Sformatine di peperoni e patate novelle con salsa di basilico riccio

Download Sformatine di peperoni e patate novelle con salsa di basilico riccio

Post on 25-Jun-2015

802 views

Category:

Entertainment & Humor

0 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Un'antipasto? un secondo? un' entree? dovete solo decidere . Aflo

TRANSCRIPT

<ul><li> 1. monsTinafotografie ed elaborazioni originali diAntonio Florino</li></ul> <p> 2. Mettiamo a bollire una capace pentola di acqua e saliamola 3. Versiamo 600 gr di patatine novelle 4. Facciamole lessare e scoliamole 5. Comperiamo due peperoni rossi e laviamoli 6. Priviamoli del picciuolo 7. Leviamo accuratamente tutti i semi 8. Tagliamoli a listarelle sottili questo splendido coltello giapponese sarebbe stato un regalo di Tina per me, ma magnanimamente glielo lascio usare- 9. Mettiamo un filino di olio ev di oliva in una padella media 10. Non appena riscaldato aggiungiamo i peperoni 11. Un pizzico di sale fino li far ammorbidire prima 12. 13. Rigiriamoli in modo da scottarli ma non abbrustolire 14. 15. Tagliamo a fettine non troppo sottili le patatine novelle che abbiamo lessato in precedenza 16. 17. Aggiungiamole ai peperoni che nel frattempo sono rosolati a puntino 18. 19. Rigiriamo il tutto per bene 20. Lasciamo cuocere per una decina di minuti per amalgamare magari anche usando per un po un coperchio 21. Prendiamo una noce di burro- ovviamente come i veri professionisti con le mani 22. Spalmiamo per bene le formine con il burro 23. Ripetiamo loperazione fino a imburrarle tutte 24. Aggiungiamo del pan grattato sottile 25. Foderiamo lo stampino 26. Ripetiamo loperazione anche con le restanti 27. 28. Cominciamo a riempire le formine con il nostro composto 29. 30. Proseguiamo pressando un pochino 31. 32. 33. 34. 35. Continuiamo con il nostro lavoro fino a terminare gli ingredienti 36. Ecco il nostro lavoro finito- per ora- ne abbiamo preparato sei 37. Disponiamole su una leccarda da forno 38. 39. Versiamo nella leccarda un paio di bicchieri di acqua 40. Prepariamo e laviamo venti foglie piuttosto grandi di basilico riccio 41. Nel frattempo portiamo la temperatura del forno a 200 gr , come si nota la leccarda contiene circa due dita di acqua, quasi una cottura a bagnomaria 42. 43. Aggiungiamo nella terrina che contiene le foglie due decilitri di olio ev 44. Ed un paio di cucchiai di acqua calda 45. Con un mini piper 46. Creiamo una cremina al basilico piuttosto densa 47. 48. La useremo per guarnire i nostri sformatini 49. Il forno ha raggiunto i 200 gr 50. Mettiamoli in forno dove resteranno per 20 minuti 51. Il tempo trascorso, possiamo servire 52. Tina serve Peppe ,nostro nipote, da poco vegetariano che chiss perch ci annovera tra i suoi ristoratori preferiti 53. Sembra che il nostro vegetariano sia contento e giocoso per lavere ottenuto gli sformatini con salsa di basilico 54. Evidentemente le origini del piatto non sononapoletane ma certamente la fantasia Partenopea nota a tutti sar in grado di apportare tantissime varianti degne della Accademia d o mmusc magn . In ogni caso anche cosi vale la pena di assaggiarlo. Il piatto pu essere un secondo o unantipasto degno di un pranzo di gala. Buona fame a tutti e a presto da mons TinaeAflo [email_address]</p>