fonti rinnovabili energia geotermica energia solare energia idrica energie rinnovabili energia delle...

of 34/34
Fonti rinnovabili Energia geoter mica Energia solar e Energia idrica ENERGIE RINNOVABILI Energia delle biomasse Energia eolic a Energia a idr ogeno

Post on 02-May-2015

233 views

Category:

Documents

5 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Fonti rinnovabili Energia geotermica Energia solare Energia idrica ENERGIE RINNOVABILI Energia delle biomasse Energia eolica Energia a idrogeno
  • Slide 2
  • INTRODUZIONE FONTI PROGRAMMABILI E NON PROGRAMMABILIFONTI PROGRAMMABILI E NON PROGRAMMABILI INFORMAZIONI
  • Slide 3
  • Sono da considerarsi energie rinnovabili quelle forme di energia generate da fonti il cui utilizzo non pregiudica le risorse naturali per le generazioni future o che per loro caratteristica intrinseca si rigenerano o non sono "esauribili" nella scala dei tempi "umani". INTRODUZIONE
  • Slide 4
  • FONTI PROGRAMMABILI E NON PROGRAMMABILI Nell'ambito della produzione di energia elettrica le fonti rinnovabili vengono infine classificate in "fonti programmabili" e "fonti non programmabili", a seconda che possano essere programmate in base alla richiesta di energia oppure no. Secondo la definizione del Gestore Servizi Elettrici nel primo gruppo rientrano "impianti idroelettrici a serbatoio e bacino, rifiuti solidi urbani, biomasse, impianti assimilati che utilizzano combustibili fossili, combustibili di processo o residui", mentre nel secondo gruppo (non programmabili) si trovano "impianti di produzione idroelettrici fluenti, eolici, geotermici, fotovoltaici, biogas.
  • Slide 5
  • INFORMAZIONI Secondo la News Produzione rinnovabile italiana l Italia risulta essere il quarto produttore di elettricit da fonti rinnovabili nell'UE. Eolico: MW installati (fine 2005) Solare Fotovoltaico MW installati (fine 2004) Solare Termico Pannelli operativi mq (2004) Germania16.6297946.199.000 Olanda1.07847,7504.000 Danimarca3.1242,2328.000 Austria60619,82.400.000 Gran Bretagna8907,8176.000 Francia38220,1792.000 Spagna8.26338,7440.000 Grecia4724,52.826.000 Italia Totale EU 25 1.266 40.455 30,3 1.004 458.000 15.362.000
  • Slide 6
  • Introduzione Differenze Localizzazione impianti solari ENERGIA SOLARE Prospettive per il futuro funzionamento
  • Slide 7
  • La luce del sole la pi grossa risorsa energetica del mondo e per migliaia di anni gli esseri umani hanno usato efficacemente l'energia solare per produrre luce e calore e per far crescere i raccolti. Sebbene la luce del sole possa essere raccolta da pannelli solari e utilizzata per il riscaldamento delle abitazioni e la fornitura domestica di acqua calda, i raggi solari non concentrati non sono abbastanza potenti da costituire un efficiente sistema di produzione dell'energia. INTRODUZIONE
  • Slide 8
  • Mentre il solare fotovoltaico produce energia elettrica sfruttando l'effetto fotovoltaico di alcuni materiali semiconduttori, il solare termico utilizza l'energia solare raccolta da un collettore solare per il riscaldamento di un fluido. DIFFERENZE
  • Slide 9
  • LOCALIZZAZIONE IMPIANTI SOLARI Il pi grande impianto in esercizio situato in California, presso Los Angeles, che, con i suoi 118 pannelli di grandi dimensioni, pu generare fino a 10mila kW di elettricit. In Europa, la maggior centrale fotovoltaica sorge ai piedi del Gargano in Puglia, su un area di 4000 mq.
