personal learning enviroment

Download personal learning enviroment

Post on 22-Dec-2014

493 views

Category:

Education

0 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Unit formativa per docenti, sviluppata nel 2008

TRANSCRIPT

<ul><li> 1. 1Unit Formativa 4PLE Personal Learning EnvironmentProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud</li></ul><p> 2. Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 2 3. Personal Learning Environment 3Un Personal Learning Environment uno spazioorganizzato di elementi utili ad un soggetto per accedere,aggregare, configurare e manipolare oggetti digitali dellapropria esperienza di apprendimento continuoProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 4. Esempio di PLE 4Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 5. Il PLE uno strumento individuale 5 gestito, creato direttamente dalla persona nella suaattivit di apprendimento continuo (studente,docente, lavoratore/professionista) indipendente dagli ambienti di e-learning fornitieventualmente alle persone, dai portali istituzionalidelle scuole e delle aziende Integra conoscenze acquisite in diversi percorsi diapprendimento formale e conoscenza informale(tacita), acquisita attraverso le esperienze personaliProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 6. Il PLE uno spazio digitale realizzato con: 6 Applicazioni locali per pc Applicazioni web sviluppate ad sviluppate ad hoc, come adhoc, come ELGG http:// elgg.org/ esempio PLEX Applicazioni, servizi web 2.0, www.reload.ac.uk/plex/ per la creazione di spazi digitali personali, come Applicazioni locali per pc,NETVIBES, PROTOPAGE, ottenute integrando PAGEFLAKES, I-GOOGLE, strumenti, come aggregatori ecc.. di notizie (feed reader), Applicazioni web ottenute strumenti di comunicazioneintegrando diversi servizi in (outlook/lotus notes), ecc rete, come blog, wiki, aggregatori di notizie on line (feed reader), widget e gadget,Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 7. Il PLE legato al cambio di prospettiva 7Nel campo tecnologico primaNella scienza della formazionedel web latto comunicativo erasi passa gradualmente daldominato da strumenti push,comportamentismo, modellolinformazione che qualcunocentrato sullinsegnante e suispingeva verso di me contenuti: lo studente ha unCon il web sono io che cerco leruolo passivo, alinformazioni che mi servono, ele tiro verso di me (pull), inoltrecostruttivismo, modello centratoemerge il fenomeno di massasullo studente, che ha un ruoloweb 2.0 che abilit chiunque a attivo: le modalit diprodurre e caricare in rete iapprendimento sono diverse dapropri contributi contenutosoggetto a un altrogenerato dagli utentiProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 8. Il PLE un unico tetto operativo 8Il PLE porta tutti i differenti oggetti di interesse perlapprendimento di una persona, sotto un unico tettooperativo, fornendo una memoria estesa acompletamento ed integrazione di quella fisiologicacon molti vantaggi Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 9. Mappa Concettuale PLE 9Esplora la mappa sul web, presso IHMC Public Cmaps (2)Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 10. Vantaggi PLE: forza la sintesi 10Ha la propriet di forzare la sintesi, la strutturazione elorganizzazione dellinformazione in quanto unaarchiviazione orientata al riutilizzo (ri-adattare)Il riassunto di un saggio in forma cartacea: si pu solorileggere; se invece in forma elettronica lo si puriutilizzare (tutto o in parte) e anche integrare on altricontenutiProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 11. Vantaggi PLE: esplicita le associazione edelimina le contraddizioni 11Ogni volta che viene inserita una nuova informazione,vengono forzate due operazioni cognitive:la definizione dellarea tematica prevalente relativaallinformazionela eliminazione di elementi informativicontraddittori presenti nellareaIl vantaggio lesplicitazione dei collegamentiassociativiProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 12. Vantaggi PLE: facilita il ripasso narrato 12Il poter rivisitare lo stesso materiale in tempi differentie in contesti modificati, favorisce la reale padronanzadi un argomento. Facilita il ripasso narrato dellaconoscenza.Raccontare le proprie esperienze non serve solo acomprendere il passato, ma incide anche sullaprobabilit di ricordare in seguito, e combatte lobliocausato dalla labilit della memoriaProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 13. Vantaggi PLE: favorisce il processo creativo 13Favorisce il processo creativo, mettendo a disposizionemolto materiale in forma digitale: citazioni, frasi,tabelle numeriche, concetti, ritagli provenienti dasaggi e articoliLa stessa letteratura un arte combinatoria:frammenti lessicali, grammaticali e semantici ereditatie/o capitalizzati vengono combinati e ricombinati innuove sequenze espressiveProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 14. Vantaggi PLE: mantiene le annotazioni nel tempo 14Mantenere appunti in continua evoluzione, consente ditenere traccia di sollecitazioni che non si in grado diimpiegare prontamente ma di cui si