guida turistica di lecco

26
LECCO GUIDA DI scarica le altre guide su www.weagoo.com when? who? what? where? why? FREE!

Upload: lorenzo-strada

Post on 22-Mar-2016

242 views

Category:

Documents


4 download

DESCRIPTION

Guida turistica della città di Lecco con all'interno i principali punti d'interesse da visitare ed approfondimenti vari. Nessuna pubblicità fastidiosa all'interno!!!

TRANSCRIPT

Page 1: Guida Turistica di Lecco

LECCOGUIDA DI

scarica le altre guide su www.weagoo.com

AR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

when?

who?

what?

where?

why?

FREE!

Page 2: Guida Turistica di Lecco

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

Weagoo è un’azienda specializzata nella rac-colta ed elaborazione di informazioni turistiche brevi ed essenziali a carattere storico, artistico, culturale, naturalistico ed architettonico. Wea-Goo, nella sua attività di ricerca e recensione dei siti, con gli attuali 24.000 punti d’interesse, 110 province, 1.400 comuni e tutte le città d’arte italiane, sta costantemente e progres-sivamente realizzando una mappatura capil-lare del territorio che comprende anche località minori, ma non per questo prive di storia e di testimonianze importanti.Il nostro obbiettivo è creare il più grande data-base d’informazioni turistiche localizzate e de-scritte in modalità “short information” concepite per fornire un’informazione essenziale ma utile al turista prima e durante la visita della città. WeAGoo è differente della maggior parte dei siti disponibili su internet. Nel nostro portale si cercano e si trovano informazioni. Tutte le nos-tre descrizioni dei punti di interesse non sono opinioni che pur utili, a volte divertenti, possono fornire informazioni soggettive, le nostre sono oggettive, storiche, prese da fonti ufficiali, seg-uono uno standard di realizzazione preciso in cui la georeferenzazzione è sicuramente una

parte fondamentale ed imprescindibile.L’attività primaria di WeAGoo consiste nel riv-ersare queste informazioni nel proprio portale weagoo.com fornendo funzionalità di ricerca dei punti di interesse e risultati immediati. Dal portale si possono creare, generare, riordinare e stampare propri itinerari turistici con luoghi, mappe, immagini, note e informazioni utili delle città. Gli utenti che si registreranno gratuita-mente potranno inoltre usufruire di maggiori funzionalità come il salvataggio dei propri itin-erari in un proprio profilo utente, la creazione di programmi di viaggio multi-città e alcune com-ponenti social.Tutte le informazioni e funzioni di questo por-tale sono offerte gratuitamente al visitatore, il portale si finanzia attraverso le attività di pro-duzione di guide personalizzate, contributi, sponsorizzazioni e inserzionisti. Visita la sezi-one “Diventa Sponsor” per maggiori informazi-oni . WeAGoo è un marchio registrato a livello mondiale e controlla ed utilizza un portafoglio di sub-brands ognuno ideato ed impiegato nella propria specificità

Chi siamo

Come stampare la guida

stampa la guida su fogli A4, orientamento orizzontale, stampa dimensioni effettive

piega ogni foglio a metà lasciando la stampa all’esterno

sovrapponi i fogli piegati, mantenendo l’ordine indicato dal numero di pagina e rilegali tutti insieme con una pinzatrice o una spirale

A

B

C

where?

Page 3: Guida Turistica di Lecco

LECCO

vista livello paese

vista livello regione

vista livello nazione

3

AR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

Page 4: Guida Turistica di Lecco

La bella ed elegante città, che si affaccia sul lago di Como, vanta una lunga storia che ri-sale ad un periodo precedente l’avvento dei Romani. Considerato uno dei centri industriali più importanti del paese, Lecco conobbe il suo momento più florido durante il Medioevo, quan-do, stipulata la pace di Costanza, entrò a far parte del ducato di Milano, come un abitato po-licentrico, in cui i vari centri erano strettamente interdipendenti, ognuno con una specializ-zazione funzionale ed economica. Nonostante l’alleanza con il capoluogo lombardo durante la lunga guerra scoppiata nel 1117 contro molti paesi dei laghi di Como e di Lugano; i rapporti tra le due città rimasero sempre molto tesi, tanto che nel 1296 Matteo Visconti distrusse il borgo. Con l’ascesa al potere di Maria Teresa d’Austria, Lecco, messa a capo delle Pievi di Bellano, Mandello, Varenna, Vedeseta e Vals-assina, subì numerosi interventi di ammoder-namento e sviluppo del territorio. Nel 1976 la città è stata insignita della Medaglia d’Argento al Valor Militare per i sacrifici delle sue pop-olazioni durante la seconda guerra mondiale.