  • Slide 10
  • PROSPETTIVE PER IL FUTURO Gli inconvenienti derivanti dalla nuvolosit, dalla densit dell'atmosfera e dall'incidenza dei raggi solari hanno indotto i tecnici della NASA, l'ente spaziale americano, a progettare per il futuro un modo per captare l'energia solare nello spazio, sopra l'atmosfera, mediante la collocazione in orbita di un satellite geostazionario, capace di catturare l'energia della radiazione solare mediante pannelli fotovoltaici.
  • Slide 11
  • Esistono tre metodi di produzione di celle FV, a seconda della tipologia di quest'ultime: 1. celle monocristalline: da purissime barre di silicio vengono tagliati dei dischetti molto fini, successivamente lisciati mediante levigatura e trattamento con acido. 2. celle amorfe: una piastra di vetro viene ricoperta da atomi di silicio attraverso spruzzamento catodico. 3. celle policristalline: consiste nell'aggiunta programmata di impurit ai dischetti di silicio sotto forma di atomi estranei. Esistono due tipi di sistemi fotovoltaici: 1. grid connected: impianti senza accumulo e collegati alla rete elettrica, 2. stand alone: impianti con accumulo, provvisti appunto di accumulatori per immagazzinare. FUNZIONAMENTO
  • Slide 12
  • Introduzione In Italia ENERGIA EOLICA Vantaggi e svantaggi
  • Slide 13
  • INTRODUZIONE La potenza contenuta nel vento rappresenta un'enorme fonte di energia, quella eolica , alla fin fine, una risorsa fornitaci dal Sole che si crea, principalmente, per le differenze di temperatura tra la terra, l'aria, il mare e, chiaramente, tra le calotte polari e l'Equatore. Le pale delle turbine a vento usano il movimento dell'aria per far ruotare un generatore elettrico simile a quello degli impianti idroelettrici.
  • Slide 14
  • IN ITALIA In Italia l'installazione di generatori eolici attraversa una fase ancora sperimentale. Le zone giudicate interessanti per eventuali installazioni sono: il crinale appenninico, le fasce costiere delle regioni meridionali, le isole del basso Tirreno e Pantelleria.
  • Slide 15
  • VANTAGGI E SVANTAGGI Gli aspetti positivi sono: Impianti semplici, silenziosi. Produzione di energia da immettere direttamente sulla rete locale. Disponibilit di potenza direttamente vicino ai centri di carico locali. Emissioni inquinanti evitate. Gli aspetti negativi delle turbine eoliche sono: Irregolarit del vento. Impianti ingombranti. Il vento presenta una limitata intensit energetica, per tale motivo gli impianti si presentano ingombranti.
  • Slide 16
  • Introduzione Utilizzo e composizione sperimentazione ENERGIA GEOTERMICA funzionamento vantaggi
  • Slide 17
  • INTRODUZIONE Il terreno contiene un' inesauribile sorgente di calore: i sistemi di riscaldamento e raffreddamento con pompe di calore geotermiche sfruttano il fatto che la temperatura del terreno, gi a pochi metri di profondit, si mantiene grossomodo costante durante l'arco dell'anno. Questa tecnologia ampiamente sfruttata negli Stati Uniti e in Canada oltre che in molti Paesi dell' Unione Europea, soprattutto Svizzera, Germania, Svezia, ma anche Spagna, Francia, Irlanda, Russia. l'Islanda il paese dove si d maggiore importanza alla geotermia, grazie all'abbondanza di questa risorsa.
