opuscolo programma vicino/lontano 2012

Download Opuscolo programma Vicino/Lontano 2012

Post on 07-Mar-2016

228 views

Category:

Documents

7 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

 

TRANSCRIPT

  • Chiesa di San Francesco

    Eventi di vicino/lontano in citt

    Oratorio del Cristo

    Palazzo Morpurgo / Palazzo D'Aronco, Sala Ajace

    Premio Terzani e Concorso Scuole Tiziano Terzani

    In libreria

    Notte verde

    In citt

    Anteprima vicino/lontano 9

    Inaugurazione 12

    Confronti | Incontri | Storie 1341

    Concorso Scuole 22

    Premio Terzani 32

    Mostra Urban Survivors 42

    In libreria 45

    In citt 53

    Notte verde 56

    Informazioni 62

    mag

    gio

  • associazione culturale

    via Crispi 47 33100 Udinetel. +39 0432 287171info@vicinolontano.itwww.vicinolontano.it

    Presidente Alessandro Verona

    Consiglio direttivoPaolo CeruttiGianni CianchiAlberto Felice De ToniMarco PaciniFranca RigoniAlessandro VeronaGiorgio Ziffer

    Comitato sCientifiCoStefano AllieviGiancarlo BosettiLucio CaraccioloNicola GasbarroRoberto GrandinettiGiovanni LeghissaGuido NassimbeniValerio PellizzariPier Aldo RovattiMarco TarchiAngelo VianelloDavide ZolettoRodolfo Zucco

    ideatori del Progetto Paolo CeruttiMarco Pacini

    viCino/lontano 2012

    CuratoriPaola Colomboin collaborazione conFranca Rigoni

    sPettaColiConCorso sCuoleGianni Cianchicon la collaborazione diLisa Longo

    amministrazionelogistiCa/osPitalitEsther Candotto

    Promozione/webLaura Boschi

    relazioni esternePaola Colombo

    testi/editingFranca Rigoni

    segreteria generaleLisa Longo

    Consulenza teCniCaRino De Marco

    resPonsabile teCniCoFrancesco Rodaro

    grafiCaKatalin Daka

    immaginiLuca dAgostinoPhocus Agency

    uffiCio stamPa Per la manifestazione 2012

    Most Presscom & Events Udinepress.vicinolontano@gmail.comGiuliana Puppin +39 328 1080422 Moira Cussigh +39 328 6785049

    sala stamPa viCino/lontano e notte verdeFriuli Future Forumvia Savorgnana 14Dal 2 al 6 maggio, dalle 9 alle 22

  • 6lottava edizione

    Quale misura per il presente; quali prospettive psico-biologiche per luomo che verr; e per le nuove generazioni che nel futuro si aspettano di entrare da protagonisti e non da vittime; che cosa giusto e che cosa equo da un punto di vista etico, socio-economico, ambientale per le nostre societ in crisi, che sono chiamate a scegliere tra difficili opzioni, nel tentativo di conciliare rigore, solidariet e sostenibilit?

    Di questi temi si occupa lottava edizione di vicino/lontano, con lintento di trasformare in conoscenza e consapevolezza il disorientamento per le sorti del paese e del mondo, evitando di cadere nella trappola di un inutile catastrofismo.

    I giovani sono di fatto le principali vittime dellattuale crisi economica e rappresentano ormai una nuova classe sociale mondiale, segnata da una duratura condizione di precariet e dalla difficolt di immaginare e progettare la propria vita e di divenire sostanzialmente adulti. Ci si chiede come sia possibile costruire societ pi giuste, dando risposte concrete allinquietudine di chi rimane escluso dal mercato del lavoro globalizzato, e dai diritti e dalla dignit che esso comporta. Sul versante della formazione ci si chiede poi come riuscire a preservare la funzione educativa in una societ di adulti a loro volta disorientati e confusi persino circa i valori e le responsabilit da trasmettere da una generazione allaltra.Quale rapporto esiste tra i concetti di bene e di giusto in una societ liberale che voglia

    essere davvero democratica; quali i principi di una giustizia equa, che tutte le componenti della societ possano razionalmente accettare e condividere? Quale limpatto dellattuale crisi finanziaria ed economica sulle nuove e diverse forme di disuguaglianza nel nostro paese e nel mondo? possibile una sintesi politica che attenui le distanze tra ricchi e poveri senza deprimere i diritti individuali?

    Biologia, genetica, bioingegneria, neuroscienze sono oggi in grado di farci vivere meglio e pi a lungo. Ma luso talvolta fin troppo pervasivo delle tecniche rese disponibili dal progresso della scienza sui nostri corpi e nelle nostre vite pone dilemmi nuovi e nuovi interrogativi. Ci si chiede se i tentativi di sconfiggere malattia, invecchiamento, morte, sofferenza e i progetti di modellamento e ri-costruzione delluomo possano prospettare un nuovo stadio evolutivo per lumanit, se non addirittura una condizione post-umana libera da vincoli biologici. Quali limiti di ordine etico dobbiamo porre alla modificabilit della natura umana?

