserva l’ambiente marino caratteriz-zato da fondali rocciosi e, a tratti, anche sabbiosi, su cui troviamo alghe coralline e alghe verdi. Triglie, salpe, saraghi, cerchie e cavallucci di mare sono invece incontri frequenti per chi decide di dedicarsi a un tranquillo seawatching. La vegetazione costiera è quella tipica della macchia mediterranea.Sono vietate la pesca e la navigazione a motore.

is that of a mountainous massif which is bare and covered with Mediterranean vegetation. We can observe: brooms, the Judas tree, myrtle flowers, sweet herbs like valerian and sage.We can find also the ilex groves of Mount Ruazzo,the beech woods of Mount Petrella, and the rough grazing of a flourishing North-East facing meadow, where the pendulant rose and the pseudogracilis viola bloom. During the night it’s easy to discover a variety of wildlife, including beech-marten, fox and the mysterious wild cat, and, it’s not unusual to meet also badgers, wild boars and hares. Recent years have seen a return of wolf to this habitat, a fascinating animal that was absent for a long time.

In the Park of Aurunci MountainsWithin the territory of Formia, it is possible to reach another protected area located along the coast, on the cape of Gianola: Ulysses Riviera Park. This is a blue oasis, which preserves the sea habitat of rocky and sandy floors where there are coral and green seaweeds. Anyone who decides to relax by sea can probably see an extraordinary variety of fishes like: mullets, salpas, sargos, cerchie and seahorses. The coastal vegetation is typically Mediterranean.Fishing and use of motorboats are forbidden.

Page 10: Guida Turistica di Formia

Solennità e sensazioni sono gli elementi che caratterizzano gli eventi della città, che lasciano chiaramente emergere la dimensione del sacro insieme agli elementi profani, consolidando il legame tra tradizione, gastronomia e culto.Tali eventi ricordano la dualità della città di Formia: due borghi oggi uniti in un’unica città che conserva però due patroni, Sant’Erasmo Vescovo e Martire Protettore dei Naviganti, a cui è devota la zona alta di Castellone, e San Giovanni Battista, a cui è rimasta fedele la zona di Mola.SANT’ERASMOIl 2 giugno si festeggia uno dei santi patroni della città. Le prime notizie attestanti il culto del santo risalgonoal IV secolo quando si venne a conoscenza che il corpo del vescovo Erasmo era custodito nella chiesa di Formia.

The events of the town are marked by solemnity and good sensations which reflect the sacred dimension linked to profane factors, strengthening the connection among tradition, gastronomy and religion. These festivities show the duality of the town of Formia: two suburbs joined in a single town, but withholding two different patron saints. The suburb of Castellone is devoted to St. Erasmus Bishop and Martyr, the patron saint of sailors, whileMola is devoted to St. John the Baptist.St. ErasmusSt. Erasmus is one of the patron saints of Formia. His sainthood is celebrated on 2nd June. The first artifact retelling the veneration of the Saint dates back to the fourth century when the body of the Bishop Erasmus was kept in the church of Formia.

pagina 10

tradizione e gastronomia.traditions and food.

Page 11: Guida Turistica di Formia

pagina 11

tradizione e gastronomia. traditions and food.

A seguito della distruzione della città da parte dei saraceni nell'842, le reliquie furono trasferite a Gaeta, dove furono ritrovate nel 917 dal vescovo Bono. Sant'Erasmo fu quindi proclamato patrono della città e, meno di un secolo dopo, Papa Pasquale II consacrò la nuova cattedrale al nome di sant'Erasmo e di Maria, Madre di Gesù.Durante il medioevo il suo culto si consolidò e venne inserito tra i cosiddetti Santi Ausiliatori, quale patrono dei marinai e protettore dei malati di stomaco.SAN GIOVANNI BATTISTADal 23 al 25 giugno si celebrano i festeggiamentiin onore di San Giovanni Battista a cui è dedicata l’omonima chiesa che sorge nel quartiere di Mola. L’intero borgo si veste a festa

per la solenne processionedi San Giovanni, che si conclude con la benedizione del mare.Pellegrinaggio al Santuario di S. Michele Arcangelo. Nell’ultima domenica di giugno il santo viene accompagnato in processione dal borgo di Maranola all'antico eremo paleocristiano di monte Redentore.La statua di S. Michele Arcangelo resta nel santuario per tutta l'estate a proteggere quanti lavorano in montagna.Tornerà a Maranola sempre in processione il 29 settembre, festa di S. Michele.

