i nostri cani - novembre 2013

Download I Nostri Cani - novembre 2013

Post on 14-Mar-2016

265 views

Category:

Documents

11 download

Embed Size (px)

DESCRIPTION

I Nostri Cani - novembre 2013

TRANSCRIPT

  • Post

    e Ita

    liane

    S.p.

    a. - S

    pediz

    ione i

    n abb

    onam

    ento

    post

    ale - D

    .L. 3

    53/2

    003

    (conv

    . in L.

    27/

    02/2

    004

    n 4

    6) A

    rt. 1

    com

    ma 1

    LO/M

    I - N.

    10

    nove

    mbr

    e 201

    3

    novembre 2013

    organo ufficiale ENCI

    RHODESIANPICCOLO LEVRIEROMALTESERACING EUROPEOCONVEGNO SEGUGI

  • SOMMARIO

  • SOMMARIO

    Campioni in www.enci.itI campioni sono sul sito ENCI in questo modo si avr un'informazione

    pi diffusa.

    PER I GRUPPI CINOFILI

    Si informano i Gruppi Cinofili ENCI che allinterno de I Nostri Cani sono disponibili gratuitamente pagine dedicate ai resoconti delle Esposizioni Internazionali e Nazionali.Per avere informazioni riguardanti gli aspetti tecnici e le modalit dinvio, contattare la redazione:

    redazione@enci.it - tel. 0270020358

    Calendario esposizioni e prove in www.enci.it

    Le classifiche del TOP DOG sono visibili

    sul sito dellENCI

    Se il Rhodesian ti vuole bene... 5Sara Venturelli

    Il Piccolo Levriero Italiano 10un enigma tutto da scoprireSergio AnconettiGaetano Caldarone

    Il bacio del Maltese 14Barbara Vezzani

    Il Cao de Agua nel suo meeting 20Antonia Zappaterra

    Fifa, la freccia tricolore 22Mario Rocchi

    Dogo. Lo standard e la testa 24Massimo Inzoli

    Martina e il suo Rottweiler 26Anna Pasqualetto e Raffaele Bruno

    Azzurri bravi e sfortunati 28Daniele Pozzi

    Cinofilia fa rima con amare 36Rodolfo Grassi

    I Maltesi signori del castello 38Roberto Stevanella

    40 Il Greyhound Re di RomaAnna Gioia Taucci

    42 Insieme nel successoLuigi Corna

    45 Tebe la migliore di razzaLidio Riva

    46 Il Segugio e la scienzaVincenzo Ferrara

    48 I CACIT del MaccaferriRoberto Aguzzoni

    50 Centottantaquattro... e lodeGiorgio Bellotti

    52 Saladini sul GrappaGian Carlo Trivellato

    53 Vella conquista la ThuileGiancarlo Passini

    CHI E DOVE

    54 I successi 62 Gli allevatori

  • NOTIZIE ENCI

    Articolo 31 del Regolamento generale delle manifestazioni canine

    Possono concorrere tutti gli allevatori italiani titolari di affisso.

    Lallevatore pu conteggiare le qualifiche conseguite in manifesta-zioni riconosciute dallENCI ed organizzate in Italia, e le qualifiche italiane ottenute allestero. Le stesse, ottenute contemporanea-mente dal soggetto (es. Ecc. Cac, Cacib o Ecc. Cac, Cacit), non sono cumulabili.Lallevatore non pu concorrere con soggetti di razze diverse.

    I risultati, comprensivi delle fotocopie dei libretti delle qualifiche e della pagina riepilogativa dei dati del soggetto (frontespizio), dovranno essere inviati allE.N.C.I. entro e non oltre il 31 dicembre p.v. Non saranno presi in considerazione i risultati di soggetti privi della documentazione probatoria.

    Il Trofeo sar consegnato ogni anno in occasione dellAssemblea Generale dei Soci.