La zona dispone di una propria tradizione ar-tigiana e commerciale, fondata da una parte sugli opifici del ferro e dall’altra sul mercato che, dal 1149, si svolge nella centrale piazza XX Settembre. La cittadina, circondata da as-pre montagne, gode, inoltre, di una posizione turisticamente privilegiata, potendo essere, allo stesso tempo, località di lago e di montagna. Il centro storico, anticamente circondato da una

cinta muraria e da un fossato, si sviluppa attor-no alla Piazza XX Settembre, in cui le botteghe si allineano sotto i colonnati dei portici, ricos-truiti in stile neoclassico tra il 1820 e il 1839. L’area, caratterizzata da semplici case, arric-chite solo da qualche portale e da piccoli log-giati medievali, ospita la basilica di San Nicolò, patrono dei navigatori.

Citata nell’opera “I promessi sposi” di Alessan-dro Manzoni, Lecco propone diversi spunti per un itinerario storico-letterario tra i luoghi man-zoniani. Tra questi il convento di Pescarenico, il ponte Azzone Visconti, la presunta casa di Lucia Mondella e il tabernacolo dei Bravi.

La guida dell’Itinerario Manzoniano è scari-cabile presso il nostro portale www.weagoo.com/guide.

LA C

ITTÀ

4

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

LECCO

LA C

ITTÀ

Page 5: Guida Turistica di Lecco

LECCO

TRA

SP

OR

TI

AR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

5

telli della Navigazione Lago di Como , un mez-zo pubblico che permette di acquistare bigli-etti giornalieri di libera circolazione con i quali salire e scendere nei paesi a propria scelta. I maggiori centri del lago sono collegati tra loro anche dal più rapido servizio di aliscafi.

TAXI BOATPer il turista desideroso di visitare il Lago di Como attraverso il servizio di navigazione in totale autonomia la soluzione migliore è sicura-mente il taxi boat. Numerose società private di trasporti offron Imbarcazioni di diversa tipologia e dimensione in grado di effettuare giri turistici di durata e tragitto differenti.

CAMPERPer chi si sposta con camper o caravan, la Pro-vincia di Lecco ha redatto una lista di aree per la sosta e aree camper service.

COME MUOVERSI A LECCO

GIRARE A PIEDIProbabilmente il modo più bello per conoscere Lecco è visitarla a piedi. Una passeggiata ro-mantica sul lungo lago è irrinunciabile.

BICI Per chi vuole vivere una vacanza ad “im-patto 0”, abbandonando per qualche giorno l’automobile, la bicicletta è la scelta migliore. La città è dotata di strade panoramiche, percorsi alternativi lontani dal traffico, e piste ciclope-donali di varia lunghezza.

BUSLecco è servita da una fitta rete di linee d’autobus che permettono di muoversi libera-menti all’ interno della città, e che, allo stesso tempo, collegano tra di loro tutte le principali località che si affacciano sul lago.

BATTELLIUn modo diverso per visitare il lago sono i bat-

Page 6: Guida Turistica di Lecco

INFORMAZIONI UTILISITI INTERNET UFFICIALI DELLA CITTÀ Per informazioni generali visitate il sito:www.comune.lecco.itPer informazioni generali sul lago di Como:www.turismo.provincia.lecco.it

UFFICIO INFORMAZIONI TURISTICHE Azienda di promozione turistica (APT)Via Nazario Sauro 6, LeccoTel. +39 0341/[email protected] tutti i giorni dalle 9.00 alle 12.30 e dalle 14.30 alle 18.00.

NUMERI UTILI Carabinieri 112Polizia di Stato 113Vigili del Fuoco 115Emergenza sanitaria 118Viaggiare informati (CCISS) 1518

NELLE VICINANZEMandello......10 kmErba.............16 kmBellagio........22 kmVarenna.......26 kmComo...........28 kmBergamo......40 kmMilano..........55 km CLIMA Il clima continentale della città è mitigato effi-cacemente dalle correnti provenienti dal lago. Di conseguenza gli inverni non sono mai par-ticolarmente rigidi (la colonnina di mercurio scende raramente sotto i 7 gradi) mentre le estati un alternarsi dei venti che si incanalano tra le vicine montagne rende la permanenza in città piuttosto gradevole.