    Fermo restando che spetta a una politica globale responsabile e condivisa indicare strategie e modelli di sviluppo compatibili con la salute della collettivit, in che modo abituarsi a considerare concretamente nei comportamenti quotidiani e negli stili di consumo ambiente e territorio come beni indisponibili allabuso egoistico di pochi e

  • 7invece come valori da rispettare e conservare in funzione del benessere psico-fisico di tutti? Nel segno della sostenibilit ambientale ed energetica, vicino/lontano, insieme al premio Greenfactor, affianca il Comune di Udine che aderisce alla Notte Verde del Nordest di sabato 5 maggio: uniniziativa promossa da Nordesteuropa.it in unampia rete di citt del Triveneto in occasione del Festival delle Citt Impresa.

    Infine, uno spazio speciale viene assegnato a un percorso sui Balcani, a ventanni da quella guerra le cui efferatezze offendono ancora profondamente la nostra coscienza civile. Vicino/lontano conclude tale percorso, e contemporaneamente la sua ottava edizione, con un evento fortemente simbolico, che indica la via per la ricostruzione di una nuova cultura della pace in quelle terre a noi cos vicine.

    Ancora una volta Confronti, Incontri, Storie presentati questanno in programma nellordine cronologico anzich in quello abituale in base ai luoghi di vicino/lontano ma anche letture, musica, documentari di testimonianza e di progetto, mostre e spettacoli.

    Per ascoltare la voce e seguire i ragionamenti di chi pu aiutarci a comprendere come funziona il mondo in cui viviamo.

    Dopo San Francesco, il Mercato del Pesce, lOratorio del Cristo, le Messaggerie della Stazione, edifici ormai legati alla storia di un'originale presenza culturale in citt, questanno vicino/lontano prosegue il suo percorso di re-invenzione e animazione di luoghi urbani significativi e realizza un giardino temporaneo in Piazza Venerio, cornice allabside di San Francesco, restituendole un volto amico e reintegrandone il ruolo di spazio naturale oltre che culturale. Una tartaruga in piazza Venerio il nome del progetto, ideato da un collettivo di professionisti e reso possibile da un pool di aziende che ci hanno creduto e hanno garantito il loro sostegno.Dopo i giorni di vicino/lontano, per tutta lestate il giardino rimarr disponibile e potr essere liberamente utilizzato dalla citt.

    Chiesa di San Francesco, 2005 Mercato del Pesce, 2006 Messaggerie, 2008

    Piazza Venerio, 2012

    mag

    gio

  • 9MERCOLED 2 MAGGIO ORE 20.30 | vIsIOnARIO, sALA AstRA PROIEzIOnE

    antePrima viCino/lontano 2012oltre il filo

    Un documentario di Dorino MiniguttiProiezione 2011, Italia/Slovenia/Croazia, 82 minutiProduzione AgheroseVersione originale (sloveno, croato, italiano, friulano) con sottotitoli in italianoProiezione in anteprima nazionaleIn collaborazione con il Cec-Centro Espressioni Cinematografiche e con il Tavolo della Pace del Comune di Udine

    Ingresso a pagamento

    Una pagina dimenticata della storia del Novecento. Tra il 1942 e l8 settembre del 43 gli abitanti di interi villaggi sloveni e croati adulti e bambini furono internati nei campi di concentramento italiani, tra cui quello di Gonars, e in migliaia vi morirono di stenti e di fame. Con laiuto dei disegni e dei testi inediti realizzati da quei bambini al rientro in patria e attraverso le loro voci ormai anziane e i ricordi degli italiani che abitavano vicino al campo il documentario accompagna i bambini di allora, sopravvissuti a quellesperienza traumatica, in un viaggio nella memoria. Cosa vuol dire essere testimoni oculari della morte di centinaia di persone tra le quali i genitori e i parenti pi vicini? Cosa vuol dire tornare orfani in case ridotte a un cumulo di macerie? Eppure, dallinfanzia violata affiora la testimonianza che lumanit e la solidariet possono nascondersi dietro le sembianze del nemico.

    Dorino Minigutti Autore e regista di numerosi documentari di carattere storico e sociale per la Rai e altre istituzioni pubbliche e private, vive e lavora in Friuli come autore e produttore indipendente.

    ORE 21.45 | vIsIOnARIO, sALA AstRA InCOntRO

    oltre il filo: un aPProfondimento storiCo

    Incontro con Carlo spartaco Capogreco Dario Mattiussi Dorino Minigutti

    Carlo spartaco Capogreco Storico, docente dellUniversit della Calabria, presiede la Fondazione Ferramonti, che promuove la ricerca sullinternamento civile e la persecuzione politico-razziale in et fascista. Tra i suoi scritti: I campi del duce (2004).Dorino Minigutti Autore e regista di numerosi documentari di carattere storico e sociale per la Rai e altre istituzioni pubbliche e private, vive e lavora in Friuli come autore e produttore indipendente.

    Dario Mattiussi Segretario del Centro isontino di ricerca e documentazione storica e sociale Leopoldo Gasparini. Tra le sue pubblicazioni: Lontano da dove? Laboratori didattici sul dopoguerra giuliano 1945-1954 (con G. Mirabella, 2004); La deportazione dei civili sloveni e croati nei campi di concentramento italiani: 1942-43. I campi del confine orientale (con B. Gombac, 2005); Ha curato la mostra documentaria Quando mor mio padre. Disegni e testimonianze dei bambini dai campi di concentramento del confine orientale, in collaborazione con Boris e Metka Gombac.

    2 maggio

  • 10

  • 11

    MERCOLED 2 MAGGIO ORE 21 | PIAzzALE DEL CAstELLO fEstA

    festa un