gli esplosivi nei lavori civili e ? web view2007-03-28  si chiamano cos¬ quegli esplosivi...

Download GLI ESPLOSIVI NEI LAVORI CIVILI E ? Web view2007-03-28  Si chiamano cos¬ quegli esplosivi studiati

Post on 16-Feb-2019

220 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

GLI ESPLOSIVI NEI LAVORI CIVILI E MINERARI

INDICE

Argomento

Pag.

Le norme di riferimento

3

Definizioni

3

Sullimpiego degli eslosivi

3

Personale da adibire alluso degli esplosivi

4

Utilizzo degli esplosivi

5

Classificazione degli esplosivi

8

Classificazione da norma

8

Classificazione secondo il modo di esplodere

8

Classificazione secondo la composizione chimica

9

Classificazione in base allo stato fisico

11

Esplosivi industriali

11

Esplosivi antigris

13

Esplosivi innescanti

14

Criteri di scelta degli esplosivi

15

scelta secondo le caratteristiche

15

Scelta secondo gli scopi del lavoro

16

Il deposito degli esplosivi

16

Deposito degli esplosivi in superficie

17

Deposito degli esplosivi in sotterraneo

20

Conservazione degli esplosivi nei depositi

21

Disgelamento della dinamite e distruzione degli esplosivi alterati

21

La perforazione (cenni)

24

Preparazione delle mine

26

Accessori e sistemi per il brillamento a fuoco

26

Accensione con la sola miccia a lenta combustione

28

Innescamento con miccia lenta e detonatore ordinario

29

Innescamento con miccia detonante

32

Caricamento delle mine

33

Accessori e metodi per laccensione elettrica

40

Preparazione e caricamento delle mine

45

Il circuito di tiro

46

Trattamento dei reofori durante il caricamento delle mine

49

Collegamento degli inneschi

50

La linea di tiro

51

Accensione delle mine a fuoco

52

Precauzioni per i lavori a giorno

53

Accensione delle mine

55

Accensione elettrica delle mine

56

Prove del circuito di tiro

56

Le sorgenti di elettricit

57

Il brillamento della volata

60

Sospensione del brillamento in caso di temporali

61

Verifiche nel caso di mancato brillamento

62

Calcolo degli elementi del circuito

62

Sistemi di accensione ad onda durto

66

Il sistema nonel

66

Il sistema dynashoc

70

Operazioni dopo il brillamento della mine

71

Tempo di attesa

72

Gas nocivi in sotterraneo

73

Norme di sicurezza dopo il brillamento

74

Eliminazione delle mine inesplose

75

Cenni sulle vibrazioni indotte dalluso degli esplosivi

77

Fenomeni connessi allesplosione di una mina

77

Le onde sismiche

78

Effetti sismici delle volate

79

Glossario

81

GLI ESPLOSIVI NEI LAVORI CIVILI E MINERARI

Le norme di riferimento

In considerazione della delicatezza e pericolosit della materia, molte leggi sono intervenute a regolamentare nel dettaglio tutti gli aspetti relativi ai prodotti esplodenti utilizzati o commercializzati a qualsiasi titolo sul territorio nazionale. In particolare:

A)il Testo unico delle leggi di pubblica sicurezza regio decreto 18 giugno 1931, n. 773 (Legge di Pubblica Sicurezza), ed il Regolamento di esecuzione approvato con regio decreto 6 maggio 1940, n. 635 (Regolamento di pubblica Sicurezza). Essi contengono, tra l'altro, la classificazione degli esplosivi, le norme per il trasporto dei materiali esplodenti fino ai depositi, nonch i requisiti cui devono soddisfare i depositi stessi;

B)le norme per la prevenzione degli infortuni sul lavoro, emanate con tre distinti atti legislativi:

1)decreto del Presidente della Repubblica, 27 aprile 1955, n. 547 (Norme Generali di Prevenzione Infortuni); il D.P.R. 547/55 stato aggiornato e modificato con i D.L.gs 626/94, 242/96, 359/99 e D.M. 12.11.99;

2)decreto del Presidente della Repubblica, 19 marzo 1956, n. 302, (Norme integrative di prevenzione infortuni);

3)decreto del Presidente della Repubblica 20 marzo 1956, n. 320, riguardante la prevenzione infortuni e l'igiene del lavoro in sotterraneo, (Norme di prevenzione infortuni in sotterraneo).

Salvo qualche eccezione, che peraltro non riguarda l'uso degli esplosivi, tali norme non si applicano alle miniere e alle cave. La loro tutela affidata agli Ispettori del Lavoro.

C)le Norme di polizia delle miniere e delle cave emanate con decreto del Presidente della Repubblica, 9 aprile 1959, n. 128 (Norme di polizia mineraria); il D.P.R. 128/59 stato aggiornato e modificato con il D.L.gs 624/96. Queste norme disciplinano il lavoro nelle miniere e nelle cave e l'applicazione di esse controllata dai Funzionari tecnici degli Uffici minerari definiti a seguito del trasferimento o delega agli Enti locali delle specifiche competenze.