QUANDO ANDAREPer gli amanti della tintarella o degli sport ac-quatici il periodo migliore è l’estate, se invece preferite una vacanza alla scoperta dei paes-ini allora i periodi ideali sono la primavera e l’autunno.

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

6

INFO

UTI

LI

Page 7: Guida Turistica di Lecco

LECCOAR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

77

chiese ..................................................pag 1palazzi .................................................pag 5musei ...................................................pag 9monumenti e strutture..........................pag 13teatri.....................................................pag 21varie .....................................................pag 23

chiese - palazzi ..............................pag 8musei .............................................pag 12monumenti .....................................pag 14strutture .........................................pag 16teatri - piazze/vie ...........................pag 18

DA VISITARE

TiP (tourist informations in pills)

© Marco Bonavoglia

Page 8: Guida Turistica di Lecco

Chiesa SS. Vitale e Valeria - Don AbbondioPiazza San Vitale e Valeria - Lecco

Di origini antichissime, la chiesa sarebbe il luogo in cui furono celebrate le nozze tra Renzo e Lucia da don Abbondio. Della struttura originale rimane solo il quattrocentesco campanile, mentre la navata fu ricostruita nel 1765 da Montani e prolungata nel 1934, insieme alla ristrutturazione della facciata barocca.

1

Convento di Fra CristoforoPiazza Padre Cristoforo - Lecco

Nella frazione Pescarenico, dall’epoca della descrizione del Manzoni, ben poco v’è di cambiato. Il convento, edificato nel 1576, nel 1798 venne trasformato in caserma per le truppe franc-esi e nel 1810 venne poi venduto a privati. Al suo fianco si profila la parrocchiale dei SS. Lucia e Materno, l’antica chiesa del con-vento. Da qui ogni mattina all’alba partiva Fra’ Cristoforo per la sua questua. Nella piazza un ossario con i resti dei francescani morti per la peste.

2

Basilica di San Nicolo’Via Pietro Nava, 3 - Lecco

E’ la basilica principale della città ed è dedicata al patrono dei naviganti; realizzata intorno al VII contiene arredi secenteschi dei Fantoni di Rovetta, un fonte battesimale del 1596, parti ro-maniche del secolo XI e una cappella decorata con storie di S.Antonio di gusto giottesco (fine secolo XIV). Il campanile, che con una guglia di sapore neogotico raggiunge i 96 metri, è il sim-bolo della città.

3

Chiesa dei Santi Materno e LuciaPescarenico - Lecco

La chiesa fu costruita nel 1576 per volere di San Carlo Borromeo come tempio per l’adiacente Convento dei Cappuccini.Contiene una delle opere d’arte più singolari del Lecchese: si tratta di nove casette di vetro contenenti composizioni in cera policroma rif-eribili alla cultura napoletana del tardo Seicento; rappresentano sette scene di vita di Cristo e della Vergine e due scene della vita dei Santi Francesco e Chiara. Singolare anche il campaniletto a sezione triangolare.

4

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

8

CH

IES

E

Page 9: Guida Turistica di Lecco

LECCO

Chiesa di San FrancescoPiazza dei Cappuccini, 6 - Lecco

Il Cardinal Schuster, il 13 dicembre 1948, concede con suo decreto l’autorizzazione alla costruzione della chiesa e del convento.L’arch. Mino Fiocchi, a cui è stato affidato il progetto, non lesina tempo, fatica e cura per la riuscita della costruzione. La domenica delle Palme del 1951 (18 marzo) la chiesa è ap-erta al pubblico. Dopo un anno, il 23 marzo, viene inaugurato il convento. Solo nel 1968, viene costituita nuova parrocchia di S.Francescoa a opera di Padre Olinto.

Chiesa Di Santa MartaPiazzetta Santa Marta - Lecco

Prende il nome dai disciplinari di S.Marta che gestivano il vicino ospizio. Costruitanel XIII, l’edificio è un rifacimento seicentesco, con una facciata del settecento in stile barocchetto. Durante la rivoluzione francese la chiesa fu annessa a un club giacobino e solo nell’800 venne riconsacrata. Il campanile venne costruito nel 1732. All’interno, un affresco prospettico sulla volta databile intorno al ‘600.

Santuario di Nostra Signora della VittoriaVia Visconti Azzone, 2 - Lecco

Unico santuario mariano in città fu costruito negli anni ‘30 per ricordare le vittime della Grande Guerra.Si tratta di un tempio monumentale, caratterizzato all’esterno dall’utilizzo di pietre dai colori cupi alternata a pietre di granito bianco. Al suo interno, la Madonna Nicopeia regina delle Vittorie, la Grande Crocifissione, attribuita agli allievi di Gaudenzio Ferrari, la cripta dedicata ai caduti lecchesi durante il conflitto.