In the year 842 the Saracen destroyed the town and the relics of the Bishop Erasmus were transferred to Gaeta, where the Bishop Bono found them in 917. St. Erasmus was proclaimed patron saint of the town and, less than a century later, Pope Pasquale II dedicated the new cathedral to St. Erasmus and to Mary Mother of Jesus. In the MiddleAge his cult increased and he was included on the list of the Helpers of Christian Saints because he became the patron of sailors and of persons sick in stomach.St. John the BaptistThe festivities of St. John the Baptist are celebrated from 23rd June to 25th June. To St. John is dedicated the homonymous church located in the part of Formia known as Mola. The whole suburb takes part in the religious procession

of St. John the Baptist., which ends with the blessing of the sea.Pilgrimage to the shrine of St. Michael ArchangelThe last Sunday of June, with a religious procession, the statue of Saint Michael Archangel is carried from the village of Maranola to the ancient early Christian monastery on Mount Redeemer. The statue of St. Michael Archangel stays in the shrine throughout the summer to protect who works on the mountain. It returns to Maranola during the feast of St. Michael with a religious procession on 29th Sepember.

Formia da GustareOgni anno viene proposto un calendario di appuntamenti enogastronomici in cui, i ristoranti aderenti all’iniziativa, ripropongono e reinterpretano un alimento o una produzione locale specifica con dei menù a prezzo fisso. La rassegna enogastronomica, nata con il patrocinio di Slow Food Formia, mira al duplice obiettivo di mantenere vive le tradizioni gastronomiche locali e di regalare una serata all’insegna del buon cibo e del buon vino non trascurando un interessante approfondimento sui vini e sui piatti in degustazione, grazie alla presenza di esperti enologi.Per informazioni 0771.21454

Formia to tasteEach year there are a stream of events promoting the wine and gastronomic specialities. Some restaurants propose special local dishes with menu to fixed price. These events are born with the support of the “Formia Slow Food” that aims to keep alive the local gastronomic traditions and to provide a wonderful night with good quality food and fine wine. There is an interesting breadth of wine varieties and local cuisine thanks to the presence of wine experts.Information 0771.21454

Page 12: Guida Turistica di Formia

pagina 12

tradizione e gastronomia. traditions and food.

GastronomiaTra i borghi di Formia è possibile andare alla scoperta delle tradizioni, degli usi e dei costumi di chi ha abitato queste terre.Le locande e i locali tipici di Castellone e di Mola agevolano questa scoperta dove l’inconsueto connubio tra i sapori della cucina marinaresca e i sapori di quella contadina, si ritrova nella composizione dei tanti piatti tipici che vanno dalle zuppe di pesce alle minestre di legumi con i frutti di mare, passando per le fritture di paranza e le minestre a base di cicorietta, borragine, finocchietto e altre piante selvatiche.Questi accostamenti sono il frutto di una tradizione chesi tramanda di massaia in massaia.

GastronomyAmong the suburbs of Formiais possible to find lives and customs of past inhabitants. The inns and typical restaurants of Castellone and Mola intensify the combination between the rural and seafaring traditions. Typical dishes include: fish soup; legume soup with shellfish; mixed fried fish; soups with chicory, borage, fennel and others wild herbs. These combinations are the results of an old tradition handed down from housewife to housewife.The main traditional festivitiesThe Bagpipes Festival: this is a festival of music and traditional culture, it takes place in the village of Maranola on January.The Nativity Play: heldon 26th December , on 1st and 6th January inMaranola.

