homepage - consumerlab - progetto di bilancio 2020. 5. 21.¢  simgest societ£ ...

Download Homepage - ConsumerLab - Progetto di Bilancio 2020. 5. 21.¢  Simgest Societ£  di Intermediazione Mobiliare

Post on 24-Jan-2021

0 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • 1

    Bilancio

    al

    31 Dicembre 2017

    Simgest Società di Intermediazione Mobiliare SpA Via Cairoli n° 11 - Bologna - Tel. 051/64.82.311 Fax 051/64.82.333

    Codice Fiscale, Partita IVA e Reg.Imprese BO 04082900376 - pec: simgestspa@legalmail.it R.E.A. BO 338006 – Capitale Sociale Euro 11.000.000 i.v.

    Iscritta nell’Albo di cui all’art.20, comma 1, D.Lgs. n. 58/98 al numero 142 Aderente al Fondo Nazionale di Garanzia art.62 comma 1, D.Lgs. 23 luglio 1996, num. 415

  • 2

    INDICE _________________________________________________________________ pag. 3 Organi Sociali pag. 4 Relazione del Consiglio di Amministrazione sulla gestione pag. 34 Bilancio al 31 dicembre 2017 pag. 38 Prospetto della redditività complessiva pag. 39 Prospetto delle variazioni del patrimonio netto pag. 40 Rendiconto Finanziario pag. 42 Nota integrativa pag. 135 Relazione del Collegio Sindacale al Bilancio chiuso il 31 dicembre 2017 pag. 140 Relazione della Società di Revisione.

  • 3

    ORGANI SOCIALI ______________________________________________________________________

    Consiglio di Amministrazione

    Presidente:

    Elisabetta Binacchi

    Vice Presidenti:

    Emanuele Pasquesi

    Consiglieri:

    Massimo Bandini Saverio Bonavita

    Massimiliano Dazzi Vincenzo Fazzi Angelo Galati

    Massimiliano Marzo Fernando Pellegrini

    Alessia Savino Massimo Scacchetti Nicoletta Trancanelli

    Collegio Sindacale

    Presidente:

    Elio Di Odoardo

    Sindaci effettivi: Pierluigi Brandolini

    Alberto Gallo *

    Direttore Generale

    Eugenio Vaccari

    ∗ Nominato dalla Assemblea dei soci del 26 aprile 2018

  • 4

    RELAZIONE SULLA GESTIONE _____________________________________________________________________________________

    Signori Azionisti, Nell’ultimo anno la crescita dell’economia mondiale si è decisamente rafforzata

    nonostante le incertezze legate alle politiche commerciali internazionali degli Stati Uniti e

    la debolezza di fondo dell’inflazione. A livello globale la fase di espansione economica

    del 2017 dovrebbe essersi attestata attorno al +3,7% (dati stimati dal Fondo Monetario

    Internazionale nel World Economic Update di Gennaio 2018) registrando di conseguenza

    la miglior crescita degli ultimi 5 anni, spinta dal contemporaneo dei paesi emergenti e

    dall’accelerazione dell’economia Americana e dell’area Euro.

    Le prospettive per i prossimi due anni (2018-2019) sembrano confermare una decisa

    solidità del momentum economico a livello globale con la crescita che dovrebbe

    ulteriormente rafforzarsi, trascinata in modo abbastanza omogeneo dai paesi emergenti e

    dai paesi delle economie avanzate. Negli Stati Uniti dovrebbe continuare questa fase di

  • 5

    forte crescita (+2,7% le proiezioni per il 2018 e +2,5% per il 2019) grazie all’ottimismo

    profuso da Trump e alla riforma fiscale varata a dicembre 2017 che prevede il taglio

    dell’aliquota fiscale dal 35% al 21% per le aziende ed una riduzione del numero delle

    aliquote per le persone fisiche.

    Dai dati OCSE più recenti gli scambi commerciali internazionali, dopo un 2016 anemico,

    sono attesi in sensibile crescita nel corso del 2017. In base agli ultimi dati disponibili si

    prevede che nell’anno in corso la crescita del commercio mondiale si attesti al +4,6%,

    continuando a risultare superiore a quella dell’attività economica, e decisamente superiore

    alla media degli ultimi 5 anni.

    Nell’area Euro la politica monetaria espansiva adottata dalla Bce ha scongiurato il pericolo

    della deflazione ed ha dato un contributo significativo alla ripresa economica portando

    anche i paesi periferici, che venivano da anni di profonda crisi, ad una nuova ripresa che

    man mano si è consolidata a livelli che non si registravano da quasi 10 anni. Allo stesso

    tempo, l’inflazione nell’Eurozona (+1,4% Y/Y fonte Eurostat) resta ancora lontana dai

    valori coerenti con la stabilità monetaria desiderati dalla BCE (area 2%) e la dinamica di

    fondo dei prezzi si mantiene ancora molto moderata, anche a causa della crescita salariale

    decisamente contenuta in molte economie dell’Area Euro. Infatti, al netto delle componenti

    più volatili, l’inflazione core sembra essersi stabilizzata su livelli ancora lontani dai valori

    medi di lungo periodo.