  • Slide 18
  • Quella geotermica una fonte energetica a erogazione continua e indipendente da condizionamenti climatici, ma essendo difficilmente trasportabile, utilizzata per usi prevalentemente locali. La risorsa geotermica risulta costituita da acque sotterranee che, venendo a contatto con rocce ad alte temperature, si riscaldano e in alcuni casi vaporizzano. Sappiamo che l'interno della Terra molto caldo. Il problema che non pratico portare direttamente quest'abbondanza di calore alle nostre case per riscaldarle per cui bisogna estrarla dalla terra in modo sicuro da una centrale geotermica. UTILIZZO E COMPOSIZIONE
  • Slide 19
  • A causa dell'esaurimento che dopo un certo numero di anni possono subire i campi geotermici, sono stati avviati esperimenti per tentare operazioni di ricarica. Un interessante uso delle acque geotermiche a basse temperature costituito dall'innaffiamento delle colture di serra o all'irrigazione a effetto climatizzante, in grado di garantire le produzioni agricole anche nei paesi freddi. SPERIMENTAZIONE
  • Slide 20
  • Man mano che si scende in profondit, nel sottosuolo,di circa ogni 100 metri, la temperatura delle rocce aumenta di +3 C. In queste zone calde l'energia pu essere facilmente recuperata mediante la geotermia convogliando i vapori provenienti dalle sorgenti d'acqua del sottosuolo verso apposite turbine adibite alla produzione di energia elettrica o riutilizzando il vapore acqueo per il riscaldamento, le coltivazioni in serra e il termalismo. FUNZIONAMENTO
  • Slide 21
  • I principali vantaggi degli impianti geotermici sono: Le sonde geotermiche non inquinano Non prevista manutenzione Un impianto geotermico dura pi di 100 anni L'energia geotermica non viene importata Si ha un risparmio fino all' 80% dei costi di esercizio E' ecologica dal punto di vista dell'inquinamento, poiche' non emette CO2 L' impainto e' molto silenzioso Fornisce riscaldamento, acqua calda e raffreddamento 24 ore al giorno, 365 giorni all'anno VANTAGGI
  • Slide 22
  • Introduzione origini ENERGIA BIOMASSE tipi di biomasse funzionamento
  • Slide 23
  • Si intende con biomassa tutto il materiale di origine organica sia vegetale sia animale; dal plancton, alle alghe, agli alberi ed ai tessuti organici degli esseri viventi; Sono per da escludere le plastiche ed i materiali fossili. Le biomasse pi utilizzabili per le produzione di energia consistono in tutti quei materiali che possono essere usati come combustibili, per esempio la legna sotto forma di combustibile la biomassa di gran lunga pi importante. La biomassa costituisce una risorsa rinnovabile e inesauribile, a patto che essa venga sfruttata non oltrepassando il ritmo di rinnovamento biologico. INTRODUZIONE
  • Slide 24
  • Le biomasse hanno origini differenti: Da boschi e foreste naturali. Da piante coltivate appositamente per scopi energetici. Dai residui altrimenti. Da rifiuti organici. Tramite la gassificazione. Tramite la conversione biologica ad alcoli. Tramite la combustione diretta. ORIGINI
  • Slide 25
  • Come tutte le componenti di origine organica le biomasse vengono bruciate in caldaie o stufe per la produzione di calore sia per il riscaldamento di edifici pubblici e privati sia per la produzione di acqua calda. Nel Terzo Mondo un tale uso della biomassa non controllato, ma certamente responsabile di una grossa porzione dell'energia prodotta da biomassa nel mondo, la quale costituisce il 15% dei consumi energetici mondiale. FUNZIONAMENTO
  • Slide 26
  • I tipi di biomasse maggiormente utilizzati sono 4: Legno: viene considerata una fonte di energia pulita, rilascia nell'atmosfera una quantit di anidride carbonica (CO2) e questa a sua volta viene utilizzata per la crescita di altre piante. Cippato: legna appositamente sminuzzata e ridotta in scaglie grandi dai 3 ai 5cm e proviene dagli scarti legnosi di segherie ed industrie ma anche dagli scarti ottenuti dalle potature boschive, agricole ed urbane. Pellets: sono gli scarti di industrie, falegnamerie o segherie prima appositamente sminuzzati e poi sottoposti ad un altissima pressione. Mais: mais o granturco quello in grani facilmente reperibile e ad un costo decisamente basso. TIPI DI BIOMASSE
