PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE STRATEGICO 2016 ?· PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE STRATEGICO 2016…

Download PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE STRATEGICO 2016 ?· PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE STRATEGICO 2016…

Post on 18-Feb-2019

212 views

Category:

Documents

0 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

PIANO DI ORGANIZZAZIONE AZIENDALE

STRATEGICO 2016

POAS Documento Descrittivo - allegato al decreto n. 118 del 21/10/2016

1

Indice

1 IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO ....................................................................................... 3 2 LIDENTIT AZIENDALE ......................................................................................................................... 5

2.1 Denominazione, sede legale, logo, patrimonio ........................................................................... 5 2.2 La Mission .................................................................................................................................... 7 2.3 Il contesto e la rete dellofferta ................................................................................................... 8

2.3.1 Il Territorio ........................................................................................................................ 8 2.3.2 Il Contesto Epidemiologico ............................................................................................... 9 2.3.3 LOfferta Sanitaria e Sociosanitaria ............................................................................... 24

3 LATTIVIT DI INDIRIZZO, DI CONTROLLO E DI GESTIONE .................................................................... 9 3.1 Gli Organi dellATS ..................................................................................................................... 33

3.1.1 Direttore Generale .......................................................................................................... 34 3.1.2 Collegio di Direzione ....................................................................................................... 35 3.1.3 Collegio Sindacale ........................................................................................................... 36

3.2 La Direzione Strategica .............................................................................................................. 36 3.2.1 Il Direttore Sanitario ....................................................................................................... 38 3.2.2 Il Direttore Amministrativo ............................................................................................. 38 3.2.3 Il Direttore Sociosanitario ............................................................................................... 39

3.3 Incarichi Dirigenziali di Struttura ............................................................................................... 40 3.3.1 Modalit di affidamento ................................................................................................ 40 3.3.2 Contratti Individuali, Obiettivi e Valutazione ................................................................. 40 3.3.3 Modalit di Conferimento Deleghe ................................................................................ 42

4 IL SISTEMA DEI CONTROLLI INTERNI ..................................................................................................44 4.1 Controllo di Gestione ................................................................................................................. 44 4.2 Qualit ........................................................................................................................................ 45 4.3 Internal Auditing ........................................................................................................................ 46

5 LA PREVENZIONE DELLA CORRUZIONE ..............................................................................................47 6 LORGANIZZAZIONE ...........................................................................................................................48

6.1 Ruolo e Funzioni dellATS........................................................................................................... 48 6.2 Articolazioni e Livelli Organizzativi ............................................................................................ 48 6.3 Dipartimenti ............................................................................................................................... 52

6.3.1 Dipartimenti Interaziendali ............................................................................................ 54 6.4 Articolazione Territoriale ........................................................................................................... 56

6.4.1 I Distretti ......................................................................................................................... 56 6.4.2 Gli Ambiti Distrettuali ..................................................................................................... 56 6.4.3 I Distretti Veterinari ........................................................................................................ 58

2

7 IL FUNZIONAMENTO DELLA STRUTTURA ORGANIZZATIVA ................................................................64 7.1 Regolamento di Budget, Centri di Costo e Centri di Responsabilit ......................................... 64 7.2 Il Nucleo di Valutazione e i Collegi Tecnici ................................................................................ 66 7.3 Rapporti con gli Enti ................................................................................................................... 67 7.4 Accordi e Contratti con gli Erogatori ......................................................................................... 68 7.5 Rapporti con le Rappresentanze Sindacali ................................................................................ 70 7.6 Consultazione, Tutela e Partecipazione degli Utenti ................................................................ 71 7.7 Rapporti con lutente ................................................................................................................. 75 7.8 Sicurezza degli operatori ........................................................................................................... 77

3

1 IL CONTESTO NORMATIVO DI RIFERIMENTO Con legge regionale n. 23 dell11 agosto 2015 stato approvato il percorso di evoluzione del Servizio Sociosanitario Lombardo (SSL), avviando il nuovo welfare lombardo.

