magazine n. 2 volley club cesena

Download Magazine n. 2 volley club cesena

Post on 06-Apr-2016

216 views

Category:

Documents

1 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

Magazine volley club cesena con uscita bimensile

TRANSCRIPT

  • VOLLEY CLUBCESENA2014 / 2 NOVEMBREore17,30Campionato Nazionale B2 Femminile - girone B

    Ingresso offerta libera

    www.bancadicesena.it

    seguici su ww

    w.vo

    lleyc

    lubc

    esen

    a.it

    CARISPORTC E S E N A

    VOLLEY CLUB CESENAvsEASY VOLLEY DESIO

    INSEME, PER CRESCERECON VOI

    dal 1841

  • Studentessa al Liceo Monti ha iniziato allet di 8 anni, nel vivaio Volley Club

    Selezionata nella squadra pre-juniores regionale il suo sogno: giocare in serie A1 soprannome NUJY

    NUI CALISESIclasse 99

    ruolo schiacciatrice

    Squadra1 Squadra2 Data Ora Luogo

    PAVIDEA STEELTRADE PC ABO OFFANENGO CR 8 - 11 20:30 FIORENZUOLA D'ARDA

    US ARBOR INTERCLAYS RE BANCA LECCHESE PICCO LC 8 - 11 19:00 REGGIO EMILIA

    FERRARA NEL CUORE VC CESENA RIV FC 8 - 11 21:00 FERRARA

    LIBERTAS VOLLEY FORLI' SANDA VOLLEY BRUGHER.MB 8 - 11 18:30 FORLI'

    EASY VOLLEY DESIO MB CSI CLAI IMOLA BO 8 - 11 20:30 DESIO

    PALLAVOLO VOLTA MN GRAMSCI POOL VOLLEY RE 8 - 11 20:00 VOLTA MANTOVANA

    ALKIM BANCA CREMASCA CR ANDERLINIUNICOMSTARK.MO 8 - 11 20:30 CREMA

    Prossimi incontri - 4a giornata di campionato

    CLASSIFICA 2a giornata - B2 FEMMINILE GIRONE B

    VOLLEY CLUB CESENA EASY VOLLEY DESIO MB1 CALISESI NUI 07/04/1999 SCHIACCIATORE

    2 DI TULLIO GRETA 10/07/1996 LATERALE

    3 ALTINI LAURA 21/04/1998 OPPOSTO

    4 MARCHI NICOLE 22/11/1996 LIBERO

    5 FABBRI NICOLETTA 17/04/1990 LIBERO

    7 GARDINI CAMILLA 24/06/1994 CENTRALE

    8 FURI MARTINA 08/01/1997 CENTRALE

    9 GIOVANARDI CARLOTTA 04/06/1996 ALZATORE

    13 TOMMASINI TERESA 31/01/1998 UNIVERSALE

    14 DI FAZIO CHIARA 06/09/1992 SCHIACCIATORE

    16 BUDINI GIULIA 09/10/1990 ALZATORE

    18 k PIOLANTI ALICE 19/12/1987 CENTRALE

    Staff Tecnico

    Andrea Simoncelli Allenatore

    Edoardo Nanni 2 Allenatore

    Gabriele Zinzani Scout-man

    Elisabetta Piraccini Dirigente

    Claudio Manuzzi Dirigente

    1 Bianchi Francesca Palleggiatore

    2 Visintini Lidia Palleggiatore

    4 Galliani Monica Opposto

    5 Colombi Selene Opposto

    6 Pozzoni Beatrice Schiacciatore

    7 Colombo Chiara Schiacciatore

    8 Cottini Elisa Schiacciatore

    9 Cattaneo Ambra Centrale

    10 Quintile Serena Centrale

    11 Zonta Daniela Centrale

    12 Acquistapace Monica Libero

    13 Chiara Perroni Libero

    Staff Tecnico

    Villa Luciano Allenatore

    Manera Benedetto 2 Allenatore

    Cardinali David Scout-man

    Pos. Squadra P. G. V. P. 3-0 3-1 3-2 2-3 1-3 0-3 Set V. Set P.

