sistemi di cablaggio strutturato - tti.unipa.it alcuri/materiale_telematica_ls/sistemi di... ...

Download Sistemi di cablaggio strutturato - tti.unipa.it alcuri/Materiale_Telematica_LS/Sistemi di...  Con

If you can't read please download the document

Post on 20-Feb-2019

214 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

Sistemi di cablaggio strutturato

- 2 -

La diffusione e la frequenza con cui le installazioni di reti per le telecomunicazioni hanno

seguito lo sviluppo delle tecnologie di trasmissione dei dati, hanno posto in evidenza la necessit di

realizzare sistemi di cablaggio adeguati sia alle attuali richieste, relative alla qualit e alle specifiche

tecniche dei dispositivi di comunicazione, sia tali da poter adattarsi con elevata flessibilit

allevoluzione tecnologica.

Il sistema che risponde a questi requisiti quello del cablaggio strutturato.

Tale termine designa un sistema di telecomunicazione che attui e garantisca linterconnessione

di dispositivi fra loro eterogenei, assicurando servizi con elevate velocit di trasmissione,

modularit, espansibilit e sicurezza. I sistemi strutturati si svilupparono a partire dagli inizi degli anni ottanta come risposta ad una

specifica esigenza da parte delle aziende di poter disporre di strutture efficienti, versatili, su cui

fosse possibile installare servizi di vario tipo, senza dover realizzare per ognuno di essi un apposito

sistema di cablaggio; inoltre vi era la necessit di una struttura che fosse in grado di supportare lo

sviluppo delle tecnologie future, senza richiedere, per ladattamento, una pesante modifica della

stessa.

La principale differenza tra un sistema di tipo strutturato ed uno di tipo tradizionale consiste nel

fatto che il primo non risulta vincolato ad una sola tipologia di protocollo dati o, pi in generale, ad

una solo tipologia di servizio. Tale caratteristica offre ai sistemi strutturati la versatilit necessaria

per soddisfare le diverse esigenze di interconnessione di dispositivi: ci verso cui si tende la

possibilit di offrire, tramite un'unica struttura, una molteplicit di servizi, sia in ambito

commerciale che domestico, interfacciando apparecchiature di tipo diverso.

Lattivit normativa che regola la realizzazione di sistemi di cablaggio si sviluppata in

origine negli Stati Uniti, su proposta delle varie industrie elettroniche del settore, che esprimevano

in tal modo la necessit di un unico standard cui far riferimento durante la fase di progettazione e di

successiva installazione. Tale attivit stata sintetizzata e recepita negli standard EIA/TIA

(Electronics Industry Association, Telecommunications Industry Association), che in continua e

rapida evoluzione per lattivit dei gruppi di studio, forniscono le linee guida alle varie compagnie.

Lequivalente europeo di tale organismo il Cenelec, la commissione europea per la

standardizzazione elettrotecnica, che tramite i comitati tecnici ha fornito le norme per il mercato

europeo. Infine si hanno gli standard internazionali dellISO, molto simili a quelli del Cenelec, che

definiscono sistemi generici di cablaggio, indipendentemente dal tipo di applicazione.

In Italia si fa riferimento allattivit del CEI (Comitato Elettrotecnico Italiano) che recepisce

tramite i propri comitati tecnici, le norme europee. Sfortunatamente, a differenza di quanto accade

- 3 -

per le norme EIA/TIA, non si ha uno specifico riferimento a sistemi di cablaggio per edifici ad uso

commerciale e dualmente per edifici destinati ad abitazioni private. Tuttavia il CEI ha pubblicato

una Guida per il cablaggio degli edifici residenziali e una serie di raccomandazioni, il cui scopo

quello di indicare come applicare nel modo pi razionale la molteplicit di norme esistenti

sullargomento.

Linsieme di tali norme pu venire applicato sia ad un singolo edificio o ad un comprensorio

(campus), che includa diverse strutture; si vengono cos a definire delle aree interconnesse, in cui i

singoli utenti, dalle loro postazioni di lavoro possano interagire fra loro.

Gli standard di cablaggio In tutti gli standard, relativi al cablaggio generico di edifici, vengono considerati e

regolamentati alcuni aspetti di base dei sistemi stessi; questi riferimenti sono in ogni caso da

intendere non come valori assegnati in modo puntuale, quanto piuttosto in termini di requisiti, sia

topologici che elettrici, minimi. Si delinea quindi una situazione in cui pi che fissare strettamente

valori o strutture, si hanno margini di operabilit allinterno di configurazioni generiche: molte

scelte sono lasciate al progettista. Ad esempio gli standard principali non specificano quale tipo di

servizio fornire utilizzando la struttura, e in tale ottica, si prospettano diverse soluzioni in relazione

alle scelte effettuate, ma sempre coerenti con le linee guida generali.