La suddetta legge ha modificato la L.R. n. 33/2009 (Testo unico delle leggi regionali in materia di sanit) e, al fine di migliorare ed integrare i servizi, razionalizzare la spesa e rafforzare i controlli favorendo lintegrazione delle politiche sanitarie e sociosanitarie con quelle sociali di competenza delle autonomie locali, ha ridisegnato funzioni e competenze della Regione e degli altri enti del Sistema sociosanitario lombardo.

Gi nel titolo della legge si parla di evoluzione, in ragione della necessit di porre le basi per ladeguamento del sistema alle nuove complessit che si profilano nei prossimi decenni (ad esempio lallungamento dellaspettativa di vita e laumento conseguente della cronicit), facendo confluire risorse, energie e competenze professionali in unico Sistema, coordinato da ununica regia e deputato alla presa in carico dei bisogni complessivi delle persone, delle famiglie e dei soggetti pi fragili. Una significativa riforma nel sistema sociosanitario regionale era gi stata realizzata con la L.R. n. 31/1997, basata sul principio della libera scelta da parte delle persone e delle famiglie, sulla separazione di competenze tra ente programmatore e controllore (ASL) ed ente erogatore di prestazioni (Aziende Ospedaliere), oltre che sulla parit tra soggetti di diritto pubblico e privato nellerogazione delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie, accreditati secondo precisi criteri strutturali e qualitativi e secondo il principio della sussidiariet orizzontale.

Le modifiche legislative operate con la L.R. n. 23/2015 riconfermano i capisaldi della L.R. n. 31/1997, con particolare riferimento alla libert di scelta della persona, alla competitivit tra le strutture pubbliche e private, determinata dal sistema degli accreditamenti, al rafforzamento della separazione delle competenze tra programmazione ed erogazione dei servizi ed intendono portare ad un cambio culturale, passando dal tradizionale concetto di cura a quello di prendersi cura della persona.

Al fine di dare piena attuazione allevoluzione del sistema sanitario, sociosanitario e sociale integrato, stato innanzitutto istituito l'Assessorato alla salute e politiche sociali (Welfare), che riassume le deleghe in essere facenti capo rispettivamente all'Assessorato alla salute e all'Assessorato alla famiglia, solidariet sociale, volontariato e pari opportunit.

Per effetto della medesima L.R. n. 23/2015 sono state costituite, a decorrere dall1.1.2016:

- n. 8 Agenzie di Tutela della Salute (ATS) nelle quali sono confluite le precedenti 15 ASL. Le ATS hanno compiti di programmazione dell'offerta sanitaria e sociosanitaria, di accreditamento delle strutture sanitarie e sociosanitarie, di negoziazione e acquisto delle prestazioni sanitarie e sociosanitarie. La costituzione delle ATS in Agenzie e non in Aziende determina chiaramente il venir meno delle precedenti funzioni di erogazione in capo alle disciolte ASL ed il compimento del processo di pi avanzata separazione della funzione programmatoria da quella erogativa;

4

- n. 27 Aziende socio sanitarie territoriali (ASST) nelle quali sono confluite le precedenti 29 Aziende Ospedaliere. Le ASST hanno il compito di assicurare, con gli altri soggetti erogatori del sistema, lerogazione dei livelli essenziali di assistenza (LEA) e di eventuali livelli aggiuntivi definiti dalla Regione con risorse proprie, nella logica della presa in carico della persona.

Inoltre sono state istituite:

- lAgenzia di controllo del sistema sociosanitario lombardo, quale ente terzo ed indipendente incaricato di predisporre e proporre alla Giunta Regionale il piano annuale dei controlli e dei protocolli, nonch di programmare e coordinare gli interventi delle strutture di controllo delle ATS, in accordo con le stesse. LAgenzia vigila sui criteri di efficienza, efficacia, qualit, appropriatezza ed economicit delle prestazioni e dei servizi erogati, anche attraverso l'analisi dell'incidenza dei costi sui fattori di produzione dei soggetti erogatori e la creazione di sistemi di monitoraggio delle performance delle aziende pubbliche e private che lavorano per il sistema sanitario regionale;

- lAgenzia per la promozione del servizio sociosanitario lombardo, al fine di promuovere il servizio sociosanitario lombardo sul territorio nazionale ed a livello internazionale, anche attraverso il reperimento di adeguate risorse finalizzate a sostenere linnovazione e la ricerca nelle strutture di riferimento specialistiche.