    1 ABO OFFANENGO CR 6 2 2 0 2 0 0 0 0 0 6 0

    2 PAVIDEA STEELTRADE PC 6 2 2 0 0 2 0 0 0 0 6 2

    3 SANDA VOLLEY BRUGHER.MB 6 2 2 0 0 2 0 0 0 0 6 2

    4 GRAMSCI POOL VOLLEY RE 4 2 2 0 0 0 2 0 0 0 6 4

    5 BANCA LECCHESE PICCO LC 4 2 1 1 1 0 0 1 0 0 5 3

    6 CSI CLAI IMOLA BO 4 2 1 1 1 0 0 1 0 0 5 3

    7 VC CESENA RIV FC 4 2 1 1 0 1 0 1 0 0 5 4

    8 US ARBOR INTERCLAYS RE 3 2 1 1 0 1 0 0 1 0 4 4

    9 LIBERTAS VOLLEY FORLI' 3 2 1 1 0 1 0 0 1 0 4 4

    10 ALKIM BANCA CREMASCA CR 2 2 1 1 0 0 1 0 1 0 4 5

    11 PALLAVOLO VOLTA MN 0 2 0 2 0 0 0 0 1 1 1 6

    12 ANDERLINIUNICOMSTARK.MO 0 2 0 2 0 0 0 0 1 1 1 6

    13 EASY VOLLEY DESIO MB 0 2 0 2 0 0 0 0 1 1 1 6

    14 FERRARA NEL CUORE 0 2 0 2 0 0 0 0 1 1 1 6

  • Correva l anno. . . . . . Intervista al l Insegnante di Ed.Fisica

    Prof .ssa Derna FantiniLei stata la fondatrice della prima squadra femminile di pallavolo a Cesena, chi lha spinta a intraprendere questa iniziativa ? Insegnavo al Liceo scientifico, e un mio collega Prof. Raffaelli, (insegnate del liceo classico ), mi disse che nelle sezioni femminili della sua scuola cera la richiesta di costruire questa squadra, nella stessa maniera anche nella mia scuola, era il 21 novembre 1969 e grazie allente ENDAS, riuscii a ottenere liscrizione al campionato Juniores di Federazione e 1 maglietta per tutte le 17 ragazze tesserate.Il gruppo era per di 46 ci allenavamo alla palestra di Segretaria dazienda in un campo irregolare.

    Come si poneva il mondo sportivo cesenate nei confronti di questa nuova disciplina ?Non era preparato, anchio avevo una preparazione scolastica, crescevo insieme alle ragazze, nella stagione 70/71 mi presi carico delle spese di tesseramento al primo campionato di categoria, e tesserai 19 ragazze su un gruppo di 52 atlete, quellanno arrivammo seconde a pari punti con la prima.

    La svolta fu la chiamata del futuro Presidente Gilberto Manuzzi, nel 72/ 73, lui la inser nel mondo sportivo del CSI, cosa accadde....Mi chiese di trasferire la squadra sotto il suo ente di promozione mi mise a disposizione come segretario il Sig. Gaviani, cos potevo concentrarmi solo sugli allenamenti, finalmente qualcuno credeva nel mio progetto, subito ottenemmo il pass alle finali interprovinciali, per la promozione in serie C, (secondo gradino), ma per concomitanza delle finali con i Giochi della Giovent (allora vissute come un evento sportivo importante) potei usufruire solo delle atlete universitarie perch le altre erano impegnate con le finali a scuola, ... ci sfugg loccasione.

    Chi fu il gruppo che port i piu importanti risultati sportivi ?La classe 59, vinsero i famosi Giochi della Giovent, furono lo scheletro della Societ oggi chiamata Volley Club Cesena.

    Il riconoscimento sportivo che ricorda con gioia ?La MEDAGLIA CONI nell82, come miglior tecnico, ma anche il Discobolo di Bronzo come Dirigente, consegnatomi dal CSI .

    Il momento pi triste ?Il forzato abbandono dal Consiglio Direttivo del 1990, Presidente Manuzzi, non fui

    riconfermata, mi sentii cos scomoda, avevo costruito un settore giovanile di 220 atlete, 3 categorie Fipav (1a divisione, serie D, serie B) partecipazione a tutti livelli federali allieve, ragazze, juniores, avevo vinto i campionati nazionali CSI 3 anni di seguito .

