completamenti gatta piero frascati 23/06/2011. completamenti da dove siamo partiti come ci siamo...

Download Completamenti Gatta Piero Frascati 23/06/2011. Completamenti Da dove siamo partiti Come ci siamo mossi Dove vogliamo arrivare Cosa dobbiamo fare Domande

Post on 02-May-2015

214 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • Completamenti Gatta Piero Frascati 23/06/2011
  • Slide 2
  • Completamenti Da dove siamo partiti Come ci siamo mossi Dove vogliamo arrivare Cosa dobbiamo fare Domande / Commenti
  • Slide 3
  • Da dove siamo partiti Siamo partiti da un file Excell dove cerano inserite tutte le richieste da voi espresse nelle riunioni fatte tempo fa nelle varie sezioni con SD, P. Gouthier e Prof. Maggi. Questo ha fatto si che molte richieste fossero le stesse per ogni sezioni anche se avvolte espresse in maniera differente. Avvolte poco chiare,altre superate da rilasci successivi alle richieste, e altre in cui veniva indicato anzich l esigenza reale una soluzione. Soluzione che poteva risolvere un problema ma crearne un altro, oppure una soluzione che andava bene alla sezione richiedente ma andava in conflitto con unaltra sezione. A queste richieste poi ho aggiunto quelle sul sito di assistenza. Credo sia necessario per il futuro utilizzare unicamente il sito di assistenza per una panoramica completa delle reali necessit.
  • Slide 4
  • Come ci siamo mossi (1) Per prima cosa ho diviso le migliorie per modulo in maniera tale che pi facilmente ho potuto eliminare le richieste uguali. Poi per quelle poco chiare ho contattato le sezioni che l hanno richieste per capire bene dove fosse il problema.
  • Slide 5
  • Come ci siamo mossi (2) A questo punto ho valutato la gravit delle richieste modulo per modulo. Ho prodotto dei file che vi sono stati inoltrati per avere un feedback (ringrazio chi lha dato). Quindi con i vostri feedback si potuto capire se le gravit assegnate erano concordi con le vostre ed eliminare le richieste obsolete o superate nel frattempo.
  • Slide 6
  • Come ci siamo mossi (3) infine ho scelto le richieste pi urgenti per ogni modulo e l ho sottoposte ad SD per una valutazione in termini di fattezza.
  • Slide 7
  • Come ci siamo mossi (4) Una precisazione: non sono state prese in considerazione migliorie per il modulo missioni visto l entrata in vigore delle nuove regole, anche se lo studio stato fatto come per tutti gli altri moduli.
  • Slide 8
  • Dove vogliamo arrivare (1) Credo, visto le continue richieste di assistenza, che una cosa primaria e fondamentale quella di avere pi autonomia e automatismi. Pi autonomia delle amministrazioni, cio riuscire a portare avanti il lavoro limitando il pi possibile l intervento dell assistenza e di conseguenza limitare i tempi di attesa delle richieste grazie alla riduzione delle stesse.
  • Slide 9
  • Dove vogliamo arrivare (2) Un sistema centralizzato unico ma anche che si adatti il pi possibile alle realt locali avente tutti gli strumenti necessari per adempiere autonomamente ai propri doveri in modo pi automatico e flessibile e nello stesso tempo sotto il controllo diretto del centro.
  • Slide 10
  • Dove vogliamo arrivare (3) Inoltre di comune accordo con Prof. Maggi alcune di queste procedure da implementare vogliamo farle insieme alla ditta che se ne occuper in modo di avere pi autonomia rispetto alle modifiche che si presenteranno in futuro. Portando all interno dell INFN le conoscenze del sistema, ovviamente gradualmente partendo dalle cose pi semplici tipo modifica di diciture, stampe ecc.
  • Slide 11
  • Cosa dobbiamo fare (1) Il primo punto fondamentale necessario la possibilit di poter modificare un impegno. Ovviamente con i dovuti controlli (non ci sia gi una liquidazione, ci sia disponibilit sui fondi se la modifica riguarda cambio di capitoli e/o cifre da impegnare e che non sia un impegno residuo.
  • Slide 12
  • Cosa dobbiamo fare (2) Un evento inaspettato per tutti visto cosa si sempre detto in precedenza. Insieme con Giuseppe Barletta analizzando i problemi per la realizzazione siamo riusciti a trovare un modo per farlo. Cio si dovr utilizzare il numero interno come numero di ordine anzich il numero dell impegno in modo che si possa eliminare un impegno e inserirne un altro collegandolo all ordine.
  • Slide 13
  • Cosa dobbiamo fare (3) Un altro problema da affrontare l annullamento dei mandati anche quelli dove ci sono legate partite di giro. Ho dato gi la mia disponibilit ad affrontare insieme ad SD l analisi del problema come per la modifica degli impegni ma in un prossimo futuro.
  • Slide 14
  • Cosa dobbiamo fare (4) Per quanto riguarda la stampa dell ordine credo che una volta risolto il problema clausole,data consegna, luogo di consegna,intestazione su tutte le pagine ecc. Non ci sar pi il problema della personalizzazione. Tutte le altre procedure da fare sono:
