programmazione didattica disciplinare .con segnali bloccanti cicli con segnali bloccanti e corse

Download PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE .con segnali bloccanti Cicli con segnali bloccanti e corse

Post on 15-Feb-2019

213 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Istituto Istruzione Superiore A. VoltaFROSINONE

1

PROGRAMMAZIONE DIDATTICA DISCIPLINARE INDIVIDUALE

Anno Scolastico 2017/2018 Docente/i:SALVATORE ROMANO - ANGELO TIBERIA Disciplina : SISTEMI ED AUTOMAZIONE Classe : 4 Sezione: AM Indirizzo:MECCANICA

SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE

Maschi Femmine

COMPOSIZIONE DELLA CLASSE: 16

FASCE DI LIVELLO COGNITIVO DELLA

CLASSE

TIPOLOGIA DELLA CLASSE

FASCE DI LIVELLO SOCIO-AFFETTIVO

Alto Vivace Alto Medio Medio basso Basso

Medio-alto Collabrativa Impegno

X Medio basso

Basso X Poco

collaborativa

Partecipazione

Passiva Socializzazione

- ProblematicaComportamento

Individuate sulla base di:

griglie di osservazione

test d ingresso

verifiche orali

SITUAZIONE DI PARTENZA DELLA CLASSE

Ottimo N.

Buono N. 1

Sufficiente N. 9

Non sufficiente N. 6

X

X

X

X

X

Istituto Istruzione Superiore A. VoltaFROSINONE

2

Obiettivi didattici trasversali in chiave cognitiva

Esprimersi in modo chiaro e corretto utilizzando il lessico specifico di settore

Comprendere un testo, individuare le parole chiave e saperne elaborare un discorso

Cogliere la coerenza all interno di un processo logico

Applicare principi e regole circostanziali

Stabilire rapporti logici di causa-effetto

Collegare argomenti disciplinari e interdisciplinari

Migliorare il metodo di studio in termini di efficienza, efficacia e autonomia

Essere consapevole della necessit della formazione a vari livelli

Obiettivi in chiave di cittadinanza

Imparare a imparare: organizzare il proprio apprendimento, individuando, scegliendo e utilizzando varie fonti e varie modalit di informazione e di formazione (formale, non formale e informale), anche in funzione dei tempi disponibili, delle proprie strategie e del proprio metodo di studio e di lavoro. Progettare: elaborare e realizzare progetti riguardanti lo sviluppo delle proprie attivit di studio e di lavoro, utilizzando le conoscenze apprese per stabilire obiettivi significativi e realistici e le relative priorit, valutando i vincoli e le possibilit esistenti, definendo strategie di azione e verificando i risultati raggiunti. Comunicare: comprendere messaggi di genere diverso (quotidiano, letterario, tecnico, scientifico) e di complessit diversa, trasmessi utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali);rappresentare eventi, fenomeni, principi, concetti, norme, procedure, atteggiamenti, stati d animo, emozioni, ecc. utilizzando linguaggi diversi (verbale, matematico, scientifico, simbolico, ecc.) e diverse conoscenze disciplinari, mediante diversi supporti (cartacei, informatici e multimediali). Collaborare e partecipare: interagire in gruppo, comprendendo i diversi punti di vista, valorizzando le proprie e le altrui capacit, gestendo la conflittualit, contribuendo all apprendimento comune e alla realizzazione delle attivit collettive, nel riconoscimento dei diritti fondamentali degli altri. Agire in modo autonomo e responsabile: sapersi inserire in modo attivo e consapevole nella vita sociale e far valere al suo interno i propri diritti e bisogni riconoscendo al contempo quelli altrui, le opportunit comuni, i limiti, le regole, le responsabilit. Risolvere problemi: affrontare situazioni problematiche costruendo e verificando ipotesi, individuando le fonti e le risorse adeguate, raccogliendo e valutando i dati, proponendo soluzioni, utilizzando, secondo il tipo di problema, contenuti e metodi delle diverse discipline. Individuare collegamenti e relazioni: individuare e rappresentare, elaborando argomentazioni coerenti, collegamenti e relazioni tra fenomeni, eventi e concetti diversi, anche appartenenti a diversi ambiti disciplinari, e lontani nello spazio e nel tempo, cogliendone a natura sistemica, individuando analogie e differenze, coerenze e incoerenze, cause ed effetti e la loro natura probabilistica. Acquisire e interpretare l informazione: acquisire e interpretare criticamente l informazione ricevuta nei diversi ambiti e attraverso diversi strumenti comunicativi, valutandone l attendibilit e l utilit, distinguendo fatti e opinioni.