Principali feste tradizionaliLa zampogna festival di musica e cultura tradizionale, a gennaio, borgo di Maranola.Presepe vivente26 dicembre e il I e il 6 gennaio, borgo di Maranola.Festa di S. Erasmo2 - 4 giugno. Festa di S. Giovanni Battista 23 - 25 giugno.Pellegrinaggio al santuario di S. Michele Arcangelo, ultima domenica di giugno, monte Redentore.Festa del Cuore di GesùI weekend di luglio, Penitro.Festa di S. Anna26 luglio, Castellone.Festa della Madonna delle Grazie I weekend di agosto, Gianola.Festa di San Rocco 15 e 16 agosto, borgo di Castellonorato.Festa di S. Luca 18 ottobre, borgo di Maranola.Festa di S. Andrea 18 novembre, borgo di Trivio.

St. Erasmus Feast: held on 2nd and 4th June .St. John the Baptist:held from 23th to 25th June.Pilgrimage to the Shrine of St. Michael Archangel: held the last Sunday of June on Mount Redeemer.The Feast of the Sacred Heart:held on the first weekend of July in the suburb of Penitro.St. Anne Feast: held on 26th July in Castellone.The Feast of Our Lady of Graces: held during the first weekend of August in Gianola.St. Rocco Feast: held on 15th and 16th August in the village of Castellonorato.St. Luke Feast: held on 18th October in the village of Maranola.St. Andrew Feast: held on 18th November , in the village of Trivio.

Le Notti di CiceroneOgni anno lo straordinario patrimonio artistico, monumentale e paesaggistico della città, ospita il festival Le notti di Cicerone, una serie di appuntamenti dedicati alla scoperta dell’archeologia e della storia antica. Attività ludiche e didattiche per bambini e ragazzi, lezioni di storia all’aperto, degustazioni di cibi degli antichi romani, visite guidate ai siti archeologici e spettacoli originali per ricreare l’ambiente e l’atmosfera che si respirava ai tempi in cui visse Marco Tullio Cicerone, figura simbolo dell’antichità. Niente di strano quindi se nel periodo de Le notti di Cicerone girando per la città si incontrano antiche vestali e centurioni, se le strade sono illuminate da fiaccole e torce, se ci si saluta in latino, se si assiste a un combattimento tra gladiatori o se nei ristoranti si degustano pietanze dell’epoca romana. Basta chiudere gli occhi e immergersi da protagonisti ne Le notti di Cicerone.Informazioni 0771.778440

The Nights of CiceroAnnually, the extraordinary artistic, monumental and landscape heritage of the town holds the festival“ The Nights of Cicero”. It’s a series of events dedicated to the discovery of the archaeology and ancient history. The festival is characterized by: didactic and ludic activities for kind and lads, open-air history lessons, food tasting of ancient Roman, guided visits to archaeological sites and original performances recreating the atmosphere and times of Marcus Tullius Cicero (an emblematic figure of ancient times). During the festival “The Nights of Cicero” it’s not unusual to meet lively characters role-playing, like centurions and vestals, in the town. Torches and candles light up the streets and people greet in Latin language. It’s also possible to watch a centurions fight and in the restaurants you can taste the food of the Roman Age. Close your eyes and you can become the protagonist of “ The Nights of Cicero”.Information 0771.778440

Page 13: Guida Turistica di Formia

sport e tempo libero.sport and hobbies.

Formia è una meta privilegiata per lo sport grazie al clima temperato e ai numerosi impianti presenti che permettono una perfetta unione tra sport, cultura e relax. TREKKING. È possibile fare piacevoli passeggiate nel Parco dei Monti Aurunci attraverso sentieri perfettamente segnalati, fino ai 1533 metri del monte Petrella, dal quale si può godere di una magnifica vista che spazia fino alla penisola sorrentina. Gli appassionati della mountain bike, in particolare, potranno intraprendere la scalata che porta, dopo un percorso impegnativo e molto tecnico di 25 km, da Maranola agli oltre 1250 metri della cima del monte Redentore. Come viene definito dagli amanti di questo sport un vero percorso montano con

Formia is in a privileged area for various sports. The temperate climate and numerous facilities allow perfect harmony of sport, culture and relaxation. TREKKING It is possible to take pleasant walks in the Park of Aurunci Mountains. Following the paths, perfectly indicated, we can reach Mount Petrella (1533 metres) where is possible to enjoy a splendid view as far as the Peninsula of Sorrento. Keen mountain-bikers can climb the Mount Redeemer (1250 metres) starting from Maranola and crossing an exacting and technical25 kilometres course.This is a real mountain route, with splendid sea views.Information at: 320.4556980 – 349.8785830

pagina 13

Page 14: Guida Turistica di Formia

pagina 14

sport e tempo libero. sport and hobbies.