    La congiuntura italiana

    Il 2017 è stato il primo anno in cui l’economia Italiana, dopo anni di forte debolezza, è

    finalmente riuscita ad esprimere il proprio potenziale tornando ad una crescita del PIL del

    +1,4% (dati preliminari Istat rilasciati in data 14/02/2018) e del +1,5% considerando gli

    effetti del calendario. All’espansione del prodotto hanno contribuito nella medesima

    misura la domanda nazionale, stimolata in particolare dagli investimenti in beni

    strumentali, e l’interscambio con l’estero, con un più marcato rialzo delle esportazioni

    rispetto alle importazioni; la variazione delle scorte ha invece sottratto mezzo punto

    percentuale alla dinamica del prodotto. Il valore aggiunto è salito nell’industria, grazie alla

    forte espansione nella manifattura e alla ripresa nelle costruzioni. Nel settore dei servizi

  • 6

    l’attività è rimasta nel complesso stabile: è diminuita nei comparti finanziari e

    dell’informazione, mentre è aumentata nel commercio e nel comparto immobiliare.

    Tra le notizie di rilievo dell’ultimo trimestre del 2017 va sottolineata anche la promozione

    dell’Italia da parte dell’agenzia di Rating Standard & Poor’s che, dopo quasi 15 anni, ha

    portato il merito di credito dell’Italia da BBB-/A-3 a BBB/A-2 mantenendo l’outlook

    stabile. A spingere la ripresa italiana è stato in particolare l’aumento degli investimenti del

    settore privato e dell’occupazione tornata ai livelli pre-crisi.

    Nel quarto trimestre del 2017 l’attività manifatturiera ha continuato a espandersi, pur in

    misura inferiore rispetto al forte incremento segnato in estate. La fiducia delle imprese si è

    mantenuta su livelli elevati in tutti i principali comparti di attività; secondo gli ultimi dati

    disponibili (pubblicati nel bollettino mensile di Gennaio da Banca d’Italia) le valutazioni

    delle aziende sulle prospettive della domanda migliorano ulteriormente nell’industria e nei

    servizi; le condizioni per investire nel comparto industriale si confermano ampiamente

    favorevoli. Nel corso dei mesi autunnali gli indicatori di fiducia delle imprese hanno

    continuato a migliorare, portandosi sui livelli più elevati dal 2007. Rialzi significativi si

    sono registrati sia nei servizi (in particolare nel commercio al dettaglio) sia nella

    manifattura, mentre nelle costruzioni la fiducia è rimasta sostanzialmente stabile. Ad oggi

    l’attività economica italiana appare meno dipendente rispetto al passato dall’orientamento

    espansivo delle politiche monetarie e di bilancio. Il consolidamento della ripresa appare

    interessante ma sono necessari ancora notevoli passi in avanti soprattutto sulle riforme

    (fiscale in primis) affinchè politiche di bilancio prudenti possano rafforzare la fiducia sui

    mercati e possano portare ad una riduzione del debito pubblico.

    Tra i rischi che gravano su questo scenario restano rilevanti quelli che provengono dal

    contesto internazionale e dall’andamento dei mercati finanziari. Inasprimenti delle tensioni

    globali o una maggiore incertezza circa le politiche economiche nelle diverse aree

    potrebbero tradursi in aumenti della volatilità dei mercati finanziari e dei premi per il

    rischio, ripercuotendosi negativamente sull’economia dell’area dell’euro. Tra i rischi di

    origine interna, rispetto agli ultimi scenari previsivi, oltre a quelli di origine politica

    conseguenti alle elezioni politiche italiane del 4 marzo 2018 e alla successiva composizione

    del Governo, si sono ridotti quelli connessi con la debolezza del sistema creditizio, che

  • 7

    grazie alla ripresa in atto ha fatto notevoli passi avanti. L’espansione del credito al settore

    privato si mantiene vivace soprattutto sui prestiti alle famiglie mentre la domanda da parte

    delle imprese è frenata dall’ampia disponibilità di risorse interne e dal maggior ricorso a

    finanziamenti non bancari. Dai dati di Banca d’Italia presentati da Visco nel corso del 24°

    Congresso Assiomforex, il flusso di crediti deteriorati, in rapporto al totale dei

    finanziamenti, è ritornato a livelli inferiori a quelli precedenti la crisi finanziaria del 2008,

    scendendo nel corso del 2017 all’1,7% (1,2% per le famiglie e 2,6% per le imprese). Grazie

    al piano di cessioni di sofferenze portato avanti dalle principali istituzioni bancarie, rispetto

    ai massimi del 2015, il totale dei crediti deteriorati, al netto delle rettifiche, è sceso da 200

    a 140 Miliardi di euro, mentre le sole sofferenze sono scese da 86 a 60 Miliardi di Euro.

    La positiva evoluzione del quadro qui deli

Recommended

View more >