Allinterno del nuovo contesto le ATS, accanto alle tradizionali funzioni delle ex ASL (programmazione dellofferta, accreditamento, negoziazione, contrattualizzazione, acquisto, valutazione e controllo e promozione e tutela della salute) rivestono la specifica funzione di governo della domanda, finalizzata alla presa in carico delle persone in modo coordinato e integrato e alla realizzazione di reti essenziali per la gestione di percorsi assistenziali nel rispetto di specifici PDTA.

Come previsto dalla L.R. n. 41/2015 listituzione delle ATS e ASST avviene in via sperimentale per un periodo di 5 anni, al termine del quale il Ministero della Salute valuter i risultati della sperimentazione, con una prima verifica al termine del primo triennio di sperimentazione. Va ricordato che con successiva L:R. n. 15/2016, nel solco dellevoluzione del sistema sociosanitario lombardo, sono state introdotte significative modifiche alla L.R. n. 33/2009 relativamente allarea della salute mentale (ambiti delle dipendenze, della neuropsichiatria dellinfanzia e delladolescenza, della psichiatria, della psicologia e della disabilit psichica) e in materia di sanit pubblica veterinaria.

5

2 LIDENTIT AZIENDALE 2.1 Denominazione, sede legale, logo, patrimonio LAgenzia di Tutela della Salute (ATS) della Val Padana stata istituita per effetto della L.R. n. 23/2015 ed stata costituita dal 1 gennaio 2016 con deliberazione di Giunta Regionale n. X/4470 del 10.12.2015. LATS dotata di personalit giuridica di diritto pubblico e di autonomia organizzativa, amministrativa, patrimoniale, contabile, gestionale e tecnica. LATS ha sede legale in Via dei Toscani, n. 1 46100 Mantova (codice fiscale 02481970206), con sedi territoriali corrispondenti alle disciolte ASL di Cremona e ASL di Mantova, confluite nellattuale ATS. Il logo dellATS rispecchia limmagine coordinata definita da Regione Lombardia per gli Enti del Sistema Socio Sanitario Regionale

Il sito web istituzionale : www.ats-valpadana.it Il Patrimonio Il patrimonio dellATS costituito da tutti i beni mobili e immobili presenti nel libro cespiti previsto ai sensi della normativa vigente, nonch da tutti i beni comunque acquisiti nellesercizio delle proprie attivit o in seguito ad atti di liberalit. Pi precisamente sono afferiti al patrimonio dellATS cespiti immobiliari provenienti dalle disciolte Asl di Cremona e di Mantova e assegnati con Decreti Regionali n. 11988/15 e n. 5202/2016. L'ATS dispone del proprio patrimonio secondo il regime della propriet privata, fermo restando che i beni mobili e immobili utilizzati per il perseguimento dei fini istituzionali costituiscono patrimonio indisponibile, e pertanto non possono essere sottratti alla loro destinazione, se non nei modi stabiliti dalla legge. L'ATS riconosce la valenza strategica del patrimonio quale strumento di potenziamento e di qualificazione strutturale e tecnologica dell'offerta di servizio e, in questa prospettiva, si riserva

6

iniziative di investimento anche mediante processi di alienazione del patrimonio da reddito e di trasferimento di diritti reali, previa la necessaria autorizzazione regionale. LAgenzia ha attivato un processo di razionalizzazione delluso degli spazi e delle risorse secondo il modello gestionale ed organizzativo in corso di definizione.

7

2.2 La Mission LAgenzia di Tutela della Salute della Val Padana riconosce come propria la seguente mission: esercitare e garantire funzioni di tutela della salute e della sicurezza dei cittadini, assicurando livelli uniformi di assistenza e il perseguimento di obiettivi di salute, attraverso lintegrazione dei servizi sanitari, sociosanitari e sociali, nel rispetto del principio della libera scelta e della sussidiariet orizzontale. A tale fine, sono definiti i seguenti obiettivi strategici: - migliorare lappropriatezza e la qualit della risposta ai bisogni sanitari e socio-sanitari dei

cittadini, attraverso il potenziamento delle azioni per il governo della domanda e dellofferta; - migliorare il rapporto tra Agenzia e ci...

Recommended

View more >