  • Slide 15
  • Cosa dobbiamo fare (5) Fare in maniera tale che quando si annulla l'ordine, il sistema annulli sia l'impegno delle linee dell'ordine che quelle delle spese accessorie. Per la liquidazione fattura quando non si passa per confronta dare la possibilit di inserire un flag a chiusura per ogni linea in modo che il sistema possa automaticamente generare la corretta scrittura contabile (variazione e/o impegno in competenza).
  • Slide 16
  • Cosa dobbiamo fare (6) Nella maschera di inserimento e modifica ordini aumentare la lunghezza del campo descrittivo generale dell ordine e l aggiunta di un flag per la stampa cos da poter scegliere se stamparlo o meno (se si stampa si riduce ovviamente il numero di righe stampabili sulla prima pagina). Si potr scegliere se il default spuntato o meno... Ditemi voi cosa preferite.
  • Slide 17
  • Cosa dobbiamo fare (7) gestione di una tabella dove per ogni sezione si andranno a valorizzare una descrizione dei termini di consegna con il numero di giorni relativi e il default, in modo che al momento dell inserimento e modifica di un ordine si possa scegliere da una tendina (lista valori) i termini di consegna. Il sistema automaticamente nella data di consegna andr a valorizzare una data che la somma della data dell ordine + i giorni selezionati.
  • Slide 18
  • Cosa dobbiamo fare (8) Gestione di una tabella dove ogni struttura valorizzi tutti i possibili luoghi di consegna con impostazione del default. Dare la possibilit di selezionarne il valore tramite tendina nella maschera di inserimento e modifica ordine. Gestione di un campo sconto sul totale dell ordine (come spesso i fornitori indicano nelle offerte) in modo che il sistema automaticamente divida in percentuale l importo per ogni linea dell ordine (differenze dovute agli arrotondamenti andranno nell ultima riga).
  • Slide 19
  • Cosa dobbiamo fare (9) Gestire le spese accessorie in modo di poterle collegare ad un impegno di tipo IMPORD gi creato in precedenza come per la parte normale dell ordine. Gestione centralizzata di una tabella delle clausole dell ordine dove si potranno inserire tutte quelle necessarie a tutti. Si deve fare in modo che il centro indichi quelle obbligatorie e le periferie tutte quelle in pi che vuole di default nel profilo della sezione.
  • Slide 20
  • Cosa dobbiamo fare (10) Gestione del campo Cup. linserimento automatico della mail del RUP nella stampa dell ordine. inserire uno step in pi nel workflow delle RDA per il RUP come autorizzatore. Dare alle sezioni la possibilit di scegliere se prima o dopo il responsabile dei fondi ecc.
  • Slide 21
  • Cosa dobbiamo fare (11) Distinguere le mail di notifica delle varie autorizzazioni (quella del Direttore, quella del responsabile fondi ecc.) indicando chi ha autorizzato e cosa (es. numero missione). Mettere a disposizione un campo "NOTE" per ogni autorizzatore dove poter scrivere quello che ritiene necessario specificare (per es. la non autorizzazione di una certa spesa).
  • Slide 22
  • Cosa dobbiamo fare (12) Per spese come taxi e mezzo proprio fare all inserimento della richiesta un allert al direttore (solo per le sezioni dove il direttore autorizza dopo ufficio contabilit). Fare in modo che nella richiesta di missione, venga stampata la motivazione dell'uso taxi e mezzo proprio, e che venga riportata anche nella stampa della liquidazione in modo che non si debba pi compilare a mano un ulteriori moduli.
  • Slide 23
  • Cosa dobbiamo fare (13) Necessit di inserire pi esperimenti a fronte di ununica spesa registrata nel mastro. Fare in modo che sia in fase di proposta che in fase di assegnazione di variazione stanziamento (e comunque prima della definitiva approvazione con invio alle strutture) ci sia un warning sul controllo dei livelli di rosso.
  • Slide 24
  • Cosa dobbiamo fare (14) Dare la possibilit di modificare la Sezione infn di destinazione di una determinata variazione o storno, agendo direttamente sulla chiave contabile (cos come pu essere fatto fin d'ora per: l'esperimento, il capitolo e l'importo) dopo che la richiesta stata convalidata.
  • Slide 25
  • Cosa dobbiamo fare (16) Gestione del campo subjudice nella proposta di variazione centrale. si richiede che nella maschera lavorazione storni/variazioni, per le proposte gi convalidate, sia inserito il saldo per struttura. sia nella maschera proposte di stanziamento che di variazione concatenare alla descrizione del capitolo il codice Siope relativo.
  • Slide 26
  • Cosa dobbiamo fare (16b) SCHEDA CONTABILE: Inserire due ulteriori colonne che evidenziano il totale stanziato (stanziato iniziale + variazioni) e totale al netto del subjudice. Anche per scheda contabile strutture. scrivere il numero di delibera nella stessa col

Recommended

View more >