vista mare. Informazioni 320.4556980 - 349.8785830SNORKELING E DIVING All’interno del Parco Regionale della Riviera D’Ulisse si possono praticare immersioni nell’ambiente marino dell’Oasi Blu WWF.Il fondale è parallelo alla costa e raggiunge circa 4 metri di profondità. Gli appassionati possono dedicarsi alla fotografia subacquea non tralasciando l’opportunità di intraprende-re un corso subacqueo in una scuola autorizzata. Informazioni 392.2261172PESCATURISMOè possibile effettuare escursioni a bordo di imbarcazioni attrezzate per pescare con diverse tecniche o per vivere emozionanti esperienze naturalistiche. Informazioni 347.2261504

VELA, WINDSURF E KITESURFLa zona balneare di Vindicio è un paradiso per gli appassionati di questi sport che possono essere praticati anche in inverno grazie all’energico soffio dei venti di Grecale e di Tramontana.Chi vuole avvicinarsi a questi sport può affidarsi alle numerose scuole che popolano la spiaggia di Vindicio.Informazioni Comitato Velico Formia 0771.324567 - 335.7694234 - 335 7248464TENNISSono presenti vari circoli di tennis che dispongono di campi in terra rossa, cemento e un campo in erba da training per bambini.È possibile prenotare lezioni sia con maestri nazionali che con istruttori nazionali iscritti al Professional Tennis Registry. Informazioni 335.8240126 - 0771.735096

SNORKELING AND DIVINGIn the Regional Park of Ulysses Riviera is possible to immerse into the sea habitat of the Blue Oasis (wwf). The sea floor is parallel to the coast and it’s four metres deep.Sea lovers can devote themselves to underwater photography or attend diving courses at an authorized school.Information at: 392.226117TOURIST FISHINGIt’s possible to make some excursions on fishing boats to experience a range of different fishing techniques, or simply, to enjoy the natural environment.Information at: 347.2261504

SAILING , WINDSURF AND KITE SURFINGThe coast of Vindicio is a paradise for lovers of water sports. Conditions are suitable also in the winter months due to the strong north wind and the Gregale wind. Those who desire to take part in these sports can attend one of the several school present on the seaside of Vindicio.Information at : Sailing Committee of Formia 0771.324567 – 335.7694234 – 335.7248464TENNISThere are several tennis clubs offering red earth and cement courts, and a grass court for children training. Lessons can be reserved with reputed national coaches enrolled with the Professional Tennis Registry.Information : 335. 8240126 – 0771.735096

C.O.N.I.La Scuola Nazionale di Atletica Leggera di Formia nasce nel 1955, sull'antico Parco Reale posizionato di fronte al mare.La International Association of Atheltics Federation (IAAF) ha ufficialmente certificato e riconosciuto il C.O.N.I. di Formia quale Centro di Preparazione Olimpica Internazionale, grazie alla possibilità di organizzare stages e convegni tecnici, nazionali e internazionali, contestualmente ad un'impiantistica (outdoor e indoor) di elevato livello. Il Centro dispone di 3 blocchi residenziali, un ristorante, una sala ritrovo, un’aula magna da 200 posti, una biblioteca e altre aule didattiche tutte dotate di sistemi audiovisivi, nonché di un centro medico fisioterapico.Informazioni 0771.32191

C.O.N.I.(The Italian National Olympic Committee)The National School of Athletics of Formia was founded in 1955, in the ancient Royal Park, which is situated in front of the sea. The International Association of Athletics Federation ( IAAF) has officially certified and recognized the C.O.N.I. of Formia because it’s a Centre of International Olympic Training. Here it is possible to organized stages and national and international technical conferences.The center has a high level engineeringplant (outdoor and indoor). It has three residential blocks, a restaurant, a lounge, an Aula Magna with 200 seats, a library and others conference rooms equipped with audio-visual system and a medical centre of physiotherapy.Information 0771.32191

Page 15: Guida Turistica di Formia
Page 16: Guida Turistica di Formia