Chiesa del Beato SerafinoCorso Bergamo, 116 - Lecco

La chiesetta è di origine romanica, offre l’ingresso a lato a una tipica struttura a capanna; l’oratorio dedicato a San Giovanni Battista contiene affreschi attribuiti a Giovan Pietro da Cemmo, pittore vissuto sul finire del 1400 originario della Valcamonica. Il curato don Serafino Morazzone era conosciuto ad Alessandro Manzoni che nel Fermo e Lucia lo cita come persona “pia in tutti i suoi pensieri e venne sepolto nella Chiesa che oggi porta il suo nome.

AR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

9

CH

IES

E

5

6

7

8

Page 10: Guida Turistica di Lecco

Villa GomesVia Carlo Gomes - Lecco

Fatta costruire dal musicista Antonio Carlo Gomes su progetto di Attilio Bolla negli anni 1880/81, fu chiamata “Brasilia” dal Gomes stesso perché l’arredamento interno e quello del vasto parco gli ricordavano il suo Paese natale. Per ragioni finanziarie,”Brasilia” passò di proprietà dai Gomes alla famiglia Gropelli quindi alla famiglia Modenhauer che decisero nel 1970 di venderla al Co-mune di Lecco. Oggi ospita la Scuola Civica di Musica, mentre accessibili sono i giardini.

Palazzo BovaraPiazza Armando Diaz - Lecco

Costruito nel 1843 su progetto dell’architetto Giuseppe Bovara come ospedale della città.L’edificio funzionò come ospedale fino al 1900 quando, diventato ormai insufficiente ai bisogni della città fu venduto al Comune di Lecco che prima lo adibì a uffici e a Tribunale per poi trasferirvisi definitivamente a partire dal 1928.

Villa ManzoniVia Beato Guanella, 1-7 - Lecco

La villa, oggi museo, presenta una struttura tipicamente neoclas-sica ed è stata la residenza principale, la casa di famiglia dei Manzoni per quasi due secoli e faceva parte delle vaste propri-età immobiliari possedute da Alessandro nel Territorio di Lecco. Venne venduta da Alessandro Manzoni nel 1818 a Giuseppe Scola. I successori dello Scola mantennero l’aspetto originario degli ambienti e perfino moltissimi mobili e arredi originari nella medesima collocazione.

Palazzo BelgiojosoCorso Giacomo Matteotti, 32 - Lecco

Palazzo Belgiojoso, edificato tra la fine del XVII e l’inizio del XVII secolo per la famiglia Locatelli di Valle Imagna, fu ristrutturato nel 1774 e venduto ai principi Belgiojoso d’Este, da cui prende il nome. Attualmente è sede dei musei civici, ospita collezioni Naturalistiche disposte in 11 sale, contenenti un’ampia raccolta di reperti, buona parte dei quali preparati dallo stesso fondatore del museo: Carlo Vercelloni. Inoltre sono esposte delle collezioni Mineralogiche.

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

10

PA

LAZZ

I

9

10

11

12

Page 11: Guida Turistica di Lecco

LECCOAR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

11

CH

IES

E /

PA

LAZZ

I

Page 12: Guida Turistica di Lecco

Musei CiviciCorso Giacomo Matteotti, 32 - Lecco

I Musei Civici di Lecco, inaugurati nel 1888, vennero ufficial-mente costituiti nell’anno 1900 dall’archeologo Antonio Magni, dal naturalista Carlo Vercelloni e dal geologo Mario Cermenati.Nel 1927 furono trasferiti nell’attuale sede di Palazzo Belgiojoso. Il Museo Archeologico, parte integrante dei Musei Civici è on-cepito come “Museo del Territorio”. Comprende il museo di storia naturale, museo storico e quello archeologico.Aperto da martedì a domenica dalle 9.30 alle 14.00. Ingresso libero.

Museo ManzonianoVia Beato Guanella, 1-7 - Lecco

Allestito al piano terra della villa, il museo conserva cimeli, ogget-ti personali del celebre scrittore e documenti relativi alle edizioni delle sue opere. Al secondo piano è invece ospitata la Galleria Comunale, che comprende circa 400 dipinti e 2000 stampe e incisioni dal XVI al XX secolo, tra cui opere di D’Azeglio e Tede-schini, Cavalieri, Dorazio, Turcato, Pomodoro e Baj.Aperto da martedì a domenica dalle 9.30 alle 17.30. Ingresso € 5.

