brucellosi. la brucellosi o febbre ondulante o febbre maltese o melitense è una zoonosi,...

Click here to load reader

Post on 01-May-2015

216 views

Category:

Documents

1 download

Embed Size (px)

TRANSCRIPT

  • Slide 1
  • BRUCELLOSI
  • Slide 2
  • La Brucellosi o Febbre Ondulante o Febbre Maltese o Melitense una zoonosi, cio una malattia trasmessa alluomo dagli animali
  • Slide 3
  • Eziologia E causata da batteri appartenenti al genere Brucella, famiglia Brucellaceae
  • Slide 4
  • Slide 5
  • Le Brucelle sono microrganismi a forma di cocco-bacilli gram negativi, aerobi obbligati, immobili, non fermentanti
  • Slide 6
  • Il genere Brucella comprende 6 specie: B. melitensisB. melitensis B. abortus Patogene per luomoB. abortus Patogene per luomo B. suisB. suis B. ovisB. ovis B. neotomae Sono solo negli animaliB. neotomae Sono solo negli animali B. canisB. canis
  • Slide 7
  • Slide 8
  • B. melitensis infetta ovini e caprini ed fortemente patogena per luomo
  • Slide 9
  • Modalit di trasmissione Luomo si infetta per contatto diretto con gli animali per contatto diretto con gli animali domestici e con i loro prodotti domestici e con i loro prodotti per via indiretta attraverso gli alimenti per via indiretta attraverso gli alimenti
  • Slide 10
  • Trasmissione diretta La via di penetrazione cutaneo-mucosa (lesioni della cute, della mucosa buccale o nasale), ma anche la via aerea o congiuntivale per la presenza delle brucelle nelle polveri. Sono colpiti: pastori, mungitori, personale addetto alla macellazione, veterinari
  • Slide 11
  • Trasmissione indiretta Si verifica per ingestione di alimenti contaminati. Latte crudo, ricotta e formaggi freschi
  • Slide 12
  • La malattia ha un andamento stagionale tipico, con un forte incremento in primavera e allinizio dellestate, in concomitanza con il parto o gli aborti delle femmine infette
  • Slide 13
  • Patogenesi Le brucelle quando penetrano nellorganismo si localizzano nel sistema reticolo-endoteliale, soprattutto nei linfonodi, milza, fegato, rene e midollo osseo. In questi organi provocano la formazione di noduli granulomatosi, a volte con fenomeni di necrosi
  • Slide 14
  • Epidemiologia E endemica in tutto il mondo, particolarmente nei paesi del Mediterraneo, in India, nei Paesi mediorientali, nellAsia centrale e in America Latina
  • Slide 15
  • Sintomatologia Dopo un periodo di incubazione variabile da 1 a 4 settimane, la malattia inizia in maniera subdola con:febbre, sudorazione, algie diffuse, astenia, splenomegalia, epatomegalia
  • Slide 16
  • Febbre La febbre assume un andamento caratteristico di tipo ondulante: cio si ha lalternarsi di periodi di 1-2 settimane, in cui la febbre elevata con aumenti pomeridiani e remissioni notturne con sudorazione profusa, e periodi di apiressia di durata pressocch analoga
  • Slide 17
  • Durata della malattia La malattia pu durare pochi giorni, ma anche mesi o addirittura anni
  • Slide 18
  • Accertamenti diagnostici Indagini batteriologiche (emocoltura)Indagini batteriologiche (emocoltura) Indagini sierologiche (sierodiagnosi di Wright)Indagini sierologiche (sierodiagnosi di Wright)
  • Slide 19
  • Prevenzione nelluomo La notificazione obbligatoria. Non necessario isolare il malato, poich il contagio interumano eccezionale. Educazione igienica del personale a rischio per evitare il contagio. Vaccino - profilassi
  • Slide 20
  • Prevenzione negli animali Vaccinazione, che dovrebbe essere obbligatoria, di tutti gli animali
  • Slide 21
  • Terapia

View more