100 anni di caff¨ torrisi

Download 100 anni di Caff¨ Torrisi

Post on 06-Apr-2016

290 views

Category:

Documents

15 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Maestri torrefattori dal 1911

TRANSCRIPT

  • Testi scritti da: Elisa Cammisano Lorenzo Torrisi

    Progetto grafico: Tamtam srl SC

    Ringraziamenti: Prof.ssa Eleonora Ciancio

    100di questi caff

  • 100 di questi caff100 di questi caff 76

    INDICE

  • 100 di questi caff8 100 di questi caff 9

  • 100 di questi caff100 di questi caff 1110

    I cento anni di storia della nostra azienda

    meritano un regalo speciale.

    Questo non poteva essere altrimenti che

    un book, che con semplicit e spontanei-

    t, racconta, passo dopo passo, la storia

    del caff Torrisi e della sua famiglia.

    Pertanto ho sentito quasi il dovere e il bi-

    sogno di ricordare le figure del bisnonno

    Giuseppe e del nonno Francesco, pur-

    troppo mai conosciuti, ma sempre pre-

    senti nella memoria di tutti noi.

    Inoltre vorrei ringraziare mio padre Giu-

    seppe, che ha reso possibile la crescita

    e laffermazione dellazienda, anche nei

    momenti pi delicati e difficili, che si sono

    susseguiti negli ultimi decenni.

    Un merito in particolare va sicuramente

    alle donne di casa Torrisi che, sin dallini-

    zio di questo lungo percorso hanno soste-

    nuto gli uomini della famiglia, infondendo

    loro coraggio, forza, umilt e onest.

    Ordinare cronologicamente questo lasso

    di tempo ampio e ricco di avvenimenti

    importanti, stato un processo estrema-

    mente lungo e contorto anche per la scar-

    sit del materiale storico e bibliografico.

  • 100 di questi caff100 di questi caff 1312

    Erano infatti in mio possesso antiche fo-

    tografie, per la maggior parte sbiadite ed

    ingiallite, di vecchie confezioni di caff, di

    personaggi famosi, di luoghi imprecisati

    ed ancora di uomini, che hanno contribu-

    ito alla crescita dellazienda.

    Tuttavia, grazie alla presenza di mio padre

    Giuseppe, fonte storica valida e prezio-

    sa, ai suoi racconti di vita aziendale e ai

    suoi ricordi del passato, stato possibile

    ricostruire la storia della nostra azienda

    dallanno di fondazione ai giorni nostri.

    Durante la stesura del book, stato per

    me come tornare indietro negli anni.

    Di colpo mi sono rivisto piccolo, conten-

    to di accompagnare mio padre in azienda

    nel periodo estivo, insieme ai miei fratelli

    Francesco, Claudio e a mia sorella Aga-

    tella, orgogliosi di stargli accanto e di ve-

    derlo lavorare con passione ed entusia-

    smo.

    Emozioni e ricordi per me indelebili, sem-

    pre nitidi nella memoria, che custodir

    gelosamente.

    Vorrei quindi dedicare questo book non

    solo agli uomini che furono gli artefici

    della storia della azienda, ma anche agli

    attuali componenti di questa grande fami-

    glia e soprattutto alle future generazioni,

    che decideranno di seguire le nostre orme

    e di portare avanti, con lealt e spirito di

    sacrificio, il Caff Torrisi tanto amato in

    Sicilia, in Italia e nel mondo.

    Lorenzo TorrisiResponsabile Commerciale

    Compagnia Meridionale Caff S.p.A.

  • 100 di questi caff100 di questi caff 1514

    Pippo Torrisi signore nei modi e nei sen-

    timenti. Di una eleganza estetica e morale

    pi congenita che sovrapposta. Signore del

    lavoro. Ed per ci che il Presidente della

    Repubblica lo ha nominato cavaliere, come

    dire nobile; di una nobilt (quella del lavo-

    ro, appunto) pi nobile della nobilt sem-

    plicemente araldica. Quando lo incontrai la

    prima volta, la sua figura mi richiam alla

    mente, o meglio - come dicono gli inglesi

    - agli occhi della mente - un altro grande

    siciliano, Don Fabrizio Corbera Principe di

    Salina, il Gattopardo, uomo di grande uma-

    nit e civilt, cui Pippo Torrisi si apparen-

    ta perfettamente e nellanima e nel corpo.

    Parentela non di immediata e facile iden-

    tificazione per chiunque, ch, essendo noi

    siciliani vittima di un luogo comune che ci

    vuole mafiosi, piccoli, scuri di capelli e di

    occhi, chiunque non vi corrisponda non

    viene accreditato (o addebitato, fate voi)

    allessere siciliano.