2

Museo della Montagna e dell’AlpinismoPiazza 20 Settembre - Lecco

Il museo, ospitato all’interno della torre Viscontea, illustra attra-verso un percorso fotografico storico e moderno, la storia del CAI e dell’alpinismo lecchese. Vi sono esposti vecchi cimeli legati alla montagna (scarponi, ramponi, sci) e un plastico con sentieri e rifugi della zona montana locale, oltre alla storia dell’industria alpinistica di Lecco.Aperto da martedì a domenica. Ingresso libero.

3

Planetario CivicoCorso Giacomo Matteotti, 32 - Lecco

Situato all’interno del Palazzo Belgiojoso, il planetario, gestito in collaborazione con il Gruppo Astrofili “DEEP SPACE Lecco”, rappresenta una delle migliori strutture nel suo genere in Italia. Con la sua cupola di otto metri di diametro e la capienza di ses-santadue posti, riproduce l’aspetto del cielo visibile a occhio nudo.Ingresso € 3.

4

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

12

1

MU

SE

I

Page 13: Guida Turistica di Lecco

LECCOAR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

13

MU

SE

I

Page 14: Guida Turistica di Lecco

Monumento a ManzoniPiazza Alessandro Manzoni, 21 - Lecco

Subito dopo la morte di Alessandro Manzoni, avvenuta il 22 mag-gio 1873, il consiglio comunale decise di erigere un monumento allo scrittore. Fu Francesco Confalonieri a realizzare il monu-mento, alla cui realizzazione contribuì anche Giuseppe Verdi, che fu inaugurato l’11 ottobre 1891 con discorso di Gaetano Ne-gri, alla celebrazione partecipò Giosuè Carducci. La statua raffig-ura Alessandro Manzoni seduto, nel piedistallo alcune scene del romanzo “I promessi Sposi”.

1

Monumento a San Giovanni NepomucenoPiazza Antonio Dell’Oro, 1-3 - Lecco

Si tratta di una fontana di forma rettangolare progettata da Gi-useppe Bovara nel 1846. Da essa l’acqua sgorga attraverso tre bocche di cui due a forma di delfino. Su di essa fu posta la settecentesca statua del martire San Giovanni Nepumoceno, il quale morì nell’anno 1383, fatto annegare nel fiume Moldava per ordine del Re di Boemia Venceslao detto il “Pigro”.

2

Monumento dei CadutiLungolario Isonzo - Lecco

Dedicato ai caduti della Prima guerra mondiale è opera dello scultore Giannino Castiglioni e venne inaugurato nel 1926. Si tratta di un’alta stele di granito raffigurante una donna afflitta. Fanno da basamento quattro altorilievi in bronzo che raffigurano fatti d’arme.

3

Monumento a Mario CermenatiPiazza Mario Cermenati - Lecco

Il monumento in marmo fu posizionato nell’attuale piazza nel 1943, in sostituzione di quello bronzeo, requisito in epoca fascis-ta. L’opera raffigura Mario Cermenati, studioso ed uomo politico, che occupò la cattedra di geologia, paleontologia e storia delle scienze naturali a Roma, oltre a ruoli di sottosegretario di Stato in alcuni ministeri nei governi “Boselli e Orlando”.

4

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

14

MO

NU

ME

NTI

Page 15: Guida Turistica di Lecco

LECCO

MO

NU

ME

NTI

AR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

15

Page 16: Guida Turistica di Lecco

Torre VisconteaPiazza 20 Settembre - Lecco

La torre risale alla prima metà del XIV secolo e venne fatta cos-truire da Azzone Visconti probabilmente dove già ne esisteva una più modesta. Il castello vero e proprio nel Seicento ospitava la guarnigione spagnola . Nel 1782, all’interno delle riforme vo-lute dall’imperatore Giuseppe II, la piazzaforte militare di Lecco venne abolita e il castello ceduto a privati.Del castello oggi ri-mane traccia solo la torre adibita a mostre dei musei civici.

1

Ponte Azzone ViscontiPonte Azzone Visconti - Lecco

Chiamato familiarmente “Ponte Grande” cambiò il nome in “Pon-te Vecchio” dopo la costruzione del nuovo Ponte J.F. Kennedy poco più a nord. Edificato tra il 1336 e il 1338 da Azzone Vis-conti, inizialmente era a otto arcate. Subì diversi danni e diverse ricostruzioni sia durante l’assedio di lecco da parte degli Sforza, che nella guerra contro Napoleone che demoli le torrette edc il ponte levatoio. Oggi struttura moderna ha perso il suo fascino storico.

