l’insegnante di religione cattolica: profilo ?· una presenza educativa nella scuola 3....

Download L’INSEGNANTE DI RELIGIONE CATTOLICA: PROFILO ?· Una presenza educativa nella scuola 3. L’INSEGNANTE…

Post on 15-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

1

NATURA, FINALITA E COMPITI DELLIR NELLA SCUOLA

LINSEGNANTE DI RELIGIONE CATTOLICA: PROFILO PROFESSIONALE E IMPEGNO EDUCATIVO (LA FIGURA E I COMPITI) A) LINSEGNANTE DI RELIGIONE OGGI: NOTE QUALIFICANT I

Essere e fare lIdR /sta diventando una vocazione. Cosa significa? Alcune note

dal documento pastorale CEI 1991 Insegnare Religione Cattolica oggi dallesperienza personale

1. E un uomo di scuola un professionista della scuola 2. E/ha solide motivazioni per il suo servizio

3. E un credente/cristiano

4. Si sente e cerca la comunione con la comunit ecclesiale (la Chiesa)

5. E una persona che cura la formazione in servizio

6. Promuove la relazione (relazionalit) e la collaborazione

con gli alunni con le famiglie con i colleghi con il territorio

7. Ha la passione per leducare / autentico educatore 8. E positivo e creativo, cerca il bene nellaltro e in ogni situazione

9. Cura/sostiene il suo essere con una profonda spiritualit

10. Sa essere nella scuola e nella societ con senso critico

2

B) LINSEGNANTE DI RELIGIONE E LA CHIESA 1. I PROCESSI FORMATIVI DELLIdR

1.1 La preparazione professionale di base Le istituzioni accademiche: Universit Pontificie, Facolt teologiche, ISSR, ISR I percorsi per la formazione del docente di religione

1.2 La formazione in servizio e lattivit di aggiornamento Le istituzioni responsabili della formazione permanente La normativa vigente sulle iniziative di aggiornamento

1.3 La formazione spirituale 2. LA DOMANDA PER LIRC

2.1 La sede: Ufficio diocesano per lIRC o Scuola 2.2 I tempi e il materiale per la richiesta 2.3 I prerequisiti

Le motivazioni I titoli professionali

3. LIDONEIT ALLIRC

Lautorit competente I criteri di idoneit Il senso e la portata Il carattere permanente dellidoneit e la possibilit di revoca

4. LINSEGNANTE DI RELIGIONE E IL SUO RAPPORTO CON LA CHIESA IN EUROPA

4.1 Il docente di religione un insegnante 4.2 Il rispetto oggettivo della fede cristiana 4.3 Credente e testimone 4.4 Attese realistiche 4.5 Lassistenza didattica

5. I TRATTI PI SIGNIFICATIVI DELLA FIGURA E DEL COMPITO DELLIdR IN ITALIA (CF. CEI, INSEGNARE RELIGIONE CATTOLICA OGGI. NOTA PASTORALE, 1991 - 2A PARTE) 6. LIdR IN COSTANTE RAPPORTO CON LA COMUNIT ECCLESIALE

Presente e partecipe alla vita ecclesiale della comunit di appartenenza Disponibile ad animare specifici settori della pastorale Impegnato a promuovere lattenzione della Chiesa nel mondo della scuola e dellIRC In sintonia con lOrdinario diocesano

7. ESSERE E FARE LIdR OGGI

una vocazione ? un ministero ?

3

C) LINSEGNANTE DI RELIGIONE CATTOLICA E LISTITUZI ONE SCOLASTICA 1. I PROFILI DI QUALIFICAZIONE PROFESSIONALE DELLIdR IN ITALIA (cf. Intesa del 1985/90) 2. LE CARATTERISTICHE DEL DOCENTE DI RELIGIONE La competenza teologica La competenza didattica Lamore e lapprezzamento della propria materia Il rapporto con gli alunni Una presenza educativa nella scuola 3. LINSEGNANTE DI RELIGIONE E I GENITORI 4. LINSEGNANTE DI RELIGIONE E IL DIRIGENTE SCOLASTICO 5. IL DOCENTE DI RELIGIONE E I COLLEGHI 6. LESERCIZIO DI DOCENZA La nomina dellIdR Lesercizio della professionalit docente (la partecipazione agli organismi scolastici, la

valutazione...) Gli adempimenti giuridico - amministrativi e didattici 7. I DIRITTI E I DOVERI DELLIdR 8. LO STATUTO GIURIDICO DELLIdR La delicata questione si conclude con la L. 186/03

4

D) BIBLIOGRAFIA BOLLIN A. (a cura di), Linsegnante di religione, un cristiano con la passione per leducare. Linee di riflessione, testimonianze e prospettive, Leumann (TO), ELLEDICI 2002 BOLLIN A., Linsegnante di religione esercita un ministero ecclesiale per il mondo? Spunti di riflessione e prospettive, in insegnare Religione 15(2002)5, 15-18 BOLLIN A. (a cura di), La piena dignit dellinsegnante di Religione oggi. Stimoli per la riflessione e il confronto, in Insegnare Religione 17(2004)4, 4-16 CAMPOLEONI A. (a cura di), IRC e scuola. Contributi per lorientamento dei docenti, Casale Monferrato (AL), Marietti 1991 CAPPELLI T., Il ruolo del docente di religione. Note normative, storiche, giuridiche e amministrative per lIRC nella scuola italiana, Leumann (TO), LDC 1992 CRAVOTTA G., Professionalit nellIRC, Torino, SEI 1991, 211 - 233 Informazioni e documenti richiesti per lIRC, in Rivista della Diocesi di Vicenza 87(1996)3, 234 - 242 MONTANARI G.C., Sono insegnante di religione, Torino, SEI 1991 TONIOLO A. (a cura di), LInsegnante di Religione nel CCNL - 94/97, Vicenza [Fascicolo dellUfficio diocesano per lIRC] 1996