    Come riuscii in tutto questo ?Negli anni 80 grazie allimpegno della Cassa di Risparmio di Cesena, costruimmo uno staff agonistico, con medico, fisioterapista, segreteria, e un bel settore arbitrale (grazie allimpegno di ex atlete ) e qualche anno dopo fu costruito il Carisport.

    Un atleta che rimarr sempre un esempio di talento pallavolistico della sua scuola..Antonella Visani fu chiamata nelle allora selezioni regionali, preambolo della nazionale, fu richiesta dalla societ Nelsen Modena di serie A, ma lei non accett rimase con la sua squadra. Aveva talento naturale e grande intuizione tattica oltre ad un grande feeling di gioco con la palleggiatrice Annamaria Ceccarelli.

    Un tecnico che merita di essere ricordatoPiero Molducci, con il suo impegno vincemmo, per 3 anni di seguito, tutti i campionati giovanili, e di categoria, erano gli anni 70.

    Cosa ha rappresentato la Costruzione del Carisport e cosa sente quando entra in questo palazzo dello sport ?Fu un sogno vedere edificata una struttura di quel genere (1984), perci quando ci rientro mi si stringe il cuore, vorrei che fosse un luogo solo di eventi sportivi. Cos pure quando cammino nella sabbia del Beach Stadium del grattacielo di Cesenatico. I primi campi da beach li feci costruire in occasione delle Feste Nazionali del CSI, e da allora non furono pi spostati (80/84).

    La pallavolo femminile lo sport femminile pi giocato a Cesene e in Italia, si sente di esserne lartefice ?SI! Io ci ho creduto fin da subito!

  • Oggi presentiamo coach

    LUCA BAGIOLILuca Bagioli ex giocatore di serie A, storico allenatore del volley club cesena, attualmente responsabile del settore 2002-2003 e allenatore del 2002 romagna in volley, 2003 s. egidio, 2002-2003 itis ci aiutera a conoscere meglio uno dei fondamentali pi importanti della pallavolo. Da anni il suo obiettivo dare sempre pi qualit agli insegnamenti e trasmettere passione alle atlete che ogni giorno segue con molta attenzione . Diverse ragazze hanno raggiunto le prime squadre di romagna in volley grazie al suo lavoro, in particolare oggi ci aiuter a capire gli aspetti pi importanti del bagher di ricezione.

    La RICEZIONE del servizio avversario un fondamentale da cui dipende una buona realizzazione dell azione di attacco.

    COMPOSTA DA 3 FASI PRINCIPALI

    Osservazione del battitore avversario e immediata valutazione della traiettoria della palla appena colpita (prima che oltrepassi la rete).

    Spostamento del giocatore dietro alla palla senza variare laltezza del baricentro, preparazione e adattamento del piano di rimbalzo anticipando langolo di impatto (braccia e spalle).

    Tocco e guida della palla verso il palleggiatore (si spinge o si ammortizza la palla in base alla velocit del servizio avversario).

    Il piano di rimbalzo importantissimo ed formato dall unione delle braccia tese e simmetriche.

    L avvicinamento dei gomiti e delle spalle ne favorisce la formazione perfetta.

    In qualsiasi situazione la priorit sar proprio quella di avere langolo del piano di rimbalzo verso lalzatore in posto 3 o 3-2.

    Sar compito dell allenatore, individuare i giocatori che, per caratteristiche morfologiche e caratteriali, sono pi adatti a rivestire il ruolo di ricevitore puro nel caso del futuro libero o ricevitore-attaccante.

    Il BAGHER comunque un fondamentale importante per tutti i giocatori, anche per chi non diventer specialista, perch utilizzato in tutti i ruoli. Da non sottovalutare lo sforzo emotivo, che lallenatore deve interpretare dando adeguata preparazione e sicurezza psicologica ai propri ricevitori, questo perch il nemico pi grande in ricezione proprio lincertezza sulle proprie capacit.

  • VCC 2000-2001

    RIV 2004Coach:Val letta Vittorio e Farnedi Giul ia

    RIV 2000

    VCC 2000-2001Coach:Di Meo Tobia e Graziani Michela

    RIV 2000Coach: Alessandro Guidi

    e Canni l lo Michele

    www.bancadicesena.it

    RIV 2004

  • INTERVIS