Istituto Istruzione Superiore A. VoltaFROSINONE

3

TAVOLA DI PROGRAMMAZIONE DISCIPLINARE

UDA CONOSCENZE COMPETENZE ABILITATIPOLOGIA VERIFICHE

COLLEGAMENTI INTERDISCIPLINA

RI TEMPI

N.1

Componenti Pneumatici

Aria compressaL aria compressa Propriet dell aria Produzione di aria compressa Trattamento dell aria compressa Distribuzione dell aria compressa Elementi di lavoropneumaticoElementi di lavoro pneumatici Attuatori lineari - Possibili applicazioni Attuatori rotanti Manipolatori pneumatici Elementi di comando e dipilotaggioControllo direzionale Controllo della portata e della pressione Valvole di controllo della portata e della pressione Valvole speciali

Intervenire nelle

diverse fasi e livelli del processo produttivo,

dall ideazione alla

realizzazione del

prodotto, per la parte di

propria competenza,

utilizzando gli strumenti

di progettazione,

documentazione e

controllo

1. Valutare come varia ilcomportamento dell aria compressa al variare dei parametri caratteristici degli impianti che la producono e degli utilizzatori

2. Disegnare simbolipneumatici

Test

Orale

Fisica

Matematica SETT.

OTT.

NOV

DIC

Istituto Istruzione Superiore A. VoltaFROSINONE

4

N.2

Tecniche di comando pneumatico

Comandi automatici

Circuiti pneumatici fondamentali Modelli grafici per la descrizione dei circuiti pneumatici Circuiti di comando degli attuatori a semplice effetto e a doppio effetto Regolazione della velocit degli attuatori Comandi temporizzati Esercitazioni di laboratorio di pneumatica

Definire, classificare e programmare sistemi di automazione integrata e robotica applicata ai processi produttivi

Redigere relazioni tecniche e documentare le attivit individuali e di gruppo relative a situazioni professionali

1. Descriveregraficamente il ciclo di lavoro di una macchina automatica. 2. Riconoscere i segnalipresenti nei cicli sequenziali. 3. Riconoscere i vari tipicomando pneumatico.

Test

Orale

Fisica Matematica Meccanica

DIC

GENN

N.3

Tecniche di comando elettropneumatico

Componentistica elettropneumatica

Circuiti elettropneumatici 1 Comando degli attuatori a

semplice effetto ed a doppio effetto

2 Realizzazione di operazioni logiche

3 Comandi elettrici temporizzati

Realizzazione di sequenze con tecnologia elettropneumatica Cicli di un solo attuatori Cicli con due o pi attuatori

Intervenire nelle diverse fasi e livelli del processo produttivo, dall ideazione alla realizzazione del prodotto, per la parte di propria competenza, utilizzando gli strumenti di progettazione, documentazione e controllo redigere relazioni tecniche e documentare le attivit individuali e di gruppo relative a situazioni professionali

1. Riconoscere ivari tipi dicomandoelettrico

2. Disegnare schemielettrici funzionali

3. Disegnare schemielettropneumatici

Test

Orale

Fisica Matematica Meccanica

FEBBR.

MARZO

Istituto Istruzione Superiore A. VoltaFROSINONE

5

realizzati con tecnica diretta Comando elettrico di cicli con corse contemporanee Comando elettrico di cicli con segnali bloccanti Cicli con segnali bloccanti e corse temporizzate. Confronto tra tecnologia pneumatica ed elettropneumatica

Realizzazione elettrica dei comandi di emergenza Cicli di un solo attuatore Cicli di due o pi attuatori Esercitazione di pneumatica

N.4

Componentistica oleodinamica Produzione di

energia idraulica Richiami elementi di meccanica dei fluidi Propriet dei fluidi idraulici Centraline oleodinamiche

Componenti dei sistemi oleodinamici Attuatori lineari e rotanti Elementi di comando e di controllo: valvole di regolazione della pressione Accumulatori

Intervenire nelle diverse fasi e livelli del processo produttivo, dall ideazione alla realizzazione del prodotto, per la parte di propria competenza, utilizzando gli strumenti di progettazione, documentazione e controllo

redigere relazioni tecniche e documentare le attivit individuali e di gruppo relative a situazioni professionali

1. Descriveregraficamente il ciclo di lavoro di una macchina automatica. 2. Riconoscere i segnalipresenti nei cicli sequenziali.

3. Riconoscere i vari tipicomando oleodinamico

Test

Orale

Fisica Matematica

Meccanica

APRILE

Istituto Istruzione Superiore A. VoltaFROSINONE

6

N.5

Macchine elettriche Generalit sulle

macchine elettriche Definizioni e classificazione

2 Struttura delle macchine rotanti e tipi di servizio

3 Rendimento di una macchina elettrica

4 Richiami di dinamica del moto rotatorio Caratteristiche di funzionamento di una macchina elettrica e dati di targa.

Trasformatori Trasformatore monofase Trasformatori trifase Esercitazione di laboratorio.

Macchine rotanti a corrente alternata 3.1 Principio di funzionamento 3.2 Alternatori

3 Motori asincroni monofase e trifase

Recommended

View more >