percepiscelimportanzaMolti scrittori hanno fatto ampio uso di salvadanaidelle annotazioni , le Moleskine (il taccuino concopertina nera, chiuso da un elastico) stato lostrumento mitico utilizzato da molti artisti edintellettuali europei degli ultimi due secoli, perraccogliere idee e annotazioniProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 15. Vantaggi del PLE: tiene memoria dei riferimenti 15Lunico modo per essere certi di poter recuperare nelfuturo uninformazione su Internet non piconservare il link, bens memorizzare in manieraesatta i riferimenti (es: nome e cognome di un autore,titolo della sua opera, date eventi ecc)Il link diventa rapidamente obsoleto, i siti webvengono aggiornati frequentemente le persone e leaziende cambiano spesso Internet Service ProviderProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 16. Vantaggi PLE: permette un oblio consapevole 16Consente la funzione svuota le tasche permette unoblio consapevole, togliendo dalla memoria lo sforzo diconservare informazioni non rilevanti in un certomomento e liberare il pensiero dalle attivit fattualiDimenticarsi un appuntamento pu portare aconseguenze pratiche spiacevoli e minano la credibilitdella persona. Il PLE consente una efficiente gestionedelle cose da fare (memoria prospettica) e lapossibilit di avere il piacere di ripercorre le cose gifatte (memoria retrospettiva)Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 17. Vantaggi PLE: misura il livello culturale 17La crescita dimensionale dello spazio di lavorodigitale personale, pu essere vista come una vera epropria oggettivazione della crescita culturale dellapersonaContando gli elementi presenti nel PLE si pu inqualche modo misurare il livello culturale raggiunto(in pratica un e-portfolio delle esperienze pisignificative)Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 18. Vantaggi PLE: favorisce il collezionismo 18Collezionismo digitale tracce ed immagini diprivilegio estese a tutti [Abruzzese, Borrelli]Il collezionismo costituisce un grande fenomenoculturale che ha segnato la nascita dei grandi museiottocenteschi, collezioni private divenute pubblicheLattivit dilaga nella sfera privata come fenomeno dimassa. La passione del collezionista quella diriprodurre dentro uno spazio simbolico di un internola messa in scena di un universo, questa finalit bensi adatta alla rete, universo digitale interconnessoProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 19. Vantaggi PLE: facilita la narrativa digitale 19La passione del collezionista consiste nelricontestualizzare oggetti sradicati provenienti damemorie o mondi alieni secondo il suo piacere e la suaesperienzaIl processo di dematerializzazione degli oggetti (foto,libri, musica, ) ormai inarrestabile, la possibilit diri-utilizzare e ri-adattare questi elementi digitalipermettono alle persone di creare spazi espressivi diautoproduzione (blog, flickr, you tube, )questa nuova forma di collezionismo dettanarrativa digitaleProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 20. Mappa Concettuale PLE_Vantaggi20Esplora la mappa sul web, presso IHMC Public Cmaps (2) 21. Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 21 22. Il dashboard (cruscotto)Dashboard (cruscotto) una finestra e/o una pagina web,permette in batter docchio di controllare lo stato di unaapplicazione. Il cruscotto/dashboard spesso configurabiledallutente, possiamo spostare, inserire e togliere oggetti di tipowidget e/o gadget su di esso, come piccoli elementi graficiadesivi sulla superficie di una lavagna magnetica.dashboard (cruscotto)oggetti di tipo widgete/o gadget 23. Il widget (elemento grafico adesivo)Il widget un elemento grafico adesivo che si pufissare al cruscotto (dashboard), e permette allutentedi utilizzare un servizio reso disponibile da unaapplicazione. Questo consente di accedere adinformazioni dinamiche, come ad esempio le previsionidel tempo personalizzate per la propria cittIn alcuni ambienti come iGoogle il widget prende ilnome di gadget 24. Dashboard (cruscotto) e widget 25. Raccolta di widget 26. Breve animazione: un wigest, in netvibes 1) aggiungi wigest lista da fareBreve animazione (flash)aggiungere un wigest,(memoria prospettica, lista dafare) al proprio spazio digitalenetvibesPersonal Learning Environments 2) Risultato finale(immaginario)di Antonio Mora,docente di elettronicawww.netvibes.com/mora 27. Syndication-Aggregation un flusso di notizie e raccolta diconoscenze attraverso il formato RSS(Realy Simple Syndication)I feed RSS sono un metodo nuovo perraccogliere contenuti e comunicazioni push informazione che qualcunospinge verso lutente pull lutente cerca le informazioni cheservono, e le attira verso di lui (pull) Il push ha bisogno del potere, il pull del sapere 28. Syndication Flusso di notizie Fedd RSS la possibilit offerta dai rubinettifornitori di contenuti i feedinformativi di ricevereautomaticamente (dopo unasemplice sottoiscrizione) unflusso di notizie/feed rssPermette di organizzate inbase a una struttura comune:un titolo, il corpo della notizia,data e ora di emissione, emagari lindicazionedellautore e di una categoriatematica 