n 48 2014 italia croazia

Download N 48 2014 italia croazia

If you can't read please download the document

Post on 06-Apr-2016

221 views

Category:

Documents

3 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

http://www.stadio5.it/images/n_48_2014_Italia_Croazia.pdf

TRANSCRIPT

  • Bianca Ara pag 16

    Parola al Baffo

    Sandro Mazzola pag 2

    Severa Bisceglia pag 2

    LA PARTITA

    AL MEAZZA

    SCOMMESSE

    Pino Sardiello pag 3

    FORMULA1

    PER BATTERE LA CROAZIA

    OVER 2,5

    HAMILTON E ROSBERGALLULTIMA CURVA

    OGGI SI FA SUL SERIOAntonio Conte

    chiamatoal primo vero esame

    domenica 16 novembre 2014 Anno 4 n 48 info@stadio5.it - COPIA OMAGGIOwww.stadio5.it

    I t a l i aC r o a z i a

    MOTOGP

    Marjlja Bisceglia pag 16

    MarcMARQUEZ

    NELLA LEGGENDA

    VALENTINOSUPER

    OCCHIO ALLA CROAZIANON SCHERZA

    Un grande in bocca al lupoa Roberto Mancini

  • domenica 9 novembre 2014 2

    ITALIA (3-5-2)

    Arbitro: Bjorn Kuipers - Olanda -

    STADIO

    CROAZIA ( 4-3-2-1)

    1994 a Palermo, ancora la Croazia ad avere la meglio, a segno Dino Baggio per gli azzurri e la doppietta di Suker chiude la parti-ta sull1-2. Se pensiamo a questi quattro incontri, la nostra partita potrebbe ri-sultare tutta in salita: due pareggi e due sconfitte. Ma Conte sa come caricare i suoi ragazzi e noi conoscia-mo la cura maniacale che il mister ha nel preparare ogni partita. A questa sfi-da le due squadre arrivano quasi appaiate nei risultati. Sempre oggi potremmo as-sistere, a partire dalle ore 18.00, gli incontri Olanda-Lettonia, Belgio-Galles, Cipro-Andora, Azerbai-gian-Norvegia. In contem-poranea con Italia-Croazia giocheranno anche Bul-garia-Malta e Repubblica Ceca-Islanda. Lo stadio di San Siro ha portato sem-pre bene alla Nazionale Azzurra, in 54 incontri ha perso solo due partite, en-trambe con lUngheria nel 1911 e nel 1925, altri tem-pi. Nel sacco azzurro ben 37 vittorie e 15 pareggi. San Siro ce la metter tutta per portare bene anche in questa cinquantacinque-sima sfida sotto gli occhi attenti della Madonnina.

    Per una volta il Meazza metter daccordo tutti, grandi e piccini, interisti, milanisti e juventini. Sul campo di San Siro scende la Nazio-nale di Antonio Conte e non possia-mo non tifare, almeno questa volta, tutti per la stessa squadra. Si inizia a giocare sul serio e questa la prima possibilit per il tecnico di dimo-strare i progressi fatti. E di scena la fase di qualificazione contro una squadra ostica che conosce il calcio e che i precedenti le danno ragione: il 14 giugno , Euro 2012, a Poznan finisce in parit (1-1) alla rete di Pirlo al 39 risponde Mandzukic al 72; 8 giugno 2002, Coppa del Mon-do, la Croazia vince a Ibaraki recu-perando il momentaneo vantaggio azzurro realizzato da Bobo Vieri al 55 con le reti al 73 di Olic e Rapaic tre minuti dopo; l8 ottobre 1995, preliminari di Euro 2006, Croazia-Italia finisce ancora in parit, a Spa-lato vanno in gol Suker e Albertini. Il precedente incontro, novembre

    I t a l i a C r o a z i a

    Niko KovaAntonio Conte

    ORE 20.45Meazza

    Lazzurro prova a far di-menticare lapatia del nostro calcio. Il Meazza si appresta a ricevere la Croa-zia, avversario proverbial-mente ostico per i nostri pe-datori. Roba da analisi, ma a pensar bene, la conforma-zione geopolitica saltata in aria, cos come hanno inse-gnato gli ultimi Mondiali. Niente paranoie, ma unat-tenta analisi. Tra i 26 con-vocati di Conte, per i match contro Srna e compagni, non c Andrea Pirlo, ma si registra il ritorno di Ales-sio Cerci. La notizia della settimana , per, il ritorno del figliol prodigo Balotelli. Poi alcune novit: Moretti, Rugani, Bertolacci e Soria-no. Roba da leccarsi i baffi. El Shaarawy stato incluso tra i centrocampisti; questo la dice lunga su come vede il rossonero il ct. A parte lim-marcescibile Buffon, qui di fuoriclasse nemmeno lom-bra. Forse perch non ce ne sono. Sono rimasti tutti fer-mi agli anni Novanta. Lulti-mo papabile rimasto Pir-lo, perch Totti e Di Natale stanno pianificando a quan-do diventeranno nonni. In questi nomi c solo qualche giocatore discreto, volen-teroso, che se in giornata di grazia capace di fare la differenza. Una cosa estem-poranea, che dura il giro di un orologio, una volta ogni tanto. Conte ha ragione: E un momento in cui bisogna darsi da fare per recuperare posizioni nel ranking, dopo il Mondiale disastroso. Meglio di questi non ce ne sono, a parte gli infortunati. E un paradosso pensare che lIta-lia intera saggrapper a Ba-lotelli, nonostante la brutta stagione che sta disputando a Liverpool. Nessuno do-tato del suo talento, quindi non c che incrociare le dita. Tra questi convocati, vi sono molti giocatori involuti: De Sciglio, Immobile (anche se qualche gol in pi di Super Mario lha segnato), Zaza. Se guardiamo il nostro cam-pionato, e pretendiamo di assomigliare ai tedeschi, come pensare di sopravvi-vere nudi sul K2. Dobbia-mo ripartire da qui, con la consapevolezza che il nostro grande bagaglio tecnico e culturale lhanno portato via. Bisogna sopravvivere, come solo i poveri sanno fare, perch la nostra avi-dit ci ha fatto perdere ci che possedevamo.

