riforma della scuola e insegnamento della religione cattolica il lessico pedagogico della riforma...

Download Riforma della scuola e Insegnamento della Religione Cattolica Il lessico pedagogico della Riforma Riforma della scuola e Insegnamento della Religione Cattolica

Post on 02-May-2015

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Riforma della scuola e Insegnamento della Religione Cattolica Il lessico pedagogico della Riforma Riforma della scuola e Insegnamento della Religione Cattolica Il lessico pedagogico della Riforma Prof.ssa Giuliana Sandrone Boscarino Universit di Bergamo
  • Slide 2
  • Uno scenario nuovo L59/97 DPR 275/99 L.53/03 Riforma Moratti Nuovo titolo V L 3/01
  • Slide 3
  • Dal centralismo alla poliarchia REGIONI e EETT ISTITUZIONISCOLASTICHEAUTONOMEFAMIGLIA STATO STATO
  • Slide 4
  • Perch parliamo di Obiettivi generali del processo formativo Obiettivi specifici di apprendimento Obiettivi formativi .. Sistema di istruzione e sistema di istruzione e formazione Livelli essenziali di prestazione
  • Slide 5
  • Conoscere tutta la legge 53/03 Art 2 - Sistema educativo di istruzione e formazione approvato Dlgs del primo ciclo approvato Dlgs sul diritto-dovere allistruzione e alla formazione per almeno 12 anni o sino al conseguimento della qualifica entri i 18 anni Art 3 - Valutazione degli apprendimenti e della qualit del sistema educativo Dlgs approvato Art 4 Alternanza scuola-lavoro Dlgs approvato Art 5 Formazione degli insegnanti Dlgs in discussione
  • Slide 6
  • perch un sistema educativo, una teoria pedagogica, un indirizzo politico nazionale di ampio respiro, che sottovalutino il contributo della scuola allo sviluppo dellautostima degli alunni, fallisce in una delle sue funzioni primarie J. Bruner
  • Slide 7
  • NATURACULTURAVITA CapacitCompetenze Conoscenze Abilit Educazione personale Asse della formazione Asse dell istruzione
  • Slide 8
  • Dal Pecup del Primo ciclo Il Profilo educativo, culturale e professionale rappresenta ci che un ragazzo di 14 anni dovrebbe sapere e fare per essere luomo e il cittadino che giusto attendersi da lui al termine del Primo Ciclo di istruzione. Il traguardo pu ritenersi raggiunto se le conoscenze disciplinari e interdisciplinari (il sapere) e le abilit operative (il fare) apprese ed esercitate nel sistema formale, non formale e informale sono diventate competenze personali di ciascuno.
  • Slide 9
  • Quando un ragazzo competente? quando facendo ricorso a tutte le su capacit, utilizza le conoscenze e le abilit per . Esprimere un personale modo di essere Interagire positivamente con lambiente Risolvere i problemi che incontra Riflettere su se stesso e gestire la propria crescita Comprendere la complessit culturale Maturare il senso del bello Conferire senso alla vita
  • Slide 10
  • La centralit dellallievo come PERSONA Profilo Educativo, Culturale e Professionale Indicazioni Nazionali : Obiettivi Generali del processo formativo Obiettivi Specifici di Apprendimento Vincoli e risorse Identit e autonomia Convivenza civile Piano dellOfferta Formativa Piani di Studio Personalizzati Portfolio delle competenze personali progettazione e organizzazione Unit di Appren- dimento valutazione orientamento Strumenti culturali
  • Slide 11
  • 2. Indicazioni Nazionali 3. Piano dellOfferta Formativa 4. Obiettivi Formativi 5. Unit di Apprendimento 6. Piani di Studio Personalizzati 7. Portfolio delle competenze personali 1. Profilo educativo, culturale e professionale LA CIRCOLARITA DEL PROCESSO FORMATIVO
  • Slide 12
  • I principi pedagogici 1.Non lalunno ma la persona al centro di ogni intervento 2.Integralit della persona 3.Riabilitazione del concetto di diversit 4.Educazione permanente 5.Superamento della separatezza tra sapere e fare, tra theora e tchne, tra scuola e lavoro
  • Slide 13
  • 1.Non lalunno ma la persona al centro di ogni intervento educativo cfr. co. 9, art. 21 della legge n.59/97 Incrocio dei diversi ambiti di apprendimento con il coordinamento della scuola Il lavoro e la cultura sono mezzi per elevare tutte le dimensioni della persona (fine) Cooperazione con la famiglia Costruzione di un progetto di vita Attribuzione di senso al sapere e al fare che ne consegue