2

Canottieri LeccoVia Francesco Nullo - Lecco

Fu fondata nel 1895 nel Caffè del Teatro Sociale grazie ad un gruppo di ventotto lecchesi, al fine di contribuire allo sviluppo del canottaggio, passione comune a tutti loro. E’ attualmente una delle più antiche società sportive italiane. Da allora la società offre ai propri iscritti gli strumenti per vivere il lago, praticando sport a livello agonistico ed amatoriale. La sede è anche punto di incontro per rilassarsi davanti allo splendido panorama del lago.

3

Il CampanileVia Pietro Nava, 3 - Lecco

Costruito a partire dal 1864, su progetto degli ingegneri Gattinoni e Cerutti, e terminata solo nel 1904 grazie all’aiuto dei lecchesi, il campanile fu dotato di un orologio con grandi e bianchi quad-ranti rivolti ai quattro punti cardinali. La struttura, alta 96 metri, è dotata di nove campane, di cui quella maggiore, chiamata “el campanun”, raggiungibili attraverso oltre 380 gradini.

4

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

16

STR

UTT

UR

E

Page 17: Guida Turistica di Lecco

LECCOAR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

17

STR

UTT

UR

E

Page 18: Guida Turistica di Lecco

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

18

Teatro della SocietàPiazza Giuseppe Mazzini, 3 - Lecco

Nasce dalla “Società del teatro dei dilettanti del territorio” ma uf-ficialmente viene fondato nel 1844 su progetto di Giuseppe Bo-vara. L’inaugurazione avvenne nel mese di ottobre del 1844 con l’opera “Anna Bolena” di Gaetano Donizetti. L’attività del Teatro si chiuse nel 1951 perché giudicato inagibile. Di fronte a una situ-azione che poteva portare al completo degrado della struttura, il Comune acquistò l’immobile e iniziò i lavori di restauro, che durarono due anni, nel 1967.

1

Piazza 20 SettembrePiazza 20 Settembre - Lecco

Qui si trova la casa natale dell’Abate Stoppani. Le case sono in continuità e hanno, ai primi piani, grandi terrazze. Sulla sinistra della piazza ci sono alcune vie caratteristiche di Lecco, come via Bovara, via Anghileri e il vicolo del Pozzo. Lungo quest’ultima strada si trova Casa Doniselli, edificio con un pregevole loggiato del XV secolo aperto su un minuscolo cortile.

2

Vicolo del TorchioVicolo Del Torchio - Lecco

Centro della torchiatura delle olive, delle noci e di altri semi utiliz-zati per ricavarne l’olio, il vicolo in passato si presentava come un luogo molto sudicio e unto. Nonostante oggi sia stata ripu-lita, la via presenta ancora elementi del suo passato, come una grande finestra con grosse inferriate di un’antica casa, che prob-abilmente verso la fine del 1700 fu sede del tribunale del Borgo.

3

Piazza Mario CermenatiPiazza Mario Cermenati - Lecco

Piazza dedicata a Mario Cermenati. Al centro, si può ammirare il monumento dedicato al geologo lecchese. Costruito nel 1927 da Francesco Modena ricorda la figura di questo studioso, appas-sionato di Geologia e docente di questa materia all’Università di Roma.

4

TEA

TRI /

PIA

ZZE

Page 19: Guida Turistica di Lecco

LECCOAR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

19

TEA

TRI /

PIA

ZZE

Page 20: Guida Turistica di Lecco

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

34

20

34

VUOI ESSERCI?

Queste guide, il portale weagoo.com e la promozione della città sono servizi offerti gratuitamente a migliaia di turisti. Weagoo si sostiene attraverso finanziamenti privati e piccoli contributi econ-omici di sponsorizzazione.

Con l’intento di fornire all’ utiliz-zatore della guida un servizio

migliore, WeAGoo si riserva di selezionare la presenza nelle proprie Guide, di attività nelle seg-uenti categorie :

pernottamento: hotel, bed and breakfast, camping ecc.

ristorazione: ristoranti, trattorie, pizzerie, bar, gelaterie ecc.

servizi: farmacie, officine, negozi in genere, assicurazioni ecc.

Se hai una attività commerciale in questa città e ritieni che i tuoi servizi possono essere utili al tu-rista ed in linea alla qualità offerta dalla guida, scrivici a: [email protected], potresti essere uno dei pochi e selezionati sponsor.

