il coniglio - coniglio: le razze . coniglio a pelo lungo . coniglio rex. il coniglio: curiosità •

Download IL CONIGLIO - CONIGLIO: le razze . Coniglio a pelo lungo . Coniglio Rex. IL CONIGLIO: curiosità •

Post on 16-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

IL CONIGLIO

IL CONIGLIO: le razze Coniglio Testa di Leone Coniglio Ariete

IL CONIGLIO: le razze

Coniglio HimalayaConiglio Albino

IL CONIGLIO: le razze

Coniglio a pelo lungoConiglio Rex

IL CONIGLIO: curiosit

il coniglio NON un roditore!!!

la principale differenza risiede nella dentatura, il coniglio ha 2 paia di incisivi sovrapposti

unaltra importate differenza risiede nellassenza nei conigli di cuscinetti digitali e nella posizione dei testicoli

IL CONIGLIO: curiosit il coniglio un animale molto territoriale, dotato di

ghiandole per segnare il territorio: sottomandibolari, perianali, ed inguinali

gli occhi del coniglio sono lateraliquesto serve ad aumentare il campo visivo e permette

una perfetta e rapida visone di chi si avvicina lateralmente e posteriormente,

ma non permette una focalizzazione perfetta degli oggetti.

IL CONIGLIO: curiosit il coniglio ha

contrazioni peristaltiche capaci di provocare lespulsione delle fibre pi grandi

con le feci e contrazioni antiperistaltiche che

spingono i fluidi ricchi di particelle alimentari

pi ricche nel cieco, affinch vengano scisse

in strutture digeribili. Il contenuto cecale prende

il nome di cecotrofo e viene direttamente

ingerito dal coniglio.

IL CONIGLIO: comportamento in natura forma delle piccole colonie i cui

componenti stabiliscono una gerarchia con alcuni individui dominanti che comandano sul resto del

gruppo si adatta molto bene alla convivenza con le persone, con cui pu stabilire dei forti legami

affettivi amano esplorare lambiente, correre e giocare, e

soffrono se stanno costantemente rinchiusi nella gabbia

IL CONIGLIO: gestione domestica la gabbia deve essere sufficientemente spaziosa, robusta,

priva di elementi taglienti, a prova di fuga e facile da pulire

lapertura deve essere abbastanza larga da permettere di afferrare agevolmente il coniglio

il tipo di fondo molto importante per prevenire lesioni alle zampe.

Il pavimento della gabbia deve essere solido (non di rete), ricoperto da uno strato abbondante di lettiera (stracci,

trucioli, pellet di carta riciclata o di tutolo di mais, paglia o fieno).

Non sono adatti i materiali abrasivi come il ghiaino per gatti

IL CONIGLIO: gestione domestica

EVITARE:

IL CONIGLIO: gestione domestica

la pulizia della gabbia deve essere molto frequentela lettiera andrebbe preferibilmente cambiata tutti i giorni.

i conigli possono essere facilmente addestrati ad utilizzare una cassetta per i bisogni.

Se il coniglio ha gi spontaneamente scelto una zona per sporcare, la cassetta va posta in quella zona. Per incoraggiare luso della cassetta si

pu collocarvi qualche pallina di feci.

il coniglio sopporta meglio le temperature basse di quelle alte.Pertanto se la gabbia sistemata allaperto occorre che sia almeno in

parte protetta dalla luce solare diretta. La temperatura ambientale ideale compresa tra 16 e 21C.

IL CONIGLIO: gestione domestica

allinterno della gabbia va posta una casetta che funga da tana

il resto dellarredo sar rappresentato da recipienti per lacqua e il cibo che non possano

essere rovesciati gli elementi della casa che costituiscono un

pericolo per i conigli lasciati liberi sono rappresentati da fili elettrici, stoffa e fili se

ingeriti, piante tossiche, farmaci, e qualunque sostanza pericolosa per le persone

IL CONIGLIO: alimentazione

il coniglio un erbivoro stretto

ha un apparato digerente e una dentatura molto specializzati

che si adattano male ad una alimentazione scorretta

IL CONIGLIO: alimentazione

lalimento deve essere ricco di fibraper permettere un adeguato consumo dei denti e un buon funzionamento dellapparato digerente

lalimentazione errata la causa principale dei problemi di salute del coniglio da affezione:

mal-occlusione, diarrea, costipazione, obesit, etc

IL CONIGLIO: alimentazionela dieta dei conigli in natura costituita

prevalentemente da erba, foglie e germogli

anche in cattivit lalimentazione migliore costituita da erba o, in mancanza di questa, da

fieno fresco di buona qualit (sempre a disposizione in abbondanza)

e da verdure fresche

IL CONIGLIO: alimentazioneil coniglio

pu mangiare tutte le verdure adatte al consumo umano:

carote, foglie di carota, radicchio, insalate, catalogna, spinaci, etc

la frutta deve essere data in quantit moderata

IL CONIGLIO: alimentazionela dieta

pu essere integrata con luso di un pellet

di buona qualit,costituito solo da fieno e vegetali,

che contenga almeno il 18% di fibra

IL CONIGLIO: alimentazionealimenti assolutamente da

evitare sono:

tutti i carboidrati pane, grissini, fette biscottate, fiocchi di cereali,

dolciumitutti i semi

girasole, mais, riso, avena, grano, bastoncini di semi e melassa

IL CONIGLIO: alimentazioneogni cambio

di alimentazione deve essere fatto in modo

molto gradualeperch variazioni improvvise della dieta

possono causare gravi disturbi

intestinali

IL CONIGLIO: maturit sessuale

la maturit sessuale si verifica

tra i 4 e gli 8 mesi di et,secondo la taglia,

pi precoce nelle razze piccole

IL CONIGLIO: maturit sessuale

la coniglia pu avere da 4 a 8 cucciolate allanno

e da 3 a 12 piccoli per cucciolata

La gravidanza dura mediamente

30-32 giorni

IL CONIGLIO: pododermatiti

provocata dal fondo della

gabbia che crea lesioni

pi o meno gravi su cui poi

proliferano batteri

IL CONIGLIO: Pasteurellosi il batteriopi diffuso

tra i conigli e nel 50-60% dei casi

presente senza

manifestare lesioni

IL CONIGLIO: Pasteurellosise la malattia diventa

sintomatica il coniglio sviluppa forme

respiratorie, cutanee o dentali a seconda dei

fattori stressanti a cui lanimale va incontro

IL CONIGLIO: Pasteurellosii sintomi pi frequenti sono:

rinite con scolo giallastrootite mediatorcicolloNistagmo

atassiapolmonite

ascessi dentali

IL CONIGLIO: Mixomatosi

pu essere trasmessaper via diretta

dagli animali ammalati o portatori a quelli sani o per via indiretta tramite artropodi

(zanzare, pulci, zecche, ecc)

IL CONIGLIO: Mixomatosi

landamento della malattia pu essere acuto, subacuto o cronico

alcuni conigli sono portatori asintomatici

IL CONIGLIO: Mixomatosi

lincubazione di 5-15 giorni

IL CONIGLIO: Mixomatosii sintomi comprendono:

abbattimentocongiuntivite

scolo dagli occhirigonfiamenti cutanei su testa e arti infiammazione degli organi genitali

morte che sopravviene in 5-10 giorni

IL CONIGLIO: Mixomatosi

IL CONIGLIO: Mixomatosi

IL CONIGLIO: Mixomatosi

la mortalit elevatae non esiste alcuna terapia

IL CONIGLIO: Mixomatosi

i conigli che sopravvivono

possono eliminareil virus

per lungo tempo

IL CONIGLIO: Mixomatosila vaccinazione d una buona protezione

sempre consigliabile negli animali da compagnia

i coniglietti possono essere vaccinati per la prima volta a 30 giorni di et,

con un richiamo a 8-10 settimane

IL CONIGLIO: malattia emorragica virale

colpisce i conigli al di sopra

dei 30-50

giorni di vita

IL CONIGLIO: malattia emorragica virale

la malattia si diffonde

sia per via diretta tra conigli ammalati e saniche per via indiretta

tramite insetti

od oggetti contaminati

IL CONIGLIO: malattia emorragica virale

il tempo di incubazione di

36-72 ore

IL CONIGLIO: malattia emorragica virale

i sintomi sono:

emorragie dal nasodalla bocca e dallano

starnuticrisi di tipo eccitativo

spasmi e morte

a volte si ha solo morte improvvisa

IL CONIGLIO: malattia emorragica virale

non esistealcuna terapia efficace

IL CONIGLIO: malattia emorragica virale

la prima vaccinazione

si esegue a 2 mesi di et

ma in caso di necessit

pu essere anticipata

IL CONIGLIO: malattia del cavo orale

il coniglio ha incisivi a crescita continua,i molari ed i premolari superiori hanno radici

interne a crescita continua

e quelle esterne a crescita limitata,

il contrario si riscontra per i molari e premolari inferiori

IL CONIGLIO: malattia del cavo orale

bisogna curare in maniera molto accurata lalimentazione,

utilizzando fibre vegetali in abbondanza perch errori alimentari possono portare,

per mancato consumo del dente, alla formazione

di punte taglientiin molari e premolari

IL CONIGLIO: malattia del cavo orale

IL CONIGLIO: malattia del cavo orale

IL CONIGLIO: malattia del cavo orale

IL CONIGLIO: malattia del cavo orale

IL CONIGLIO: malattia del cavo orale

queste punte possono provocare lesioni su lingua e palato

che vengono poi colonizzate daPasteurella e Stafilococchi

IL CONIGLIO: malattia del cavo orale

i sintomi della malattia sono:

scialorrealacrimazione inappetenza

IL CONIGLIO: coccidiosi

una malattia parassitaria

molto diffusa tra i conigli

IL CONIGLIO: coccidiosiil sintomo

diarrea