  • Slide 27
  • Introduzione In Italia ENERGIA IDRICA funzionamento Vantaggi e svantaggi
  • Slide 28
  • L'energia idroelettrica quel tipo denergia che sfrutta il movimento di masse d'acqua, quali fiumi, laghi e mari. Essa ampiamente utilizzata ogni volta che le caratteristiche naturali e le condizioni economiche lo rendono possibile. L'energia del Sole fa evaporare l'acqua dagli oceani e il vapore risale a grandi altezze in atmosfera, quindi l'acqua acquista energia potenziale, energia cinetica, che cade sulla Terra sotto forma di pioggia sulle montagne o scorre verso il mare nei fiumi lungo i quali possiamo costruire delle dighe. INTRODUZIONE
  • Slide 29
  • Nel nostro paese l'energia idroelettrica ha giocato un ruolo particolarmente rilevante dalla met degli anni venti fino agli anni cinquanta ma, negli ultimi venti anni, si registrato in sensibile calo con un tasso che oggi tocca appena il 10%, poich la forte crescita dei consumi energetici stata fronteggiata per lo pi con il ricorso alle centrali termoelettriche. IN ITALIA
  • Slide 30
  • FUNZIONAMENTO Per produrre energia idroelettrica l'uomo ha costruito dighe e condotte forzate in modo da creare un dislivello tale che l'acqua, convogliata attraverso tali condotte, arrivi alle centrali con unenergia potenziale maggiore; Giunta in queste sedi, l'energia cinetica viene trasformata in energia elettrica, grazie al fenomeno dell'autoinduzione e alle turbine collegate con dinamo. La turbina una macchina motrice che ha la funzione di trasformare, appunto, l'energia dell'acqua (sia energia cinetica che energia potenziale) in energia meccanica Le turbine sono classificate in base alla loro capacit di trasformare l'energia dell'acqua in energia cinetica direttamente nel distributore (turbina ad azione), o successivamente (turbina a reazione). Le turbine ad azione pi conosciute sono le turbine Pelton e Turgo; quelle a reazione, invece, Kaplan e Francis.
  • Slide 31
  • VANTAGGI E SVANTAGGI I vantaggi dell'energia idroelettrica sono principalmente due e uno di questi deriva dal fatto che questa energia ricavata da una fonte rinnovabile quale l'acqua, che l'elemento materiale pi presente sul nostro pianeta; la seconda dal fatto che per la produzione di tale energia non si sfrutta unicamente l'acqua dolce, ma anche l'acqua del mare; inoltre questo tipo d'energia, a differenza di molte altre pulita. Lo svantaggio pi evidente riguarda l'impatto ambientale infatti con la costruzione di dighe o di centrali il rischio di un cambiamento dell'habitat elevato; Inoltre le zone in cui normalmente presente uno scorrimento continuo d'acqua, possono trasformarsi in zone quasi paludose o con un minore scorrimento d'acqua, come pu avvenire ai piedi di bacini.
  • Slide 32
  • motore a idrogeno ENERGIA A IDROGENO celle a combustione
  • Slide 33
  • Le celle a combustibile sono dei sistemi elettrochimici capaci di convertire l'energia chimica di un combustibile (in genere idrogeno) direttamente in energia elettrica, senza l'intervento intermedio di un ciclo termico e di organi meccanici in movimento, per questo presentano rendimenti di conversione pi elevati rispetto a quelli delle macchine termiche convenzionali. CELLE A COMBUSTIONE
  • Slide 34
  • MOTORE A IDROGENO Il motore a idrogeno stato la pi attuale rivoluzione nel campo dei trasporti, automobilistici in particolare, e nel campo ecologico, grazie alla sua potenzialit di essere molto meno inquinante del motore a benzina. L'idrogeno si pu ritenere un ottimo combustibile per produrre energia, mediante combustione o "ricongiungimento" chimico con l'ossigeno.