Definizioni

Esplosivo qualsiasi sistema, costituito da sostanze chimiche, che per somministrazione di piccolissime quantit di energia termica o meccanica capace di trasformarsi chimicamente, in un tempo brevissimo, con sviluppo di energia, di gas e di vapori e con conseguenti effetti meccanici ottici e acustici di rilevante entit. Un sistema esplosivo omogeneo se costituito da una sola specie chimica definita e invece eterogeneo quando costituito da pi sostanze chimiche.

L'esplosione un fenomeno di trasformazione chimica o chimico-fisica che avviene in un tempo rapidissimo, accompagnata da sviluppo di energia (per buona parte termica) e, in genere, da sviluppo di gas.

Gli esplosivi sono quindi sostanze ad alto contenuto energetico, che, attraverso l'esplosione, si trasformano in sostanze stabili, a contenuto energetico molto inferiore.

Sullimpiego degli esplosivi

Lart. 104 del Regolamento per lesercizio del T.U. asserisce che gli esplosivi possono essere ceduti solo a chi dimostri di averne bisogno nellesercizio della sua professione, arte o mestiere, e dia garanzia di non abusarne.

Tali condizioni devono farsi constatare mediante un certificato dell'autorit locale di pubblica sicurezza, che deve essere trattenuto dal fabbricante o dal venditore, il quale deve annotare la quantit e qualit delle materie vendute o consegnate nell'apposito registro.

Il bisogno richiamato sopra giustificato dalla necessit di eseguire uno dei lavori sottoindicati:

a) Per le mine da usarsi in lavori diversi. (art. 3 Cap. V allegato B al Regolamento): appartengono a questa categoria tutti i lavori che richiedono luso di mine in ambienti che non siano n cave n miniere, come possono essere ad esempio lavori di sbancamento per la costruzione di strade, ferrovie, canali, fondazioni di qualsiasi genere ed anche gallerie ferroviarie e stradali.

b) Per le mine in miniere e cave. (art. 2 Cap. V allegato B al Regolamento) Per questo tipo di lavori luso delle mine regolato dalla legge di polizia mineraria. Rimane disciplinato dal Ministero dellInterno laspetto concernente la tutela della pubblica incolumit, cio lacquisto, il trasporto e leventuale deposito (art. 1 D.P.R. 128/59: Nulla innovato circa la competenza del Ministero dell'interno in materia di tutela della pubblica incolumit ai sensi del testo unico delle leggi di pubblica sicurezza, approvato con regio decreto 18 giugno 1931, n. 773, e del relativo regolamento di esecuzione 6 maggio 1940, numero 635.).

c) Per le mine che possono produrre varate. (art. 5 Cap. V allegato B al Regolamento): Le mine a fornello, quelle a gallerie, anche quelle cilindriche, che per la loro disposizione o per l'importanza della carica, qualunque siano le loro dimensioni, possono produrre le cos dette varate, cio staccare una considerevole quantit di roccia, non possono essere praticate senza un permesso speciale del prefetto, il quale udito l'ingegnere del distretto minerario, prescrive le cautele opportune.

Le stesse norme valgono per qualunque volata di mine suscettibile di distaccare presumibilmente un volume di oltre 5000 mc di roccia in posto.

d) Per mine in cantieri minerari da eseguirsi a distanza ravvicinata da luoghi pubblici. (art. 104 D.P.R. 128/59): in questi lavori si dovr porre particolare attenzione ai problemi di pubblica incolumit.

Personale da adibire alluso degli esplosivi

Per i lavori di cui ai punti a) e c) le operazioni di confezionamento ed innesco delle cariche, il caricamento dei fori da mina, il brillamento delle mine, leliminazione delle cariche inesplose, devono essere effettuate esclusivamente da personale munito della licenza per il mestiere di fochino (art. 27 D.P.R. 302/56). La licenza rilasciata, su parere favorevole della Commissione tecnica provinciale per gli esplosivi, dal Prefetto previo accertamento del possesso dei requisiti soggettivi di idoneit da parte del richiedente all'esercizio del predetto mestiere.

Per i lavori di cui ai punti b) e d) le suddette operazioni devono essere eseguite da operai qualificati minatori (art. 317 D.P.R. 128/59). Il caricamento e lo sparo delle mine devono essere eseguiti soltanto da minatori, o da operai con formazione almeno equivalente, dopo che abbiano seguito appositi corsi di preparazione.

Periodicamente la preparazione del suddetto personale deve essere aggiornata e l'idoneit controllata.

Nell'ordine di servizio di cui all'art. 305 sono stabilite le attribuzioni dei lavoratori addetti al servizio degli esplosivi e allo sparo delle mine e quelle del personale appositamente incaricato della sorveglianza di tali operazioni.

Nello stesso ordine di servizio precisata la periodicit degli aggiornamenti e dei controlli di cui al secon

Recommended

View more >