    Lallevatore sospeso dalla Commissione di disciplina non potr concorrere sino al termine della sanzione.

    Esposizione(Internazionali, Nazionali, Raduni)1) Cani da pastore e bovari (esclusi bovari svizzeri);2) Cani di tipo pinscher e schnauzer, molossoidi e bovari svizzeri;3) Terrier;4) Bassotti;5) Cani di tipo spitz e di tipo primitivo;6) Segugi e cani per pista di sangue;7) Cani da ferma;8) Cani da riporto, da cerca e da acqua;9) Cani da compagnia;10) Levrieri.

    Vengono premiati i primi due allevatori che con un minimo di cin-que soggetti col proprio affisso, anche se di altrui propriet, hanno conseguito il maggior punteggio in base alla seguente tabella:Ecc. Cac, Cacib punti 6

    Ecc. Cac punti 41 Ecc. in raduno (libera o lavoro per razze sottoposte a prove) punti 4Ecc. Ris. Cac, Ris. Cacib punti 3Ecc. 1 campioni punti 2Ecc. punti 1

    Ogni allevatore pu conteggiare per ogni soggetto soltanto il miglior risultato rilasciato da ogni giudice.A parit di punteggio il Trofeo viene assegnato allallevamento che lo ha conseguito con il minor numero di cani.

    Prove (Cac in palio)1) Cani da pastore: a. militari - b. civili;2) Cani di tipo pinscher e schnauzer;3) Terrier;4) Bassotti;5) Segugi e cani per pista di sangue;6) Cani da ferma continentali italiani;7) Cani da ferma continentali esteri;8) Cani da ferma britannici;9) Cani da riporto e spaniels;10) Levrieri.

    Vengono premiati i primi due allevatori che con un minimo di tre soggetti col proprio affisso, anche se di altrui propriet, hanno conseguito il maggior punteggio in base alla seguente tabella:Ecc. Cac, Cacit punti 6Ecc. Cac punti 4Ecc. Ris. Cac, Ris Cacit punti 3;Ecc. punti 2Mb e Cqn punti 1

    Per i cani da pastore e di tipo pinscher e schnauzer, lallevatore pu conteggiare le qualifiche ottenute in Ipo 1,2,3 e nei brevetti 1,2,3.A parit di punteggio il Trofeo viene assegnato allallevamento che lo ha conseguito con il minor numero di cani.

    TROFEO ANNUALE DI ALLEVAMENTO ESPOSIZIONE E PROVE

    Il Consiglio Direttivo nel corso della riunione del 26 luglio 2011, per ricordare lillustre figura di Oscar Monaco ha deliberato listituzione di un Trofeo annuale in memoria, con il seguente regolamento: prevista lassegnazione del Trofeo, al setter o al pointer che nelle prove a grande cerca con CACIT italiani nel perio-do 1 gennaio/31 dicembre di ogni anno, abbia conse-guito il miglior punteggio in base alla seguente tabella:Eccellente, CAC - CACIT 12 PuntiEccellente, Riserva CAC, Riserva CACIT 11 PuntiEccellente 1 10 PuntiEccellente 2 9 PuntiEccellente 3 8 PuntiEccellente dopo il 3 7 PuntiMolto Buono, senza classifica 4 PuntiBuono 2 PuntiLa premiazione avverr nel corso dellassemblea dei soci ENCI, con lassegnazione di una scultura.I risultati comprensivi delle fotocopie dei libretti delle qualifiche e della pagina riepilogativa dei dati del soggetto (frontespizio) dovranno essere inviati allENCI entro e non oltre il 31 dicembre p.v.

    TROFEO OSCAR MONACO

    Articolo 32 del Regolamento generale delle manifestazioni canine

    Il Consiglio Direttivo ha istituito un Trofeo annuale denominato La Regina del Bosco destinato al miglior cane di razza da ferma inglese e continentale con migliori risultati ottenuti nelle prove con Cac su beccac-ce.Vengono ritenute valide un minimo di due prove a calendario: a parit di risultato valgono qualifica e classifica superiore, lulteriore parit porta alla proclamazione ex-equo.Il premio consiste in una corona con beccaccia in argento.