    Ho conosciuto Pippo Torrisi tanti anni fa

    (non ricordo quanti). Ci siamo incontra-

    ti in un ristorante di Roma. Io provenivo

    dal mondo dello spettacolo, lui da quello

    dellimprenditoria. Io dietro di me avevo

    solo il mio passato, lui anche quello di una

    TORRISI, BASTA IL NOME

  • 100 di questi caff100 di questi caff 1716

    tradizione di famiglia. Parlammo a lungo, di

    tutto, come capita quando si parla molto: di

    storia, di politica, di religione. E, solo dopo

    avere analizzato (e risolto - a modo nostro,

    si capisce) tutti i mali del mondo, parlam-

    mo di caff, del caff in generale e del caff

    Torrisi in particolare. Buono, non perch lo

    dice la pubblicit (o perch lo dico io) ma

    perch lo dice lo stesso caff - un caff che

    parla. Diventammo amici, lui io e il caff. Lo

    siamo tuttora, nonostante la poca frequen-

    tazione (io abito a Roma, Pippo a Catania);

    ma il suo caff mi viene spesso a trovare (

    un caff che non parla soltanto, ma anche

    cammina) e attraverso lui continuiamo la

    conversazione e lamicizia.

    Pino Caruso

  • 100 di questi caff100 di questi caff 1918

    Ci sono aziende che sono pi di un sem-

    plice luogo di lavoro. Sono luoghi dove

    lo spirito e la parte migliore del nostro

    paese trovano casa e diritto di esistere.

    Questi laboratori, queste botteghe, questi

    opifici dove la grande tradizione del no-

    stro artigianato pi nobile si sposa con la

    straordinaria attitudine alla qualit della

    vita. E quando dico nostro lo intendo

    nel senso pi alto e profondo del termine;

    tre volte nostro: perch italiano, perch

    siciliano, perch sopratutto catanese. Io,

    ovviamente, conoscevo il Caff Torrisi

    da molto tempo prima di avere lonore di

    diventarne il testimonial (ruolo che ho

    svolto con immensa soddisfazione per

    ben quattro anni) e, altrettanto ovviamen-

    te, ne apprezzavo la bont. Ma quello che

    mi preme pi ricordare di quellesperienza

    sono le bont di questa famiglia che ha

    saputo, nel tempo, farsi azienda. Quel

    tipo di azienda. La parte fondamentale

    dello sviluppo e della crescita del Meridio-

    ne e dellItalia intera. Le aziende che inve-

    stono ogni giorno in ricerca e servizi, che

    hanno nel loro destino il sogno del benes-

    sere condiviso e la responsabilit del ter-

    ritorio. Lamore per la propria gente e per

    la propria terra. Mi piace molto spendere

    queste poche, certo insufficienti, ma sen-

  • 100 di questi caff20

    tite parole per ricordare questi valori ed

    associare idealmente i due compleanni

    importanti di questi giorni: i cento anni del

    Caff Torrisi, i centocinquanta del Nostro

    Paese (ed fra laltro straordinariamen-

    te indicativa lidea di festeggiare con un

    libro: oggetto fra i pi preziosi in assolu-

    to per la conservazione e la trasmissione

    della memoria). La famiglia Torrisi anche

    la parte migliore, mi sia consentito dirlo,

    della nostra terra: la famiglia vera. Quella

    che conosce il sacrificio e la grandezza ri-

    generatrice del lavoro. Il lavoro durissimo

    dei nostri padri che stato ed la speran-

    za dei nostri figli. Faccio i miei auguri pi

    affettuosi a tutti, ma in particolar modo al

    Cavalier Giuseppe che, con la sua auto-

    revole figura di patriarca dantico stam-

    po, mi ricorda quelle figure di guida e di

    riferimento che popolarono la mia infan-

    zia quasi daltri tempi: una Catania dolce

    come un piccolo paese della fiaba, con i

    dolcetti della domenica e il profumo fami-

    liare del caff.

    Un paese del cuore, e u caf d paisi.

    Auguri, che i prossimi cento anni siano la

    stessa, magnifica avventura di questi pri-

    mi cento.

    Enrico Guarneri

  • Dal 1911, maestri torrefattori.

  • 100 di questi caff100 di questi caff 2524

    Cavaliere del Lavoro Giuseppe Torrisi,Amministratore Unico Compagnia Meridionale Caff SpA

    Non avrei mai pensato che sotto la mia

    guida saremmo arrivati a festeggiare i

    100 anni di storia aziendale. Un bellissi-

    mo sogno che oggi vedo realizzarsi. Tutto

    nacque dallanimosit e dalla caparbiet

    di mio nonno Giuseppe.

    Nei primi del 900, decise di trasferirsi con

    la famiglia a Catania e di gettarsi, com-

    pletamente solo, in unavventura impren-

    ditoriale difficile e senza alcuna certezza

    di successo, eppure i suoi sforzi e gli

    immensi sacrifici con il tempo sono stati

    ripagati. Quindi se oggi si festeggia una

    data cos importante e attesa, parte del

    merito proprio suo. Io, infatti, devo tutto

    a mio nonno che sicuramente rappresen-

    ta liniziatore della nostra attivit.

    Mio padre Francesco poi riuscito, con

    professionalit, pazienza e onest, a

    mandare avanti il lavoro iniziato dal pa-

    dre dopo la sua morte. Io, invece, oltre a

    proseguire lattivit, ho avuto il guizzo di

    capire quando era arrivato il momento di

    separare lattivit commerciale da quella

    della torrefazione, specializzandoci nella

    sola produzione di caff.

  • 100 di questi caff100 di questi caff 2726

    Il percorso di crescita e di affermazione

    nel mercato non stato semplice, tanti i

    venti contrari, s