Weagoo, con l’iniziativa TheCitySponsor, vi offrirà la presenza esclusiva o privilegiata nelle schede informative turistiche nel nostro portale per la città prescelta e sulle Guide prodotte du-rante la stampa dei punti di interesse della stessa , una ve-trofania che identifica l’appartenenza esclusiva al network e il mantenimento per un anno sui ns. server.

THE CITY SPONSOR

20

Page 21: Guida Turistica di Lecco

LECCOAR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

21

chiese ..................................................pag 1palazzi .................................................pag 5musei ...................................................pag 9monumenti e strutture..........................pag 13teatri.....................................................pag 21varie .....................................................pag 23

CONSIGLI DI VIAGGIO

Page 22: Guida Turistica di Lecco

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

22

FUO

RI P

OR

TA

BELLAGIOBellagioConosciuta giustamente come la “perla” del lago, è sicuramente la località lariana più famosa. Con la sua posizione sulla rami-ficazione del lago, il clima sempre gradevole, il caratteristico centro storico, il lungolago, i parchi, i punti panoramici, ha da sempre incantato artisti e scrittori italiani e stranieri. Numerose sono anche le strutture turistiche e sportive e le escursioni che si possono compiere in auto, a piedi o in battello.

VARENNAVarenna Situata sulla sponda orientale del Lario su un promontorio alla foce del torrente Esino, è un importante centro di soggiorno es-tivo in posizione panoramica sul lago. La zona, abitata fin dai tempi preistorici, divenne dominio dei Galli e in seguito dei Rom-ani, e nel 1169 divenne rifugio degli abitanti dell’Isola Comacina quando questa venne distrutta dai comaschi, avvenimento che tutt’oggi viene ricordato in occasione della festa di San Giovanni.

MUSEO DEL MOTOCICLO GUZZIVia Emanuele Vittorio Parodi - Mandello del Lario Si trova a Mandello del Lario, proprio all’interno dello stabilimen-to di produzione delle mitiche prodotte dal 1921 a oggi, e con-tiene tutte le moto da corsa realizzate fino al 1957, anno in cui la Guzzi cessò l’attività agonistica dopo oltre 3300 vittorie. Sono inoltre esposti molti prototipi sia di moto che di motori.

ORRIDO DI BELLANOVia 25 Aprile, 2 - Bellano L’Orrido di Bellano è una gola naturale formatasi 15 milioni di anni fa dalle acque del fiume Pioverna che ha scavato una pro-fonda gola tra Taceno e Bellano, modellando gigantesche mar-mitte e suggestive spelonche. E’ stato da sempre apprezzato dalle ricche famiglie bellanesi del passato: nel XV secolo i Denti lo sfruttavano per la lavorazione del ferro. Oggi è ispirazione di una centrale idroelettrica, ed è visitabile grazie a una serie di passerelle sospese.

Page 23: Guida Turistica di Lecco

LECCOAR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

SPORT E NATURA

Con gli amanti della natura dell’escursionismo, il territorio di Lecco è davvero generoso. Gli itinerari, incoraggiati dalle bellezze naturali, variano dal lago alla montagna, dai paesaggi incontaminati circondati dal verde ai centri storici ricchi di architetture e monumenti di forte interesse. La natura e tutto il territorio lecchese, quindi, offrono scenari suggestivi che attirano numerosi visitatori.

PARAPENDIO SUL LAGO DI COMONell’ incantevole cornice del lago di Como e delle alpi, è possibile provare la dolce emozi-one del volo libero col parapendio tandem, accompagnati da un pilota esperto, brevettato dall’aeroclub d’Italia. Sarete seduti davanti, dentro una comoda poltroncina, e alle vostre spalle il pilota; dovrete soltanto fare due passi su di un prato in discesa ed il suolo si allontan-erà lentamente dai vostri piedi, per poi sosti-tuirsi alle cime delle piante ed in fine dal cielo.Sentirete un leggero vento che vi carezzerà il viso, il vostro peso sarà annullato, e la sen-sazione di sicurezza, stabilità e semplicità, vi lascerà increduli nelle 3 dimensioni....la libertà vi riempirà di gioia...vi sentirete più vivi che mai, felici sognatori interpreti di un nuovo sogno più viscerale mentale e reale di qualunque altro. Dopo un volo di circa 30 min. con dislivelli supe-

riori a 800m, vi poserete delicatamente al suolo senza dover fare nulla...solo rimanere in piedi sotto il vostro peso, che avevate perso all’inizio dell’avventura. Una volta atterrati sarete senza parole e avvertirete quasi una sensazione di disagio nell’essere a terra....guarderete il cielo, là dove eravate poco prima, lo guarderete con incredulità ed amore...là eravate e là vorrete sempre essere.