29. Raccolta delle informazioniUna stessa notizia potr essereripresa e impaginata in formesecchiellidiverse da persone e agenzie gli aggregatoriinformative differenti (mentreresteranno costanti la sua notizie foto videocinemastruttura e il suo contenuto)specificato dal formato delfeed rss possibile raccogliere le noti-zie in maniera automatica coni feed reader (aggregatori)biologiachimica fisica lab_44 30. Chi distribuisce i contenuti e perchAgenzie informative per raggiungere un audience(proprietarie di mezzi di maggiore ed incontrare lecomunicazione di massa) aspettative degli utentiAziende, organizzazioni con per essere presenti comedistribuzione di prodotti e nodi della rete, perservizi, istituzioni, scuole, estendere la loro voce e iluniversit, pubbliche loro marchio, per creareamministrazioni flussi informativi utili agliutenti e ai partnerContenuti generati dagliper creare conversazioni,utenti, come i bloggeresprimere punti di vista,condividere competenze 31. Quali tipi di contenuti vengono distribuitinovit, notizie ansa.it/site/static/ansa_rss.htmlarticoli, informazionisu prodotti, corsi,eventi www.bda.unict.it/rss.aspx?id=13promozioni e offertevideo, audio, pocadst,foto, presentazioni youtube.com/rss/global/our_blog.rss 32. Metodo tradizionale per ottenere i contenuti 1. Raggiungere il contenuto2. Scaricare il contenuto allinterno della pagina web allinterno del proprio pc 33. Il formato RSS (Realy Simple Syndication)Il formato RSS nasce permarcare articoli e notiziedestinati a essere scambiati viaweb una marcatura finalizzatanon allimpaginazione dellenotizie ma alla lorostrutturazione logica 34. Feed RSS e xmlUn feed RSS un file xml (extensible markup language)contenente un flusso strutturato di notizie (ognuna delle qualicostituisce una unit di informazione), messo a disposizione daun fornitore di contenuti informativi e pronto per essere ripresoe utilizzato da altri http://larica-virtual.soc.uniurb.it/sdc/?feed=rss2 35. Un file xml prodotto dal feed RSS Ecco il file xml contenente la descrizione di una fonte di informazioni web, con i relativi metadati etichettati in rossohttp://larica-virtual.soc.uniurb.it/sdc/?feed=rss2 36. Raccogliere in modo automatico i contenutiIl file xml contiene la descrizione di una fonte diinformazioni web, con i relativi metadati (autore,titolo, data di pubblicazione, lingua, categoria, ecc)e il link alla pagina stessa leggibile facilmente anche da un essere umano, mapuo essere gestito al meglio da una applicazionefeed reader/aggregatore di notizie per raccogliere imodo automatico i contenuti di interesse 37. Feed reader (aggregatore di notizie)Esistono due tipidiversi di applicazioniper aggregarenotizie/contenutilocali (pc desktop)feedreader.comsharpreader.netservizi webnewsgator.comgoogle readers 38. Flusso di notizie e raccolta di conoscenzerubinettisecchiellii feed gli aggregatorinotiziefoto videocinema biologiachimica fisica lab_44Aiutano a tenere traccia di ci che si diceallinterno e attorno la propria rete sociale 39. Video su RSSmetodo tradizionalee metodo evoluto (feed rss)per raccogliere i contenuti con sottotitoli in italianohttp://www.dotsub.com/films/inplainenglish 40. Feeds facili con videoguideFeeds facili con videoguide, a cura del Prof. Antonio Cantaro, IISS "E. Majorana - Gela (CL)Feeds: cosa sono, dove si trovano e come usarliFeeds con Internet Explorer 7: video 1, video 2Feeds con Firefox 3 e Sage-Too: video 1, video 2, video 3Feeds con FeedReader 3: video 1, video 2, video 3, video 4Feeds con Google Reader: video 1, video 2, video 3, video 4 41. Video, wiget su netvibesNicola Mattina Web Show #2:i widget secondo Netvibes - 3min - 08/mar/2007 42. Progetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 42 43. Elgg, una rete sociale con al centro lindividuo 43Elgg una applicazione web http://elgg.org/ , Open Source percreare reti sociali che mette al centro gli individui e le loroattivitIl progetto Elgg avviato nel 2004 da Ben Werdmuller e DavidTosh http://classic.elgg.org/ in rapido sviluppo ed uscita unanuova versione 1.0 (estate 2008), con societ start uphttp://www.curverider.co.uk/Il nome Elgg deriva dal cognome completo diBen Werdmuller von ElggProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 44. Elgg: caratteristiche 44Elgg fornisce ad ogni utente un blog personale, uno spazio perfile (con capacit di podcasting),un profilo online e un lettore diflussi di notizie (feed rss).Tutti di contenuti di un utente possono essere contrassegnaticon parole chiave (etichette/tag), il sistema mette in relazionetutte le persone con interessi simili.Gli utenti possono (con i widget) collegare al proprio spaziopersonale nuovi oggetti provenienti da altre applicazioniPermette cos ad ogni utente di costruire la propria personalerete di apprendimentoProgetto TRIS Tecnici per la Ricerca nel Sud 45. Elgg come Personal Learning Enviroment 45Molte organizzazioni usanoelgg, tra queste le universit diBrighton, Warwick e LeedsMetropolitan University nelRegno Unitohttp://community.brighton.ac.uk/Laccesso offerto a tutti glistudenti e docenti, che sonoincoraggiati ad usare questosp...</p>