Le caratteristiche fondamentali dei sistemi di cablaggio possono essere riassunte nei seguenti

punti:

a) La struttura topologica e la configurazione minima per il cablaggio generico, ivi comprese le distanze massime e la collocazione fisica dei dispositivi, in relazione alla qualit e alle propriet dei mezzi trasmissivi e dei dispositivi utilizzati;

b) I requisiti per la realizzazione di tali strutture e la prassi di installazione;

c) Le caratteristiche specifiche degli apparati elettrici, elettronici ovvero di quelli ottici;

d) Le caratteristiche dei mezzi di trasmissione e dei dispositivi passivi;

e) I requisiti delle prestazioni per i singoli collegamenti, sia in cavi che in fibra ottica;

f) I requisiti di conformit e le procedure di verifica e collaudo.

Come anticipato nel precedente paragrafo, oltre a queste caratteristiche di base vi sono altri

aspetti che vengono analizzati da relative norme; in particolare vengono presi in considerazione i

requisiti di sicurezza (protezione elettrica, infiammabilit, ecc.), le caratteristiche di compatibilit

elettromagnetica, le indicazioni per la messa a terra e la connessione equipotenziale.

- 4 -

Nei successivi paragrafi viene presentato un prospetto delle norme esistenti e dei relativi

contenuti, facendo riferimento ai seguenti tre gruppi principali;

Gli standard di cablaggio ANSI/TIA/EIA, sviluppati negli Stati Uniti;

Gli standard internazionali ISO/IEC;

Gli standard europei Cenelec, cui fanno riferimento le norme italiane del CEI.

Gli standard TIA/EIA Lo standard TIA/EIA 568-B, Commercial Building Telecommunications Wiring Standard.

Lo standard TIA/EIA 569-A, Commercial Building Standard for Telecommunication

Pathways and Spaces.

Lo standard TIA/EIA 570-A, Residential Telecommunications Cabling Standard

Lo standard TIA/EIA 606, The Administration Standard for the Telecommunication

Infrastructure of Commercial Buildings.

Standard TIA/EIA 607, Commercial buildings grounding and bonding requirements for

telecommunications.

Gli standard ISO/IEC Standard ISO/TEC IS 11801, Information technology Generic cabling for customer

premises Cabling

Gli standard CENELEC Standard CENELEC EN50173, Performance Requirements of Generic Cabling Schemes

Standard CENELEC EN 50310, Bonding and earthing of IT equipment

- 5 -

Oltre a quelli sopra riportati, esiste una serie di norme relative alle caratteristiche di mezzi

trasmissivi, ai requisiti per la sicurezza e ad impianti di tipo telefonico o elettrico, cui gli standard di

cablaggio generico fanno riferimento.

Gli standard CEIIl Comitato Elettrotecnico Italiano ha recepito la norma En 50173 del CENELEC nel 1997 e

ne ha aggiornato le specifiche nel 2000 con una Variante (A1), precisamente nella

Norma CEI EN50173, Tecnologia dellinformazione Sistemi di cablaggio Generico

Norma CEI EN50174, Tecnologia dellinformazione Installazione del cablaggio.

Guida CEI 306-2, Guida per il cablaggio per telecomunicazioni e distribuzione

multimediale negli edifici residenziali.

Norma CEI EN 50310, Applicazione della connessione equipotenziale delle

apparecchiature per la tecnologia dellinformazione negli edifici con riferimento alla

prestazione di sicurezza, funzionale ed elettromagnetica.

- 6 -

Topologia di una rete di cablaggio.La topologia di una rete una rappresentazione logica del sistema d'interconnessione dei cavi per

supportare i servizi richiesti; le topologie sono delle rappresentazioni, fisiche e logiche, della

distribuzione dei conduttori, dei cavi e cavidotti, delle apparecchiature terminali che compongono

una rete. Non necessariamente una topologia logica impone direttamente la stessa topologia di

rete; difatti pu installarsi una topologia logica a stella tramite canalizzazione di rete a bus. Ci

detto, il sistema di cablaggio costituito da una struttura a stella gerarchica, che include un insieme

di sottosistemi locali, anchessi gerarchicamente distribuiti. Un sistema di cablaggio strutturato

composto, in maniera schematica ed essenziale, da due distribuzioni: una orizzontale (horizontal

cabling systems structure) e una verticale (Backbone cabling system structure); la prima si sviluppa

in ogni singolo piano delledificio con lo scopo di collegare le prese delle singole postazioni di

lavoro allarmadio di piano. La distribuzione verticale, che si distingue ulteriormente in dorsali

d'edificio e dorsali di comprensorio, collega fra loro tutti gli armadi di piano con il centro di

distribuzione delledificio e con la dorsale di comprensorio. La figura seguente illustra

Recommended

View more >