ALPINISMO SULLA GRIGNALa grigna è la vetta più alta del gruppo delle grigne , a cavallo tra il ramo orientale del Lago di Como e la Valsassina. La salita in estate è una normale escursione con un consistente dislivello mentre in inverno diventa una facile ascensione alpinistica.

Vuoi provare il brivido del parapendio?

FlylibellVia Valsassina, 3, [email protected]. +39 329-9878261

Aereoclub mt. CornizzoloVia San Miro, 10, Suello (LC)[email protected]. +39 338-9658460

23

SP

OR

T E

NA

TUR

A

Page 24: Guida Turistica di Lecco

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

CUCINA

Torrenti, fiumi e laghi presenti nel territorio lec-chese ” impongono” pietanze a base di pesce d’acqua dolce anche se ormai non sono molti i pescatori presenti in questa zona. La cucina è allo stesso tempo semplice e ricercata, con

specialità quali il “misultitt” (agoni esiccati),il risotto al pesce persico, le trote sott’olio e la polenta “cuncia”. Degna di nota è anche la torta resegone, nata dall’arte di tre pasticceri lec-chesi.

Risotto al pesce persicoIngredienti: 800 gr. di filetto di Pesce Persico; 100 gr. di Burro; 25 gr. di Farina Bianca; 12 Foglie di Salvia; 500 gr. di Riso Arborio; 1,5 litri di Brodo di Pesce; 1 Cipolla; 1/2 Bicchiere di Vino Bianco Secco; Sale quanto basta.

Preparazione: Tritare la cipolla finemente e rosolarla in una casseruola con 40 g di burro; aggiungere il riso, mescolare e, quando è ben caldo, versare il vino, lasciandolo evaporare; (nel frattempo) preparare un brodo di pesce bollente. Aggiungere il brodo con un mestolo, poco alla volta, continuando a mescolare; por-tare a termine la cottura nel tempo necessario. Per i filetti di pesce persico: rosolare una parte della salvia in una parte del burro rimanente; infarinare in un piatto i filetti di pesce persico; friggerli con burro in una padella fino a colore dorato; estrarre i filetti e tenerli in caldo; a cottura ultimata del riso, adagiarlo su un piatto da portata e disporvi i filetti a corona; riscal-dare un po’ di burro (20 g) con il resto della sal-via eversare sopra il risotto; servire ben caldo.

24

CU

CIN

A

Page 25: Guida Turistica di Lecco

LECCOAR

EA R

ILEGATU

RA

: GR

AFFETTA

QU

I I FOG

LI A4 STA

MPATI, SEG

UEN

DO

LE ISTRU

ZION

I A PA

G 2, O

TTERR

AI U

NA

CO

MO

DA

GU

IDA

DA

POR

TAR

E CO

N TE!

25

SCRIVI QUI I TUOI APPUNTI DI VIAGGIO

Page 26: Guida Turistica di Lecco

AR

EA R

ILEG

ATU

RA

: GR

AFF

ETTA

QU

I I F

OG

LI A

4 ST

AM

PATI

, SEG

UEN

DO

LE

ISTR

UZI

ON

I A P

AG

2, O

TTER

RA

I UN

A C

OM

OD

A G

UID

A D

A P

OR

TAR

E C

ON

TE!

per approfondire scansiona il QRcode

www.weagoo.comcopyright © 2012 weagoo

Weagoo non fornisce alcuna garanzia sulla qualità e l’accuratezza delle informazioni così come al carattere esclusivo delle stesse. Parte del mate-riale presente in questa guida è soggetto a licenze “Commons”, immagini, suoni e altro materiale sono di proprietà dei rispettivi proprietari, le mappe sono di Google Maps - ©2012 Google Inc. e Tele Atlas North America, Inc. Altri marchi, nomi e prodotti menzionati e non, sono dei rispettivi proprietari. WeAGoo adotta una procedura di segnalazione, gestione delle obiezione o reclami concernente il materiale e il contenuto di questa guida, ovvero ritieni che il materiale e il contenuto pubblicato lede il tuo diritto d’autore, contattataci senza indugio attraverso l’apposita procedura di segnalazione presente all’indirizzo : http://www.weagoo.com/it/contact. Le informazioni possono variare anche senza preavviso e sono puramente indicative.