  • Slide 14
  • 2.Integralit della persona Leducazione nemica di ogni parzialit ed esige costantemente uno sviluppo armonico, integrale ed integrato di tutte le dimensioni della persona e in tutti i momenti della vita Concezione olistica delleducazione
  • Slide 15
  • 3. Riabilitazione del concetto di diversit Nella creazione non vige il criterio delluguaglianza ma quello della diversit Che cosa significa diversit? se vero che le funzioni non esercitate tendono ad atrofizzarsi, o quantomeno ad indebolirsi nella rapidit di risposta, anche vero che lelasticit e la complessit della mente e dellesperienza umane sono tali da consentire, per tutta la vita, recuperi e anche progressivi miglioramenti generali e specifici della personalit e della qualit della propria cultura
  • Slide 16
  • 4. Educazione permanente Il processo educativo individuale ha inizio con la vita e cessa solo con essa, in una continua dinamica di conquiste e possibili involuzioni, sicch nulla mai guadagnato una volta per tutte e nulla mai perduto per sempre Non ha pi senso la successione lineare formazione- lavoro- quiescenza
  • Slide 17
  • 4. Superamento della separatezza tra sapere e fare Auditorium La teoria, il consolidato, i problemi di cui il docente conosce gi le soluzioni, le discipline dure, epistemologicamente forti Percorso rigorosamente disciplinare. Laboratorium Discipline poco formalizzate, modellabili sugli interessi e sulle motivazioni degli allievi, occasione di espressivit personale ma sospetta fungibilit culturale, percorso mescolato.
  • Slide 18
  • IL LABORATORIO una modalit didattica non un luogo fare riflettereessere sapere
  • Slide 19
  • Didattica laboratoriale? Dalla pratica e dallazione alla riflessione e viceversa in ogni situazione didattica Dallauditorium al laboratorium Dalla centratura sullinsegnamento alla centratura sullapprendimento Dalla programmazione a priori alla riflessione a posteriori
  • Slide 20
  • Caratteristiche del Laboratorio e della didattica laboratoriale Occasione per scoprire lunit e la complessit del reale. Momento significativo di relazione interpersonale e di collaborazione per la risoluzione di un compito Itinerario di lavoro euristico, paradigma di azione riflessiva e di ricerca integrata e integrale. Spazio di generativit e di creativit che si automotiva e accresce lautostima. Positiva camera di compensazione di squilibri e disarmonie educative. Garanzia di itinerari didattici significativi per lallievo e il suo orizzonte di senso.
  • Slide 21
  • Il docente IRC in quanto docente allinterno della riforma Cultura generale Cultura generale specifica Cultura professionale specifica Competenza professionale Cfr.: G. Bertagna, Il nuovo quadro di riferimento in La formazione degli insegnanti nella scuola della riforma, Annali dellistruzione, N. 1-2, 2003, Roma
  • Slide 22
  • La ricerca di senso e linsegnamento di IRC se la tensione verso lIntero di senso ci che ci definisce come persone, la religione per sua natura la risposta a quella tensione, alla richiesta di verit e di senso totale
  • Slide 23
  • Se insegnare Religione Cattolica in Italia significa accompagnare lallievo alla conoscenza della realt in cui nato e in cui cresce farlo competente in ordine all interpretazione e al giudizio su di essa rispondere ragionevolmente alla domanda di verit e di senso che accompagna il bene delluomo: vivere secondo ragione non fare una proposta religiosa equivalente ad unaltra, non una specie di educazione civica universale
  • Slide 24
  • Un laboratorio di IRC? Unit di apprendimento interdisciplinari + Unit di apprendimento disciplinari = Un percorso dotato di significato che utilizza gli Osa per promuovere un apprendimento unitario che si realizza in un compito che mette in campo le competenze acquisite
  • Slide 25
  • LIRC esce dallisolamento perch che cosa ce ne facciamo di un sistema educativo nazionale che non accompagna i passaggi critici dei giovani nel loro percorso di sviluppo non esalta lautoconsapevolezza, la libert e la progettualit personale dei soggetti non sostiene e promuove la libera, critica e negoziata creazione di senso e di significato da parte degli allievi ?

Recommended

View more >