    Con la mente e col cuo-re sono gi proietta-to sul derby di domenica prossima a San Siro col Milan. Ma visto che gio-ca la Nazionale, tra laltro proprio qui a Milano, non posso esimermi dal met-tere a fuoco questa partita che vale parecchio per gli azzurri di Conte, in pro-spettiva futura per la qua-lificazione europea. Non so se il ct ha fatto bene o no a chiamare Balotelli perch il ragazzo potrebbe risulta-re un arma a doppio taglio.

    OCCHIO ALLA CROAZIA, NON SCHERZASappiamo benissimo che i croati non scherzano e che faranno di tutto, ovviamen-te nei limiti, per provocare il nostro attaccante. Balo-telli, per conto mio, non ancora maturato come qualcuno ipotizzava dopo il suo rientro in Italia col passaggio al Milan. Anche col Liverpool, infatti, mi sembra che le cose per lui non stiano andando tan-

    to bene. Vediamo cosa decider Conte in merito al suo impiego. Per il resto ho ab-bastanza fiducia in questa Italia, anche se nelle ultime due uscite con Azerbajgian e Malta si sono sollevati parecchi dubbi.

    Lunica gara, diciamo quasi perfetta, sta-ta quella giocata a Oslo contro la Norvegia e vinta 0-2. Dando un occhiata al girone degli azzurri direi che al di del risultato di San Siro la qualificazione non dovrebbe essere impossibile visto che la Norvegia, terza forza del gruppo, ha perso in ami-chevole soul proprio terreno con lEstonia.

    BuffonOgbonna, Ranocchia, Chiellini;

    Darmian, Candreva, De Rossi, Marchisio, De Sciglio;Zaza, Immobile

    SubasicSrna, Lovren, Corluka, Vrsaljko;

    Modric, Rakitic, Kovacic;Perisic, Mandzukic,

    Olic

  • 3domenica 9 novembre 2014

    LItalia di Antonio Con-te torna a San Siro per affrontare la Croazia in un

    match valido per le quali-

    ficazioni ad Euro 2016. Le

    due nazionali sono in te-

    sta al girone H con 9 punti

    frutto di tre vittorie nelle

    prime tre gare ma con i cro-

    ati che vantano una miglior

    Italia-Croazia, che quota l1 + Over 2,5!Conte cerca il quinto successo da Ct contro Kovacic e compagni

    differenza reti nei con-

    fronti degli azzurri. Una

    gara tab per la nazionale

    italiana che da quando la

    Croazia si separata dalla

    Jugoslavia non sono mai ri-

    usciti a vincere, ottenendo

    solo tre pareggi e perdendo

    in tre occasioni. Lultimo

    e unico successo azzurro

    risale al 1942 quando la

    formazione di Pozzo, con

    in campo anche Valenti-

    no Mazzola, si impose 4-0

    grazie alle reti di Gabetto,

    P. Ferraris, Biavati e Grezar.

    C dunque da ribaltare la

    tradizione e guadagnarsi

    il primo posto nel girone

    per presentarsi in Croazia

    nel giugno prossimi forti

    del vantaggio nello scontro

    diretto. Sar sicuramente

    una gara equilibrata in cui

    gli azzurri possono vince-

    re ed in cui ci potr essere

    un discreto numero di gol:

    andiamo dunque in dire-

    zione di un successo della

    squadra di Conte con un

    totale di gol segnati nella

    gara uguale o superiore a

    3 (1 + Over 2,5) che po-

    sto in lavagna con lottima

    quota che supera di poco

    4 volte la posta. Vi propo-

    niamo anche un Risulta-

    to Esatto: il 3-1 dellItalia

    che in lavagna intorno a

    20 volta la giocata. Con 5

    euro se ne possono porta-

    re a casa 100....roba da do-

    menica bestiale. Per i pi

    tecnologici ricordatevi che

    attraverso il vostro Iphone,

    Smarthpone o Tablet pote-

    te scaricare le applicazioni

    di diversi Concessionari

    di Gioco che vi permette-

    ranno di scommettere live

    sullevento. Il divertimento

    assicurato ma ricorda-

    tevi di GIOCARE CON

    RESPONSABILITA. Infine

    vi proponiamo le quote re-

    lative al Primo Marcatore

    di Italia-Croazia: favori del

    pronostico che vanno in di-

    rezione di Immobile e Zaza

    offerti intorno al 4,50, pi

    staccati Marchisio (7,50) e

    De Rossi (9,5). Ma atten-

    zione al ritorno di Balotel-

    li: dovrebbe partire dalla

    panchina ma la sua quota,

    intorno a 9 volte la gioca-

    ta molto allettante. Tra le

    fila dei croati i pi gettonati

    risultano essere Mandzu-

    kic (5,00) e Rakitic (6,5), e

    occhio anche al padrone di

    casa Kovacic che paga oltre

    11 volta la giocata. In boc-

    ca al lupo e alla prossima.

  • domenica 9 novembre 2014 4

    Antonio ConteDue giovani al comando

    Antonio Conte, nato a Lecce il 31 luglio del 1969, vanta una carrie-ra calcistica tutta italiana e di tutto ri-spetto. Come il suo collega croato, da calciatore ha ricoperto il ruolo di cen-trocampista, dotato di grande tenacia e grinta, la sua grande versatilit lo ha reso indispensabile tanto nelle s