    Al proprietario vincitore del Trofeo La Regina del Bosco per due anni anche non consecutivi con il medesimo cane verr attribuito il Challange Un Re per la Regina del Bosco il cui premio consiste in una corona con beccaccia doro.

    I risultati, comprensivi delle fotocopie dei libretti delle qualifiche, dovran-no essere inviati allENCI entro e non oltre il 31 dicembre p.v. Non saran-no presi in considerazione i risultati di soggetti privi della documentazio-ne probatoria.I Premi verranno consegnati ogni anno in occasione dellassemblea generale dei soci

    TROFEO ANNUALE LA REGINA DEL BOSCO CHALLANGE UN RE PER LA REGINA DEL BOSCO

    4

  • Selezionato come segugio da leoni, vive in abitazione perch

    La storia del Rhodesian Ridgeback o Lion Dog ha origini lontane ed affonda le sue radici nel XVI e XVII secolo, intrecciandosi con quella di un antico cane africano, il cane crestato della trib dei Khoikhoi (o Ottentotti). Dalle descrizioni trovate questo cane sembra fosse di tipo spitz, si-mile ad uno sciacallo,con una caratteri-stica cresta di pelo sul dorso. I Boeri, du-rante la colonizzazione del territorio suda-fricano, restarono colpiti da questa singo-lare creatura per la sua fedelt, resistenza ed abilit nella caccia, tanto da decidere di incrociarlo con i cani che essi avevano condotto al proprio seguito come Pointer, Greyhound e Bulldog. Nacquero cos i cani boeri o Steekbaar: cani da caccia crestati, molto apprezzati dai cacciatori di grossa selvaggina.Nel 1879 il missionario Charles Helm port due di questi soggetti ad Hope Fountain la propria missione nel Matabeland (allora Rhodesia, oggi Zimbabwe), che era fre-quentata da alcuni famosi cacciatori bianchi tra i quali anche Cornelius Van Rooyen. Egli incroci i cani della sua muta con i cani crestati di Charles Helm, immet-tendo cos sangue di altre razze di matrice europea (Alani, Collies, Mastiff, Deerhound e Terrier Irlandesi) e ottenendo soggetti allapparenza molto simili ai moderni rho-desiani.

    IL PRIMO STANDARDFu redatto ufficialmente nel 1922, da

    Francis Richard Barnes, standard molto simile a quello dei dalmata (a cui Barnes, per sua stessa ammissione si ispir). Barnes decise inoltre di fondare il Club di Razza, che potesse mantenere effettiva-mente lo standard, Club che nacque a Bulawayo nel 1922. Il South African Kennel Union riconobbe ufficialmente nel 1926 il Rhodesian Ridgeback come razza apparte-nente allo Zimbabwe Kennel Club (e ci importante ancora oggi perch ne certifica lorigine).Ci sarebbe moltissimo da scrivere sulla razza, sullo standard e sulla sua evolu-zione da allora, ma dovendo necessaria-mente fare una qui una scelta selettiva, tengo molto a soffermarmi sullaspetto ca-ratteriale del Rhodesian Ridgeback (RR) per sottolineare come sia veramente es-senziale che la scelta di un tale compagno sia sempre frutto di una riflessione ben ponderata da parte di persone con le giuste qualit. La realt del giorno doggi infatti molto diversa da quella originaria ed un dato di fatto che la maggior parte dei nostri cani vive citt, magari in un appartamento e a stretto contatto con persone ed altri ani-mali. importantissimo dunque avere un cane equilibrato e solido, ben socializzato e capace di affrontare tutte le disparate si-tuazioni che la vita urbana quotidiana-mente propone. E questo dipende innan-zitutto