5

6

7

In Insegnare Religione 15(2002)5, 15-18

8

LA PIENA DIGNITA DELLINSEGNANTE DI RELIGIONE OGGI Tavola rotonda (Vicenza, ottobre 2003) Per linizio dellanno scolastico 2003/4, lUfficio diocesano per lIRC della diocesi di Vicenza ha promosso una tavola rotonda a partire dalla Legge 186/03 Norme sullo stato giuridico degli insegnanti di religione cattolica degli istituti e delle scuole di ogni ordine e grado (per conoscerla, inquadrarla nellambito della riforma scolastica, scoprirne le conseguenze) sul tema: La piena dignit dellIdR nella scuola dellautonomia oggi: novit e prospettive. Essa stata cos articolata. 1. Introduzione: Una data storica foriera di una nuova stagione per gli IdR e lIRC

(ANTONIO BOLLIN) 2. La storia della Legge sullo stato giuridico (DINO BARALDO) 3. Le novit e le prospettive per la scuola italiana (FRANCO VENTURELLA) 4. Le novit e le prospettive per la figura e lattivit del docente di religione (GIAMPAOLO

CARLESSO). I relatori sono IdR (proff. Dino Baraldo e Giampaolo Carlesso), il Responsabile aggiornamento e formazione del C.S.A. di Vicenza (prof. Franco Venturella), il Direttore dellUfficio diocesano per lIRC, il quale ha svolto il compito di moderatore anche nel dibattito e confronto che seguito (Don Antonio Bollin). Si pubblicano i brevi interventi perch utili ad IdR di altre chiese particolari.

1. INTRODUZIONE UNA DATA STORICA FORIERA DI UNA

NUOVA STAGIONE PER GLI IdR E LIRC Il 15 luglio 2003, alle ore 15.00, la Camera ha approvato definitivamente e a larga maggioranza il disegno di legge presentato dal governo: Norme sullo stato giuridico degli insegnanti di religione cattolica degli istituti e delle scuole di ogni ordine e grado. Su 367 VOTANTI, i s sono stati 252, i no 115, gli astenuti 13. Hanno votato a favore la Casa delle libert, la Margherita e lUdeur, contrari gli altri partiti dellopposizione con Giorgio La Malfa. La legge, estremamente equilibrata e rispettosa del Concordato e della Intesa del 1985, si compone di 6 articoli e stabilisce due ruoli regionali degli IdR, articolati per ambiti territoriali corrispondenti alle diocesi. La consistenza delle dotazioni organiche per ruoli pari al 70% dei posti funzionanti. Laccesso al ruolo avviene tramite il superamento del concorso per titoli ed esami. I titoli di qualificazione professionali sono quelli stabiliti dal punto 4 dellIntesa. La prova di esame, dopo la fase di transizione, si terr con frequenza triennale e avr per oggetto laccertamento della preparazione culturale e didattica. Questa nuova legge, per la quale lo Stato italiano si era impegnato 18 anni fa con la CEI, un atto di giustizia, che elimina lultima categoria dei precari nel mondo della scuola, gli IdR. un atto di riconoscimento del lavoro educativo e generoso che gli IdR compiono negli Istituto, a favore delle nuove generazioni. un segnale positivo a sostegno della presenza dellIRC nella scuola di tutti, con la sua valenza educativa e culturale. Il merito dellapprovazione di questa legge va innanzitutto allattuale maggioranza di governo, come pure alle forze politiche che in maniera trasversale in Parlamento ne hanno dato il pieno appoggio. Anche la CEI, con rispetto delle diverse funzioni ma con tenacia, ha insistito perch fosse riconosciuta la pari dignit degli IdR, presentando la sua carta a

9

mio avviso determinante: lalta e costante percentuale degli alunni e delle famiglie che scelgono lIRC, il 93% (supportata dallindagine nazionale svolta nellultimo decennio). Si chiude definitivamente una pagina di storia dellIRC a scuola, si apre una nuova stagione per gli IdR caratterizzata da sicurezza e stabilit, con un futuro carico di speranza. E qual il perch ed il senso della tavola rotonda odierna che ha per tema: La piena dignit dellIdR nella scuola italiana oggi: novit e prospettive? Il significato triplice: ripercorrere la storia che ha condotto allattesa Legge sullo stato giuridico e

comprendere i punti nodali; collocare la Legge 186/03 nel mosaico della riforma scolastica, riconoscerla come un

tassello e scoprirne il valore per la scuola; approfondire le prospettive che tale legge d allIRC e alla figura del docente di

religione. E a mio giudizio necessario soffermarsi su questo testo legislativo e avviarne insieme lo studio grazie ai relatori che ce ne faranno apprezzare la portata innovativa e le prospettive. ANTONIO BOLLIN

2) LA STORIA DELLA LEGGE SULLO STATO GIURIDICO DEGLI INSEGNANTI DI RELIGIONE

Il ruolo degli insegnanti di religione il riconoscimento da parte dello Stato del ruolo , ovvero, della funzione culturale e formativa che linsegnante di religione svolge come professionista nel suo settore allinterno dellistituzione scolastica. E, di conseguenza, per questa ragione gli viene riconosciuto il diritto alla stabilit e alla sicurezza professionale alla stregua degli altri docenti. Nel testo di legge recentemente approvato c i

Recommended

View more >